Redding: “Un grande azzardo che ha pagato con la vittoria!”

Scott Redding ha dominato Gara 2 con una strategia vincente montando le gomme slick nonostante la pista umida. La sua è stata una scelta azzardata, che però si è rivelata corretta con il passare dei giri e il britannico ha regalato il primo successo stagionale a Ducati.

Redding: “Un grande azzardo che ha pagato con la vittoria!”

Il weekend inaugurale della stagione non era iniziato nel migliore dei modi per Scott Redding, in difficoltà con il feeling in Gara 1 e vittima di una strategia sbagliata nella Superpole Race. Proprio la strategia è stata una condanna la domenica mattina e una carta vincente nel pomeriggio: nella seconda manche infatti, nonostante le condizioni insidiose, il pilota Ducati ha tentato l’azzardo, montando un set di gomme andando in controtendenza rispetto ai rivali.

Se tutti avevano montato le intermedie infatti, Redding ha optato per le slick, una scelta apparsa folle inizialmente. La pioggia però, che aveva condizionato la domenica fino a quel momento, non si è mai abbattuta sul circuito, con la pista che man mano si è asciugata rendendo vincente la scelta del britannico.

Con il passare dei giri, Redding ha mostrato un passo totalmente diverso da quello visto in Gara 1 ieri e nella Superpole Race di questa mattina. Una rinvigorita Panigale V4R si è portata davanti a tutti con Scott Redding, che ha inflitto un distacco pesante al secondo, Jonathan Rea. Con questo risultato, il portacolori Aruba.it Racing – Ducati si porta in terza posizione nella classifica generale, a 17 lunghezze da Rea, leader del campionato.

Leggi anche:

“Sono felice di lasciare Aragon con una vittoria – afferma Redding al termine di Gara 2 – Le condizioni erano difficili per tutti e il nostro è stato un grande azzardo. Questa mattina ho perso l’occasione montando le gomme rain, ma nel pomeriggio ho montato le slick. Dovevo prendere questo rischio, ho dato il massimo che ho potuto ed è stato bello concludere il weekend con una vittoria, sia per me sia per il team. È stato un weekend difficile, non è stato liscio, abbiamo preso decisioni sbagliate, la moto non andava come ci aspettavamo, quindi sono felice anche di esserci messi alle spalle Aragon, che l’anno scorso è stato uno dei tracciati peggiori per noi”.

Redding spiega poi il motivo che lo ha portato a scegliere le slick, al contrario dei suoi avversari: “Non avevo fiducia della scelta all’inizio, mi sono passate per la testa molte cose. Avevo messo le intermedie nel 2019 nel BSB e non aveva funzionato, era stata colpa mia, ero stato stupido. Avevo montato le intermedie anche al Sachsenring quando ero in MotoGP con Pramac e ho mancato il podio per due giri. Quindi ho deciso che non avrei mai più montato intermedie per una gara lunga. Il team mi consigliava le intermedie, ma io ho detto ‘mettiamo le slick, prendiamoci il rischio’. Ci siamo presi un rischio che è valso la pena e ci ha portato una vittoria. Possiamo essere felici, ma la linea era sottile, potevamo andare fortissimo come sbagliare clamorosamente. Giochiamo sempre sul filo nelle corse e sono felice di essere riuscito a vincere”.   

condividi
commenti
Mondiale SBK: Rea, è ancora record e va in testa alla classifica
Articolo precedente

Mondiale SBK: Rea, è ancora record e va in testa alla classifica

Articolo successivo

SSP300, Aragon: Huertas e Booth-Amos si aggiudicano le prime gare

SSP300, Aragon: Huertas e Booth-Amos si aggiudicano le prime gare
Carica i commenti