Redding: “Questa è proprio una vera vittoria!”

Scott Redding vince Gara 1 ad Estoril e conquista così il secondo successo consecutivo, il settimo in Superbike. Il pilota Ducati è ora a otto punti da Rea e punta a trionfare anche nelle due gare di domani.

Redding: “Questa è proprio una vera vittoria!”

Già dalla Superpole di questa mattina si vedeva uno Scott Redding agguerrito, ma in Gara 1 ha concretizzato la propria voglia di far bene. Allo spegnersi del semaforo è stato autore dello spunto migliore, andando al comando e togliendo subito la leadership a Jonathan Rea, costretto a inseguire. Con il passare dei giri però, il portacolori Aruba.it Racing – Ducati ha messo dei metri tra sé e gli inseguitori, andando poi a vincere con otto decimi di vantaggio.

Non un dominio esagerato quello di Redding, ma quanto basta per portare a casa il secondo successo consecutivo, il settimo totale in Superbike. Con questo successo, il britannico si porta in seconda posizione nella classifica generale, a 8 punti da Rea: “Questa è proprio una vera vittoria! Quella di Aragon era una vittoria, ma non come quelle che intendo io. Ho sentito la pressione per tutta la gara e mi sono sentito bene con questa pressione. Sono felice di aver portato a casa il successo”.

“Non ho dominato quanto mi aspettavo – prosegue – perché il passo degli altri era molto veloce, ma non sono sicuro di quale gomma e quale strategia avessero usato. Per quanto mi riguarda, io ho fatto una bella partenza, per la prima volta quest’anno ho beffato Jonathan alla prima curva e ho iniziato a spingere dall’inizio. Sapevo però che il mio passo era davvero forte”.

Il britannico inoltre è salito sul gradino più alto del podio portando l’opzione SCX, spesso criticata ma che in questa Gara 1 si è rivelata una scelta vincente: “Non so se la mia gomma fosse la scelta migliore, ma non ci ho pensato molto a dire la verità. Dopo tre o quattro giri ho pensato che forse non era stata una buona idea. Ero un po’ in panico per un paio di giri, ho provato un po’ a conservarla ed ero preoccupato per un crollo nel finale, in cui Rea è sempre molto forte. Ora vediamo per domani, se mantenere questa gomma o tornare alla SC0”.

Redding è proiettato proprio verso le due gare di domenica, da cui si aspetta di ottenere un buon risultato soprattutto in Gara 2: “Spero di vincere anche la terza gara consecutiva, anche se la Superpole Race è un po’ più difficile per me, perché nelle prove Kawasaki e Yamaha sono state sempre molto veloci nei primi giri, con un buon grip. Io invece arrivo un po’ più tardi, se azzeccano la partenza possono andare via. Io se parto bene posso provare a gestire, quindi vedremo. Se non vinceremo la Superpole Race, proveremo a trionfare in Gara 2”.

Sorride anche Michael Ruben Rinaldi, autore di una gara più soddisfacente delle precedenti. Il weekend del romagnolo non è iniziato benissimo per lui, ma ha trovato il riscatto con la quinta posizione finale di Gara 1: “Oggi è stata una gara abbastanza positiva per noi, perché arriviamo da un weekend difficile. Secondo me ieri e stamattina abbiamo lavorato bene con la squadra. Peccato per l’ultima parte di gara, perché potevamo fare un po’ meglio. Però domani ce n’è un’altra, quindi se lavoriamo bene secondo me possiamo lottare per il podio. Adesso dobbiamo analizzare i dati e capire cosa ci manca per l’ultima parte di gara”.

condividi
commenti
SBK, Estoril: affondo di Redding in Gara 1, terzo Rea
Articolo precedente

SBK, Estoril: affondo di Redding in Gara 1, terzo Rea

Articolo successivo

SSP, Estoril: non c’è due senza tre, Odendaal vince Gara 1

SSP, Estoril: non c’è due senza tre, Odendaal vince Gara 1
Carica i commenti