Redding: “Nel 2021 voglio essere in testa all’ultimo round”

Scott Redding archivia la giornata di test ad Estoril con il miglior crono, ma per il pilota Ducati l’aspetto più importante è aver raccolto informazioni in vista del 2021, dove punterà ad essere in testa alla fine del campionato.

condividi
commenti
Redding: “Nel 2021 voglio essere in testa all’ultimo round”

Archiviata la stagione 2021, la Superbike è ripartita subito con il 2021 completando una giornata di test sul Circuito di Estoril. Ducati ha schierato entrambi i piloti, il debuttante ufficiale Michael Ruben Rinaldi ed il confermato Scott Redding. Il britannico parte subito con il piede giusto e chiude  con il miglior crono, nell’unico giorno di prove condizionato dalla pioggia.

Redding ha però macinato qualche chilometro, concludendo 39 giri il più rapido dei quali in 1’36”581. Ma non era il cronometro ad essere al centro dell’attenzione del vicecampione del mondo, che si è concentrato sul lavoro di sviluppo della Panigale V4R. Sia il pilota sia la squadra hanno trovato infatti delle soluzioni su cui lavorare in vista della prossima stagione, come spiega lo stesso Redding al termine della giornata di test. “A dire la verità è sempre complicato fare i test a fine stagione, tutti vogliono riposare. Ma noi abbiamo provato e abbiamo spinto per un altro giorno. Siamo scesi in pista ed abbiamo provato alcune cose che ritengo interessanti, quindi ora Ducati ha qualche informazione in più per sviluppare la moto durante l’inverno. Durante la mattina ho girato e ho cercato di fare il più possibile perché sapevamo che sarebbe arrivata la pioggia”.

Leggi anche:

Oltre ai dati raccolti, il portacolori Ducati ha capito su quali aree lavorare, sia per quanto riguarda la moto sia per il progresso del pilota stesso: “Ho guadagnato fiducia, che forse è la cosa più importante. Mi sento più rilassato, mi sono tolto di dosso la pressione, perché non devo dimostrare nulla come ho dovuto fare il primo anno, in cui penso di essere andato bene. Io credo nel team ed il team crede in me. Ci sono alcune cose sulla moto da migliorare per poter essere più costanti e lottare con le Kawasaki. Credo che Ducati sia in grado di migliorare in vista del prossimo anno. Il prossimo anno all’ultimo round voglio essere il pilota davanti a tutti”.

Nel 2021 Redding vorrà provare a mettere un freno al binomio Rea-Kawasaki e sarà affiancato dal nuovo compagno di squadra. Michael Ruben Rinaldi ha esordito nei test di Estoril in sella alla Panigale V4R ufficiale ed il britannico ha commentato: “Conoscevo Michael già da prima ed abbiamo un buon rapporto. Certo, sarà un po’ strano guardare oltre il box e non vedere Chaz, ma le cose stanno così. Ho visto che Michael ha avuto delle prime impressioni buone sulla moto e questa cosa è positiva, perché abbiamo qualche differenza tra la vecchia e la nuova moto. Non vedo l’ora che inizi la prossima stagione, così correremo insieme”.

Per frenare Jonathan Rea però, Redding dovrà lavorare duramente durante l’inverno, ma ha già prefissato gli obiettivi: “Vedremo con il Covid, il piano è quello di perdere un po’ di peso, restare in forma, in salute, ma essere il più leggero possibile. Adesso mi prenderò una piccola pausa ma inizierò presto ad allenarmi per arrivare nelle condizioni ideali all’inizio della prossima stagione”.

Il debutto di Locatelli: “Yamaha potente, voglio girare ancora”

Articolo precedente

Il debutto di Locatelli: “Yamaha potente, voglio girare ancora”

Articolo successivo

Davies riluttante: "In un team satellite non lotto per il titolo"

Davies riluttante: "In un team satellite non lotto per il titolo"
Carica i commenti