Redding: “Mai corso a Magny-Cours, ma si adatta alla Ducati”

Scott Redding è pronto ad affrontare il round di Magny-Cours e girare per la prima volta sulla pista francese, dove sarà chiamato a frenare la corsa al sesto titolo di Jonathan Rea. Cruciale sarà il meteo.

Redding: “Mai corso a Magny-Cours, ma si adatta alla Ducati”

Il circuito di Magny-Cours è teatro questo fine settimana del penultimo round della stagione, che potrebbe già assegnare il titolo Superbike del 2020. Jonathan Rea arriva alla pista francese da leader ed assoluto favorito, ma Scott Redding è chiamato a frenare la cavalcata del pilota Kawasaki per tenere vive le speranze iridate.

Il pilota Ducati ha sofferto negli ultimi appuntamenti disputati e cerca il riscatto sul tracciato d’oltralpe, dove la pioggia potrebbe essere grande protagonista e scombinare i piani di squadre e piloti. Redding non ha mai corso su questa pista, ma non si abbatte ed è determinato a ridurre il distacco di 51 punti che lo separa da Rea in classifica. Al pilota Kawasaki basta infatti conquistare 13 punti per essere nuovamente campione del mondo, ma il rookie proverà a ‘rovinare’ la festa del connazionale.

Leggi anche:

L’idea di correre su un circuito nuovo è stimolante per Redding, che afferma: “Non conosco molto bene il circuito di Magny-Cours dove non ho mai gareggiato nella mia carriera. Sembra però un circuito molto interessante e anche adatto alla Ducati Panigale V4 R e questo potrebbe essere un buon punto di partenza. A me piace molto correre in circuiti nuovi e sono molto motivato. Troveremo condizioni climatiche imprevedibili e questo renderà il weekend ancora più eccitante. So che il team sta già lavorando e non vedo l’ora di essere in pista”.

Chaz Davies arriva al round di Magny-Cours forte del successo conquistato a Barcellona due settimane fa. Il gallese è apparso rinvigorito e vuole continuare a mantenere questa linea per poter confermare le ottime prestazioni del round catalano: “È un buon momento e dopo la vittoria ed il terzo posto a Barcellona vogliamo continuare in questa direzione. Nel weekend di Montmelò il feeling con la moto è stato davvero molto solido. Se le sensazioni con l’anteriore erano positive già da alcune gare, credo che adesso siamo riusciti a sistemare anche il feeling con il posteriore. Daremo il massimo a Magny-Cours anche se non sappiamo in quali condizioni meteo dovremo correre”.

condividi
commenti
Rea, a Magny-Cours il primo match point: “L’obiettivo è vincere”

Articolo precedente

Rea, a Magny-Cours il primo match point: “L’obiettivo è vincere”

Articolo successivo

Locatelli: "Dopo il mondiale Supersport, la Superbike nel 2021!"

Locatelli: "Dopo il mondiale Supersport, la Superbike nel 2021!"
Carica i commenti