Redding: “Gap da Rea ampio, ma può ancora succedere di tutto”

Scott Redding vince Gara 2 e frena la corsa al sesto titolo mondiale di Jonathan Rea. Ora tutto si gioca ad Estoril, dove il pilota Ducati arriva con 59 punti di distacco. Sa di non avere molte possibilità, ma non ritiene l’impresa totalmente impossibile.

Redding: “Gap da Rea ampio, ma può ancora succedere di tutto”

È uno Scott Redding rinvigorito quello che si vede in Gara 2 a Magny-Cours. La seconda gara lunga del fine settimana doveva essere chiave per Jonathan Rea, ormai lanciato verso il suo sesto titolo mondiale. Ma il pilota Ducati ha fermato la corsa del campione in carica, dominando sul bagnato e dando prova dei progressi fatti durante il weekend.

Redding arrivava al tracciato francese da rookie, non aveva mai corso sullo storico circuito d’oltralpe e le condizioni atmosferiche non aiutavano di certo nell’adattamento. Il bagnato costante non ha dato troppa fiducia al pilota Ducati, che il sabato ha preso le misure. Ma in Gara 2 ha tirato fuori gli artigli, tornando a mostrarsi come il grande rivale di Rea che avevamo visto ad inizio stagione.

Il grande lavoro del britannico consisteva nel familiarizzare con le gomme, come spiega al termine della seconda manche: “Imparare il circuito non era il compito più grande, il problema era acquisire fiducia con le gomme da bagnato, sono molto difficili. Ho iniziato a prendere confidenza pian piano. Nei primi giri di Gara 2 ho visto che Jonathan non aveva un grande potenziale, così ho pensato di poter andare a comandare la gara. Ero nella posizione in cui dovevo spingere, ma anche gestire. Comandare era buono da una parte perché potevo imporre il mio ritmo, ma dall’altra non sapevo quanto si usurasse la gomma. Ho solo provato a gestire al meglio, è bello finire il weekend con una vittoria”.

Leggi anche:

Redding doveva spingere e così ha fatto, senza giocare di strategia, come invece si poteva pensare: “È una di quelle situazioni in cui qualcuno mi avrebbe detto di rallentare per far sì che Rea venisse preso, ma sinceramente non l’ho mai vista come una manovra che funziona, specialmente in condizioni come queste. Preferisco prendermi qualche secondo di vantaggio e conquistare 25 punti piuttosto che rallentare l’avversario e magari perdere quei punti. Ho pensato che se avessi passato Jonathan, avrei spinto subito in gara. Ho solo fatto ciò che dovevo”.

Il sapore della vittoria per il pilota Ducati è ancora più dolce dopo i problemi e le difficoltà incontrati nel round precedente, disputato in Catalogna. Pensare al titolo forse è ormai difficile, ma per Redding non ancora impossibile: “Ho avuto un weekend duro a Barcellona, abbiamo faticato con la moto. Con questa vittoria mi sono riscattato dai risultati negativi, in particolare sotto la pioggia, dove molti hanno avuto difficoltà. Se ci fosse stata più pioggia forse sarebbe stato diverso, ma io mi sono sentito bene in queste condizioni e ho pensato che dovevo capitalizzare al massimo che potessi. Sono stato molto contento di vincere questa gara, ho guadagnato qualche punto per Estoril, il gap è ancora molto ampio, ma può succedere sempre di tutto nell’ultima gara della stagione”.

Forse nel 2020 Redding non riuscirà a fermare la corsa al titolo di Rea, ma sicuramente il weekend di Magny-Cours ha rappresentato un tassello in più nel suo apprendimento anche in vista del 2021: “Anche se al momento non ho molte possibilità di vincere il campionato, prendo questa stagione come apprendimento, questo fine settimana ho imparato a correre in condizioni intermedie. Ma ora che troveremo una situazione simile, sapremo come affrontarla. Rea e Kawasaki sanno già cosa devono fare, noi invece dobbiamo raccogliere informazioni e anche per i ragazzi si tratta di lavorare su una moto che è ancora relativamente nuova”.

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, vince la gara

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, vince la gara
1/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, vince la gara

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, vince la gara
2/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
3/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
4/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, vince la gara

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, vince la gara
5/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, vince la gara

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, vince la gara
6/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, terzo posto Chaz Davies, ARUBA.IT Racing Ducati

Il vincitore Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, terzo posto Chaz Davies, ARUBA.IT Racing Ducati
7/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: il vincitore Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Podio: il vincitore Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
8/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: il vincitore Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, third place Chaz Davies, ARUBA.IT Racing Ducati

Podio: il vincitore Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, third place Chaz Davies, ARUBA.IT Racing Ducati
9/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: il vincitore Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, secondo posto Loris Baz, Ten Kate Racing Yamaha, terzo posto Chaz Davies, ARUBA.IT Racing Ducati

Podio: il vincitore Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, secondo posto Loris Baz, Ten Kate Racing Yamaha, terzo posto Chaz Davies, ARUBA.IT Racing Ducati
10/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, vince la gara

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, vince la gara
11/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
12/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati airbourne

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati airbourne
13/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
14/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
15/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
16/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
17/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
18/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
19/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
20/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
21/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
22/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
23/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Mondiale SBK 2020: Redding rovina la festa mondiale a Rea

Articolo precedente

Mondiale SBK 2020: Redding rovina la festa mondiale a Rea

Articolo successivo

Rea: "Avevo l'angioletto da una parte e il diavoletto dall'altra"

Rea: "Avevo l'angioletto da una parte e il diavoletto dall'altra"
Carica i commenti