Rea sale in moto e corre…nel salotto di casa

Jonathan Rea ha pubblicato su Instagram un video divertente in cui esprime con ironia la mancanza delle gare e della sua moto. Il pilota Kawasaki ha disputato una gara nel salotto della propria casa.

Rea sale in moto e corre…nel salotto di casa

Il Mondiale Superbike è fermo ormai da quasi due mesi. Con l’annullamento di Imola e lo spostamento di Aragon e Misano ad agosto e novembre rispettivamente, le derivate di serie dovrebbero tornare in pista in occasione del round di Donington, a luglio. Ma la ripartenza non è ancora programmata e nulla è definitivo, con un calendario in continuo cambiamento.

Il lockdown, ora esteso in gran parte del mondo, ha costretto anche i piloti a restare fermi e non potersi allenare in moto. Oltre all’esercizio fisico per tenersi in forma, manca l’allenamento specifico, che nella maggior parte dei casi prevede giornate in pista con la moto da cross. Non è facile dover rinunciare a fare ciò che più si ama, ma c’è chi ha trovato la soluzione.

Leggi anche:

Jonathan Rea infatti, stufo di non poter salire in sella ad una moto, si è architettato cercando di rispettare al massimo le regole imposte dal governo, ma non quelle di casa. Si tratta di un video pubblicato dal Campione del mondo in carica su Instagram e creato proprio con sua moglie, Tatia, per intrattenere e far sorridere i seguaci.

Nella prima scena, Rea si mostra insofferente ed afferma di non poterne più di stare fermo e non poter andare in moto. Sua moglie, complice a co-protagonista del video pubblicato dal pilota, gli suggerisce di guidare, se proprio non resiste. Rea ha così un’idea: sale in moto e si architetta con una ‘pista’ arrangiata tra il giardino ed…il salotto di casa, passando per la cucina. L’idea ‘manda su tutte le furie’ Tatia, mentre il Campione del mondo, incurante dei rimproveri, ‘vince’ la sua gara e viene premiato dal figlio, che gli consegna un trofeo.

Il video si conclude sul ‘podio’, una panchina posta nel giardino, dove Rea festeggia il suo ennesimo successo. Il video ha riscosso un grande successo tra i followers, che hanno apprezzato l’idea e la realizzazione. Oltre a Rea però, anche i piloti sperano di poter tornare in moto al più presto, in pista a battagliare fra loro e non nei giardini delle proprie case. Il tutto quando le condizioni lo permetteranno.

 
condividi
commenti
Termorace: dalle termocoperte di MotoGP e WSBK alle mascherine

Articolo precedente

Termorace: dalle termocoperte di MotoGP e WSBK alle mascherine

Articolo successivo

Lowes: “Kawasaki è stata una bella scoperta”

Lowes: “Kawasaki è stata una bella scoperta”
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Autore Lorenza D'Adderio