Rea rivorrebbe Imola: "Preferirei andare lì che all'Estoril"

Il campione del mondo Jonathan Rea si rammarica che il Campionato Mondiale Superbike non correrà a Imola anche quest'anno ed è convinto che l'Italia sia il cuore della SBK.

Rea rivorrebbe Imola: "Preferirei andare lì che all'Estoril"

Il circuito di Imola è stato uno dei "classici" del calendario del Campionato Mondiale Superbike per molti anni. Con il pubblico italiano che mostrava grande interesse per le derivate di serie, l'evento è stato uno dei weekend di gara meglio frequentati anno dopo anno.

Ma a causa della pandemia di Coronavirus, il weekend di Imola è stato cancellato l'anno scorso. E anche quest'anno l'iconico circuito non lontano da Bologna manca dal calendari.

Alcuni piloti sono felici di non dover più andare a Imola, perché la pista si trova in mezzo alla città e ci sono alcune limitazioni in termini di zone di deflusso. Ma il campione del mondo Jonathan Rea vorrebbe correre di nuovo su questa pista impegnativa.

"Sono molto triste per Imola", ha commentato Rea. "Non è la pista più moderna, ma ho sempre avuto un bel feeling lì con le diverse moto nella mia carriera. Puoi davvero ballare con la moto su quella pista".

Jonathan Rea

Imola zählte zu Jonathan Reas Paradestrecken

Foto: Motorsport Images

Imola è stato un weekend importante per Rea nella stagione 2019. Dopo che il pilota Ducati Alvaro Bautista ha dominato a Phillip Island, Buriram, Aragon ed Assen, Rea ha recuperato punti per la prima volta. È stato un punto di svolta per il campione in carica.

Tuttavia, poiché Rea è di solito il rivale dei piloti Ducati, non è mai stato in cima al favore dei tifosi. "Non ho mai corso per un costruttore italiano, ma l'atmosfera è sempre grande grazie ai tifosi italiani. C'erano sempre tifosi che avevano striscioni con il mio nome", ha detto con entusiasmo il nordirlandese.

"Mi piacerebbe tornare ad Imola. Il cuore del Mondiale Superbike è in Italia", ha chiarito il pilota ufficiale della Kawasaki, aggiungendo: "Preferirei di gran lunga andare a Imola invece che all'Estoril, per esempio".

condividi
commenti
Camier: "Scelta difficile, ma le gare avevano perso un po' senso"

Articolo precedente

Camier: "Scelta difficile, ma le gare avevano perso un po' senso"

Articolo successivo

Rabat: "E' una nuova opportunità per stare davanti"

Rabat: "E' una nuova opportunità per stare davanti"
Carica i commenti