Rea: "I test di Portimao hanno confermato il lavoro fatto durante l’inverno"

condividi
commenti
Rea:
Di:
30 gen 2019, 08:29

Il britannico chiude al comando entrambi i giorni di test a Portimao e vola verso l’Australia con ottimismo. Haslam conferma le sensazioni positive ed è soddisfatto del lavoro svolto. Kawasaki resta ancora la squadra di riferimento.

Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing , Leon Haslam, Kawasaki Racing
#1 Kawasaki Racing Team: Jonathan Rea
Leon Haslam, Kawasaki Racing
Leon Haslam, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Leon Haslam, Kawasaki Racing
Leon Haslam, Kawasaki

Inarrestabile nei test di Portimao, arriva in Australia nuovamente come l’uomo da battere: Jonathan Rea continua a dimostrare un passo incredibile anche all’alba della nuova stagione Superbike. Il Campione del mondo in carica, in testa in entrambi i giorni di prove sul tracciato portoghese, lascia l’Algarve soddisfatto dei risultati e del lavoro svolto. Il binomio Rea-Kawasaki sembra funzionare anche stavolta e la conferma di quanto sia competitiva la ZX-10RR la dà Leon Haslam, nuovo compagno di squadra del britannico, che ha concluso i test con ottimismo.

“Sono stati dei test positivi”, afferma Rea alla fine di questi ultimi test in Europa. “Abbiamo confermato alcuni aspetti che avevamo già provato a Jerez. L’asfalto è molto diverso, Portimao ha rappresentato un punto di riferimento per la riconferma di quanto testato durante l’inverno”.

Sul circuito dove ha conquistato una delle tante doppiette del 2018, Rea si è imposto anche nei due giorni di test, dove ha provato diversi aspetti delle moto e vari tipi di gomme: “Mi sono sentito a mio agio sulla moto, è un circuito che mi piace e sono riuscito ad essere costantemente veloce con tutti i tipi di gomme. A fine giornata abbiamo montato le gomme da qualifica e mi sono sentito davvero forte”.

“I test nel complesso sono stati molto positivi” afferma il Campione del mondo in carica, pronto per l’inizio della stagione. “Possiamo andare in Australia con questo setup di base. Phillip Island è un tracciato molto diverso che richiede anche un impegno differente. Dobbiamo sistemare la strategia, i due giorni di test che precedono l’inizio della stagione saranno molto importanti in vista del weekend”.

Kawasaki si conferma la prima forza in campo con Jonathan Rea, ma anche Leon Haslam sembra essersi adattato piuttosto velocemente alla ZX-10RR. Il britannico, che torna nel mondiale dopo due anni di assenza, archivia con soddisfazione i test di Portimao, nonostante qualche intoppo iniziale: “Con le gomme siamo stati un po’ sfortunati, Pirelli ha portato delle gomme davvero buone, ma ogni volta che le montavo succedeva qualcosa. La prima volta che le ho messe è stata esposta la bandiera rossa, quindi le ho risparmiate per i giri successivi, ma poi ha iniziato a piovere”.

“Comunque sono molto contento, con la gomma da gara mi sono sentito a mio agio”, prosegue Haslam. “La squadra sta lavorando molto bene, siamo rimasti a due decimi dal miglior giro di Rea. Credo che siamo stati i secondi più rapidi con le gomme da gara, sono soddisfatto se penso che manco dal mondiale da molto tempo”.

Il neo-acquisto Kawasaki lascia il Portogallo ed è già proiettato verso l’Australia, dove continuerà a lavorare con un team del quale si ritiene particolarmente soddisfatto: “La squadra è incredibile, ogni giorno impariamo qualcosa di nuovo e facciamo progressi con la moto. Dobbiamo ancora capire le gomme morbide, quelle da qualifica e provare altre opzioni. Abbiamo ancora molte cose da provare, ma nel complesso stiamo facendo degli ottimi progressi. Ora andiamo in Australia, che è uno dei miei circuiti preferiti, e vedremo cosa saremo in grado di fare”.

Articolo successivo
Delbianco: "Non mi aspettavo così tanta potenza, ma è un onore essere in Superbike"

Articolo precedente

Delbianco: "Non mi aspettavo così tanta potenza, ma è un onore essere in Superbike"

Articolo successivo

Melandri: "La Yamaha non risponde al mio stile di guida in frenata e in ingresso di curva"

Melandri: "La Yamaha non risponde al mio stile di guida in frenata e in ingresso di curva"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Location Algarve International Circuit
Autore Lorenza D'Adderio