Rea: "Sto parlando con Kawasaki, ma ho anche offerte dalla MotoGP"

condividi
commenti
Rea:
Di: Lorenza D'Adderio
27 mag 2018, 17:20

Il Campione del mondo è secondo e soddisfatto dopo il round di casa a Donington. Già proiettato al prossimo appuntamento, si sbilancia sul mercato piloti e spunta l’offerta MotoGP.

Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Podio: il vincitore della gara Michael van der Mark, Pata Yamaha, il secondo classificato Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Podio: il secondo classificato Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Michael van der Mark, Pata Yamaha, Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing

Doveva essere il weekend dei record, ma per Jonathan Rea la festa è rimandata. A Donington non è riuscito a vincere, piegandosi alla Yamaha di Michael van der Mark, autore di una stratosferica doppietta. Ma il Campione del mondo in carica lascia il circuito britannico piuttosto soddisfatto, dopo un weekend difficile in sella alla sua Kawasaki.

Rea arriverà a Brno fra due settimane sempre da leader, con 64 punti di vantaggio sul secondo, Chaz Davies. Ma dovrà guardarsi le spalle dagli agguerriti avversari, le Yamaha sono in rimonta e Ducati vorà riscattarsi dopo il fine settimana inglese da dimenticare. Occhi puntati anche sul fenomenale Toprak Razgatlioglu, oggi terzo ed in orbita Kawasaki ufficiale.

Jonathan Rea commenta l’incredibile gara di van der Mark e analizza la sua prestazione: “Ieri ha guidato benissimo e oggi si è ripetuto. Sono uno dei suoi più grandi sostenitori, so che ha del potenziale. Oggi mi ha battuto, ma è stato bello vederlo, spero che possa continuare a battagliare con noi ogni weekend”.

“Per quanto mi riguarda, la gara è stata difficile”, prosegue Rea. “All’inizio tutti i piloti erano molto aggressivi e, quando ho trovato la mia posizione, sono riuscito ad essere più fluido. Poi ho completamente mancato una chicane e lì van der Mark mi ha passato. Ha fatto un bel sorpasso, per stargli dietro ho consumato gomme ed energie. Alla fine era impossibile pensare di poterlo passare di nuovo, aveva un passo migliore”.

Cosa è mancato alla ZX-10R questo weekend dunque? Rea non sembra molto preoccupato dal mancato dominio Kawasaki su un circuito in cui sia lui che Sykes partivano da favoriti: “Non bisogna fare il confronto con lo scorso anno, perché sono cambiate le regole, le moto. Si pensi solamente al fatto che su tracciati come Aragon o Imola, dove in passato siamo stati deboli, abbiamo vinto sulle più favorite Ducati. A Phillip Island ed in Tailandia invece è successo il contrario. Oggi ad essere incisiva è stata Yamaha, era impossibile batterla”.

Rea poteva lasciare Donington, la sua gara di casa, con un nuovo record in tasca. Gli bastava una vittoria per superare Carl Fogarty e diventare il pilota più vincente di sempre in Superbike. L’impresa non gli è riuscita, ma il Britannico non si sente deluso per questo: “Questa gara di casa non è stata deludente, le persone sono venute qui per vedere delle gare spettacolari. È vero, ad inizio weekend non mi sentivo benissimo sulla moto, ma siamo riusciti a gestirla. Comunque guardiamo la classifica e questo fine settimana abbiamo incrementato il vantaggio”.

Vantaggio che si amplia sia su Davies, sia su Sykes, oggi in difficoltà. Chi invece ha stupito tutti è stato l’altro pilota Kawasaki, Toprak Razgatlioglu. Con un probabile Sykes in uscita e diretto verso Yamaha, si pensa che nel team ufficiale possa arrivare proprio il turco in forza alla squadra di Puccetti. Rea commenta: “Sarebbe un grande compagno di squadra. Riuscirebbe ad imparare non solo da me, ma da tutto il team. Comunque io sto bene anche con Sykes, avere compagni di squadra forti ti spinge a dare sempre il massimo. Toprak è un gran talento, ma non credo che per l’anno prossimo sia una possibilità reale”.

Impossibile da realizzare perché Rea non sarà più con Kawasaki? Il Britannico inizia a delineare anche la situazione mercato. Prossima tappa, Brno, dove si saprà con certezza anche il futuro di Rea, come lui stesso afferma. Non solo, l’ipotesi MotoGP non è così lontana: “Al momento sto parlando con il mio team in Superbike. Ma sto anche valutando qualche offerta interessante che viene dalla MotoGP. Prima di Brno saprò esattamente cosa farò. In MotoGP solo per vincere? Ovvio, ho offerte da team ufficiali”. 

Articolo successivo
Van der Mark: "La R1 è ancora al 95%, ma Donington ci ha favoriti"

Articolo precedente

Van der Mark: "La R1 è ancora al 95%, ma Donington ci ha favoriti"

Articolo successivo

Melandri: "Non ho potuto far altro che farmi portare fino al traguardo"

Melandri: "Non ho potuto far altro che farmi portare fino al traguardo"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Donington Park
Location Donington Park
Autore Lorenza D'Adderio
Tipo di articolo Intervista