Barbier: "La Pirelli fa un salto di qualità con le 17"

La fornitura della SBK beneficia di nuovi prodotti che permetteranno un miglioramento delle prestazioni di 1"5

Barbier:
La Pirelli festeggia i dieci anni di collaborazione tecnica con la Superbike: la Casa milanese ha iniziato nel 2004 a fornire le gomme alle moto derivate dalla serie la più lunga mono fornitura negli sport motoristici. Solo nel 2012 sono state 26 le soluzioni sviluppate e portate in pista per la categoria regina della SBK. 360 MILA GOMME DA CORSA Giorgio Barbier, Pirelli Motorcycle Motorsport Director, nell’ambito della presentazione dei programmi sportivi 2013 che si è svolta nel Quartier Generale di Viale Sarca a Milano, ci ha tenuto a sottolineare qual è l’impegno della Casa nelle due ruote da competizione. Si parla di 360 mila gomme prodotte per 1900 team impegnati in 24 nazioni del mondo. IN DIECI ANNI 356 SOLUZIONI DIVERSE Solo per le classi della Superbike nel 2012 sono state realizzate 61600 coperture (per ogni appuntamento erano disponibili 4400 gomme): in 231 gare si sono viste 356 soluzioni diverse. Si può ben comprendere, quindi, come questa partnership non sia considerata una semplice fornitura, ma l’ideale laboratorio tecnologico da cui attingere le informazioni per la ricaduta diretta sul prodotto di serie. RICADUTA SUL PRODOTTO DI SERIE “We sell what we race, we race what we sell” è uno slogan che ha trovato una sua applicazione reale continuando ad offrire ai motociclisti di tutto il mondo prodotti tecnologicamente sempre più evoluti che sfruttano tutta l’esperienza maturata in ambito racing dalla Pirelli in questi anni ai vertici delle competizioni mondiali. Tutti gli pneumatici utilizzati nelle classi del Campionato Mondiale Superbike non sono dei prototipi, ma prodotti in commercio che sono stati testati e sviluppati con i migliori piloti e sono acquistabili sul mercato da tutti i motociclisti. LA SBK E’ UN BANCO DI PROVA “Da sempre il lavoro svolto dalla Pirelli nella classe regina del Campionato Mondiale è fondamentale. Sono state ben 26, ad esempio, le soluzioni sviluppate e portate in pista nell’arco del 2012 per la sola Superbike – ammette Giorgio Barbier - e la competitività e spettacolarità del Campionato garantite fino all’ultima gara sono la dimostrazione più evidente del lavoro svolto. L’obiettivo è da sempre quello di mettere piloti e Case nelle stesse condizioni per poter lottare per il titolo: la riprova si ha nella classifica generale del 2012, che ha visto nelle prime cinque posizioni i piloti di cinque marchi diversi”. GOMME DA 17” GRANDE NOVITA’ La principale novità per il 2013 è il passaggio dalle gomme di 16,5 pollici a quelle di 17 pollici con effetti importanti sulle prestazioni complessive delle moto, visto che si sono registrati miglioramenti dei tempi sul giro fino ad un massimo di 1”5. Le nuove mescole sono più morbide, più versatili e più performanti e saranno disponibili in due versioni anteriori. MESCOLE PIU’ MORBIDE Il nuovo profilo dei pneumatici da 17 pollici permette di utilizzare mescole più morbide e quindi con più grip rispetto al 16,5” ampliando così la versatilità delle soluzioni 2013. Questa caratteristica ha permesso di aumentare l’impronta a terra riducendo le pressioni specifiche e migliorando la temperatura di esercizio della mescola. Infatti così facendo si riducono i regimi termici sotto impronta e quindi gli stress a cui la mescola è sottoposta e ciò permette di utilizzarne di più performanti. MIGLIORA L’INSERIMENTO E LA FRENATA Il nuovo fianco più basso tipico del nuovo 17 pollici ha permesso di ridurre i movimenti e quindi di aumentare stabilità e consistenza del pneumatico, favorendo un migliore inserimento in curva a moto frenata e piegata che consente di disegnare una traiettoria più precisa. La versatilità delle mescole che ora sono ridotte a due, permette di affrontare tutte le condizioni incontrabili nell’arco di una stagione di corse. POSTERIORE PIU’ STABILE Per quanto riguarda il posteriore la sfida era progettare una gomma da 17 pollici sui diametri di quella da 16,5” con l’intenzione di cercare la prestazione e mantenerla nel corso della gara. Con il nuovo posteriore gli ingegneri Pirelli sono riusciti a stabilizzare la struttura riducendo i movimenti sopportando forze maggiori grazie ai nuovi profili. MESSA A PUNTO FACILE Con la filosofia di approccio adottata da Pirelli non è necessaria una messa a punto delle sospensioni troppo sofisticata per far rendere al meglio gli pneumatici, questo a tutto vantaggio anche dell’utente finale che non necessiterà di particolari set-up per poter utilizzare i nostri nuovi prodotti racing. POSITIVI TEST INVERNALI "Le squadre hanno promosso i nostri prodotti nuovi nei test: l’impressione è stata molto positiva e per lasciare ai team una valutazione imparziale, abbiamo lasciato che si gestissero da soli le nuove coperture nei test invernali, senza che ci fosse il nostro supporto sul campo". PRODUZIONE IN GERMANIA Gli pneumatici vengono studiati alla Bicocca nell’avanzatissimo reparto R&D della Pirelli, mentre la produzione avviene in Germania a Breueberg (Germania): è stato costruito - dopo la progettazione e lo sviluppo alla Bicocca - il nuovo pneumatico intermedio Diablo Wet, con l'obiettivo di rispondere maggiormente alle aspettative di team e piloti e di fornire un più ampio spettro di utilizzo. Si tratta di una soluzione che grazie alle sue caratteristiche, stando alle dichiarazione di Barbier, potrebbe rivelarsi decisivo in alcune condizioni meteo e determinanti nella strategia di gara. UTILE L'ESPERIENZA IN F.1 "Il programma Superbike ha tratto dei vantaggi dagli studi per la Formula 1, non tanto dal punto di vista progettuale, quanto per la diversa mentalità di approccio e di sistema. Il mondo dei Gran Premi ci ha permesso di entrare a contatto con fornitori chimici che prima non rispondevano alle nostre richieste. E così siamo riusciti a fare un grosso passo avanti". DIFFERENZE CON LA MOTO GP "Direi di no, non differenze eclatanti. Le attuali moto derivate di serie e le Moto GP sono dotate di tale elettronica che possono adottare qualsiasi tipo di pneumatico. Credo che tra le missioni dei costruttori di gomme ci sia quello della ricerca della prestazione ma finalizzato ad un obiettivo. Il nostro era quello di realizzare pneumatici di alte prestazioni ma con una tecnologia che fosse facilmente trasportata sulla strada. Non avremmo alcuna difficoltà a fornire gomme performanti anche per la Moto GP". ARRIVO DORNA NUOVO PROMOTORE SBK "Abbiamo avuto pochi contatti, essendo il nostro contratto valido fino al 2015. Credo che abbiano bisogno di capire questo mondo. Diamogli tempo, però sembra chiaro che vogliano mantenere chiare differenze con i prototipi, rispettando le differenze tra le categorie, senza svilire la Superbike". RINNOVO DEL CONTRATTO CHE SCADE NEL 2015 "A fine 2013 vorremmo a parlare di rinnovo anche sulla base delle decisioni che la Dorna prenderà dal punto di vista regolamentare. Questo ci consentirà di capire se potremo, come mi auguro, proseguire il nostro lavoro in Superbike".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Articolo di tipo Ultime notizie