Oli Bayliss debutta in Supersport con la Ducati di Barni nel 2022

Oli Bayliss esordirà nel mondiale Supersport con la Panigale V2 del team Barni, che insieme a Ducati abbraccia il progetto nella classe intermedia delle derivate di serie. Il giovane figlio d'arte debutta nel 2022, a vent'anni esatti dal titolo di suo padre Troy.

Oli Bayliss debutta in Supersport con la Ducati di Barni nel 2022

Il 2022 sarà un anno di grandi novità per Ducati, che approda nel mondiale Supersport con un nuovo progetto. I più nostalgici ricorderanno così i vecchi tempi, con un binomio che ha fatto sognare appassionati: Australia-Ducati. Già, perché sarà proprio Oli (Oliver) Bayliss, figlio del più celebre Troy, a guidare la Panigale V2 che correrà nella classe intermedia delle derivate di serie.

Oli Bayliss debutterà così sulla scena mondiale con il team Barni, che correrà in Supersport abbracciando il nuovo progetto di Ducati. Al giovane australiano verrà affidata la Panigale V2, così come al suo compagno di marca Nicolò Bulega, già annunciato come pilota Ducati nella classe 600. Bayliss farà il suo esordio in un campionato mondiale nel 2022, dopo però aver già fatto esperienza nel campionato Superbike australiano, in cui ha guidato una quattro cilindri sempre con il team Ducati.

A soli 18 anni, il giovane figlio d’arte salirà in sella alla bicilindrica a vent’anni esatti dal titolo mondiale di suo padre Troy. Doppio impegno dunque a partire dal prossimo anno per il team Barni, che investe sui giovani e che vede Luca Bernardi in Superbike con la V4R, insieme al debutto in Supersport con Oli Bayliss.  

Oli Bayliss, Barni Racing Team con suo padre Troy Bayliss

Oli Bayliss, Barni Racing Team con suo padre Troy Bayliss

Photo by: Barni Racing Team

Oli Bayliss commenta il proprio debutto nel mondiale: “Sono davvero felice di annunciare che correrò con il Barni Racing Team nel Campionato Mondiale Supersport con una Ducati Panigale V2. Ho completato il mio percorso scolastico, questo significa che posso concentrarmi completamente sulla mia carriera in moto, sull'allenamento e solo su quello”.

Con fierezza, anche suo padre Troy Bayliss parla del futuro del proprio figlio, che seguirà da molto vicino: “Oliver è cresciuto nel mondo delle corse, il 2021 è stato il suo primo anno su una Ducati V4 R nell’ASBK e ha ottenuto subito una vittoria a Darwin all’inizio del 2021. Il successo è arrivato prima di quanto ci potessimo aspettare e penso che il passaggio al Barni Racing Team sia una grande opportunità. Spero che si possa divertire con la Ducati bicilindrica tanto quanto mi sono divertito io”.

C’è grande soddisfazione anche da parte del team Barni, e il team principal Marco Barnaò afferma: “Nel 2022 vogliamo puntare sui giovani e individuare talenti che possano fare un tratto di strada insieme a noi per essere, in futuro, i nuovi campioni della Supersport e della Superbike. Per questo, quando c’è stata la possibilità di far correre Oliver in Supersport, in accordo con Ducati, abbiamo deciso di cogliere l’occasione. Luca Bernardi ha 20 anni, Oli 18, non abbiamo mai avuto una squadra così giovane e credo che questo fosse il momento giusto per una scelta del genere. Per la prima volta gestiremo due moto in due categorie e all’inizio non dovremo pensare ai risultati, ma solo al percorso di crescita di questi due ragazzi. Siamo stati il primo team a credere nel progetto di riportare Ducati in Supersport con la Panigale V2 e vedere tutto l’interesse che c’è adesso intorno a questa moto e a questo campionato ci riempie di orgoglio”.

Non manca poi il benvenuto di Paolo Ciabatti, Direttore sportivo di Ducati Corse: “Siamo davvero contenti che Oli possa debuttare nel Mondiale Supersport 2022 con la nuova Panigale V2 e il Barni Racing Team! La famiglia Bayliss è sempre stata molto vicina a Ducati e, proprio nei mesi scorsi, abbiamo presentato la versione speciale V2 Bayliss Replica per celebrare il primo titolo mondiale di Troy conquistato 20 anni fa. Adesso la tradizione continua con Oli, e siamo molto felici”.

 

condividi
commenti
Aegerter deluso: “Non c’è posto per me in SBK, le ho provate tutte”
Articolo precedente

Aegerter deluso: “Non c’è posto per me in SBK, le ho provate tutte”

Articolo successivo

SBK | Philipp Oettl debutta con GoEleven e firma un biennale

SBK | Philipp Oettl debutta con GoEleven e firma un biennale
Carica i commenti