Melandri parla della Yamaha: “Sappiamo qual è il problema, ma non si può risolvere in un weekend”

Il pilota del team GRT Yamaha continua ad accusare problemi di stabilità da inizio stagione, stessa situazione che ha reso difficile la gestione della Panigale quando era in Ducati. La Casa di Iwata ha individuato il problema, ma non sarà facilmente e velocemente risolvibile.

Melandri parla della Yamaha: “Sappiamo qual è il problema, ma non si può risolvere in un weekend”

Cambiano le stagioni, le moto, ma non i problemi: Marco Melandri, che da quest’anno è passato in forza al team GRT Yamaha lasciando così la Ducati, ha riscontrato sulla sua R1 gli stessi problemi che accusava sulla moto della Casa di Borgo Panigale. Poca stabilità e tante difficoltà nel gestirla. 

Leggi anche:

Quest’anno il problema si è presentato per la prima volta a Buriram, dove il ravennate ha faticato moltissimo per riuscire a restare sulla moto e l’instabilità era molto evidente sul rettilineo dopo la prima curva. Curiosamente nonostante il cambio di marca ha fronteggiato esattamente lo stesso problema: "Due moto diverse, lo stesso problema", commenta. “È stato davvero spaventoso sulla moto. Dovevo rallentare ogni volta per stabilizzare la moto".

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
1/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
2/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
3/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
4/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
5/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
6/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK, Michael van der Mark, Pata Yamaha, Sandro Cortese, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK, Michael van der Mark, Pata Yamaha, Sandro Cortese, GRT Yamaha WorldSBK
7/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

All'inizio della stagione 2018, Ducati ha lavorato duramente per riuscire a gestire problemi di stabilità sulla Panigale di Melandri, che in un'intervista a Motorsport.com afferma: "L'anno scorso abbiamo fatto molti test per risolvere questo problema e non siamo riusciti a capirlo fino a quando non lo abbiamo trovato al test di Brno". 

Leggi anche:

Nel 2019 i problemi sono sorti sulla Yamaha, ma sembra che la Casa di Iwata possa essere padrona della situazione. “Il problema è risolto", sottolinea Melandri. "Era esattamente lo stesso problema dell'anno scorso, un piccolo componente ha causato i problemi e quando sono sorti in Tailandia, ho capito immediatamente cosa stava succedendo, ma non abbiamo potuto sistemarlo sul posto."

Marco Melandri

Auch mit der Ducati Panigale kämpfte Melandri auf der Geraden

Foto: Ducati

"Ha a che fare con la rigidità nella parte anteriore della moto", afferma il pilota Yamaha. "Negli ultimi anni, la rigidità laterale di questo componente è stato modificato. Nel mio caso, la moto sul rettilineo era instabile. Forse la causa sta nella mia corporatura e nel mio peso. Ma con il vecchio componente che è più rigido, non ho problemi ".

Marco Melandri

WSBK 2018: Redakteur Sebastian Fränzschky im Gespräch mit Marco Melandri

Foto: Dominik Lack

Quando gli viene chiesto nello specifico quale componente ha causato i problemi, Melandri risponde in maniera vaga: "Era qualcosa". Poi afferma: “Non ha nulla a che fare con il telaio né con il setup, non è qualcosa che puoi cambiare facilmente in un weekend di gara ".

Con foto di Yamaha.

condividi
commenti
SBK, Mercado rinuncia ad Imola, confermato Barbera come sostituto
Articolo precedente

SBK, Mercado rinuncia ad Imola, confermato Barbera come sostituto

Articolo successivo

Kawasaki ad Imola in cerca del riscatto: “Possiamo dare una svolta al campionato”

Kawasaki ad Imola in cerca del riscatto: “Possiamo dare una svolta al campionato”
Carica i commenti