WSBK
31 lug
Evento concluso
31 lug
Canceled
07 ago
Evento concluso
21 ago
Postponed
28 ago
Evento concluso
04 set
Evento concluso
18 set
Evento concluso
G
Magny-Cours
02 ott
Prossimo evento tra
5 giorni
G
Villicum
09 ott
Canceled
G
Misano
06 nov
Canceled

La Yamaha cerca il riscatto in SBK con la nuova R1 e Van der Mark

condividi
commenti
La Yamaha cerca il riscatto in SBK con la nuova R1 e Van der Mark
Di:

Occhi puntati sul pilota olandese arrivato dalla Honda durante la presentazione di oggi a Gerno di Lesmo, dove sono stati svelati anche i programmi nella Supersport e nella Stock 600.

La moto di Alex Lowes, Pata Yamaha Racing
La moto di Alex Lowes, Pata Yamaha Racing
La moto di Alex Lowes, Pata Yamaha Racing
La moto di Alex Lowes, Pata Yamaha Racing
La moto di Alex Lowes, Pata Yamaha Racing
La moto di Alex Lowes, Pata Yamaha Racing
La moto di Alex Lowes, Pata Yamaha Racing
La moto di Michael van der Mark, Pata Yamaha Racing
Alex Lowes, Michael van der Mark, Pata Yamaha Racing

La Yamaha ha presentato questa mattina i propri programmi sportivi per la stagione 2017. Presso la sede della Yamaha Motor Europe, situata a Gerno di Lesmo, la Casa dei tre diapason ha svelato livree e moto, oltre che i piloti, che saranno in azione nei campionati World Superbike, World SuperSport600 e Stock1000.

I riflettori erano ovviamente puntati principalmente sul duo del Team Pata SBK, Michael Van der mark e Alex Lowes, sul quale si punta per riportare la R1 ai vertici della classifica dopo un 2016 che è stato decisamente al di sotto delle aspettative con cui la Casa di Iwata si era rilanciata in veste ufficiale tra le derivate di serie.

Lowes è stato confermato, dunque ovvio vederlo con un bel sorriso stampato in volto: "Per me è un giorno speciale perché sono stato confermato dalla squadra e penso sia stata la scelta più giusta per tutti. Fin dai primi test mi sono trovato meglio con la mia nuova moto e ho un feeling ottimo in vista del via della stagione".

"Sarà una stagione molto interessante perché sono nuovo nel team, ma anche ottimista perché credo che ci siano tutti i mezzi per lavorare molto bene e crescere - ha commentato il neoarrivato Van der Mark - Mi sono piaciuti molto tutti i programmi di Yamaha e vorrei riportarla al top, speriamo sia una bella annata".

La voglia di riscatto è tanta, come conferma il team manager Paul Denning: "Forse nel 2016 abbiamo avuto un po' troppa fiducia nei nostri mezzi, per questo si è sofferto più del previsto. Il livello del campionato è veramente alto e ad ogni gara cresce sempre di più, dunque ora torniamo in azione con l'intenzione di migliorare e fare un passo in avanti, consapevoli che bisognerà avere pazienza".

Sul palco sono saliti poi i due piloti che prenderanno parte al Mondiale SSP600 con la R6 del GRT Racing Team, ovvero Lucas Mahias e Federico Caricasulo.

"Fin dalle prime prove mi sono trovato benissimo con la mia nuova moto, mi piace soprattutto per come frena e la gestione dell'elettronica - ha commentato Caricasulo - Ci sono tutti i presupposti per fare una bella stagione, sono molto fiducioso".

Sorridente anche Mahias: "Sono contentissimo, la moto sembra perfetta per me e penso che si possa già puntare al titolo in questa mia prima avventura con Yamaha".

"Per noi si tratta di una sfida nuova, ma siamo molto felici di rappresentare Yamaha sulle piste tutto il mondo - ha aggiunto il team manager Filippo Conti - Sono davvero orgoglioso che Yamaha abbia creduto nel nostro progetto".

Morale alto anche nel Team Pata della STK1000, con il team manager Sandro Carusi che ha presentato la coppia per il 2017 formata da Florian Marino e Roberto Tamburini.

"Florian era già con noi l'anno scorso, ma gli infrotuni lo hanno rallentato - ha ammesso Carusi - Nei primi test ha dimostrato di essere a posto e crediamo molto in lui. Verrà affiancato da Tamburini e ci sono tutti i presupposti per puntare al titolo. La moto già nel 2016 aveva raggiunto un ottimo livello, continuando lo sviluppo credo proprio che sarà più veloce".

Marino ha invece una gran voglia di tornare in pista: "Mi aspetto molto dal 2017, debbo ringraziare la Yamaha per aver creduto ancora in me dopo una stagione difficile. Sono nuovamente qui e non ho preoccupazioni riguardo la condizione fisica, la squadra sta lavorando molto per rendere la moto competitiva e io credo molto in loro".

Jerez è l'ultima aggiunta al calendario 2017 del Mondiale Superbike

Articolo precedente

Jerez è l'ultima aggiunta al calendario 2017 del Mondiale Superbike

Articolo successivo

Van Der Mark: "Dovevo cambiare aria, sono carichissimo"

Van Der Mark: "Dovevo cambiare aria, sono carichissimo"
Carica i commenti