Insaziabile Rea: "Saremo ancora più veloci in Gara 2"

condividi
commenti
Insaziabile Rea:
Di: Lorenzo Moro
24 giu 2018, 09:46

Gara 1 dolceamara per i piloti Kawasaki con Jonathan Rea vincitore che allunga ulteriormente in classifica mondiale e con Tom Sykes invece sofferente solo settimo al traguardo per problemi alla gomma anteriore.

Polesitter Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati SBK Team, second place Tom Sykes, Kawasaki Racing, third place Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati SBK Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing

Dopo aver battuto King Carl Fogarty nella classifica dei piloti più vincenti di sempre in Superbike, con quella di Gara 1 a Laguna Seca Jonathan Rea allunga la sua incredibile serie di vittorie. Insaziabile come pochi, Rea vuole a tutti i costi portare a casa anche questo mondiale 2018 in modo da venire eletto il pilota con il maggior numero di titoli iridati in questa serie... insomma un vero uomo dei record.

Scattato dalla terza posizione il campione della Kawasaki ha messo un po' di pressione a Davies che stava invece cercando la fuga fino ad indurlo all'errore al cavatappi obbligandolo ad allargare la traiettoria per superarlo facilmente. Una volta con strada libera Rea ha condotto magistralmente la gara senza mai offrire al diretto avversario ella Ducati la benché minima speranza di poterlo riagguantare ma anzi arrivando al traguardo con quasi 3 secondi di anticipo sul numero 7. In Gara 2 Rea partirà dalla nona posizione dietro al diretto rivale Davies.

Queste le dichiarazioni del campionissimo al termine di Gara 1: "Nei primi giri andavo bene dietro a Davies nonostante il suo passo fosse veramente elevato. Appena ha fatto quell'errore al cavatappi ho avuto modo di andare, fare il mio ritmo e, decimo dopo decimo creare il mio vantaggio. Non è stato però facile, meno di quanto mi aspettassi. All'anteriore il grip era scarso e verso la fine della gara ho dovuto guidare stando molto attento. Oggi le temperature sono state molto più alte che durante le prove libere quindi abbiamo alcune informazioni che ci permetteranno di essere ancora più veloci in Gara 2"

Discorso diverso per Tom Sykes che, scattato dalla seconda casella della griglia ha fatto una partenza molto aggressiva stringendo verso il compagno-rivale ma venendo comunque sfilato. Una volta in gara poi il pilota numero 66 ha perso posizioni su posizioni portando a casa un mesto settimo posto finale probabilmente a causa delle elevatissime temperature dell'asfalto che hanno messo in crisi le sue gomme.

Il risultato di Gara 1 è stato quindi ben lontano dalle sue aspettative, come da lui stesso dichiarato dopo la gara: "Abbiamo avuto una buona partenza ma dopo i primi giri ho capito che avevo dei problemi... soffrivo un sacco di sottosterzo e ho perso l'anteriore in parecchie curve. Ho praticamente smesso di lottare dal quarto giro in poi, non avevo più modo di mantenere quello che poteva essere il mio ritmo... in definitiva posso affermare che abbiamo avuto problemi con lo pneumatico anteriore. Il nostro passo poteva esser valido per il podio oggi e sento che avrei potuto dare battaglia, specialmente considerando dove siamo stati fin da venerdì".

Articolo successivo
Razgatlioglu cade e salterà Gara 2 a Laguna Seca

Articolo precedente

Razgatlioglu cade e salterà Gara 2 a Laguna Seca

Articolo successivo

Yamaha a due facce in Gara 1 a Laguna Seca

Yamaha a due facce in Gara 1 a Laguna Seca
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Laguna Seca
Piloti Jonathan Rea , Tom Sykes
Team Kawasaki Racing
Autore Lorenzo Moro