Kawasaki e Rea completano una giornata di test a Portimao

Sulla pista di Portimao, Kawasaki ha effettuato una due giorni di test che si è ridotta ad una sola giornata. La squadra ha fatto affidamento solo su Jonathan Rea in attesa che Alex Lowes recuperi dall’infortunio alla spalla.

Kawasaki e Rea completano una giornata di test a Portimao

La stagione 2021 del mondiale Superbike inizierà a maggio, ma le squadre non si fermano mai e continuano a lavorare per arrivare pronti al primo appuntamento dell’anno. Oggi è scesa in pista Kawasaki, che si è recata a Portimao per due giorni di test privati. La squadra ha deciso di concludere le prove in anticipo di un giorno a causa del meteo incerto per preservare così le giornate di test, limitate dal regolamento.

In questa giornata in pista, Kawasaki ha fatto affidamento solo ed esclusivamente su Jonathan Rea, a cui al momento è affidato interamente il lavoro di sviluppo della nuova ZX-10RR. Alex Lowes è stato costretto a saltare i test di Portimao per via dell’infortunio alla spalla che lo tiene fermo da tre settimane. Non è ancora programmato il rientro del britannico, ma nel frattempo il campione del mondo in carica ha lavorato sugli aspetti lasciati in sospeso dagli ultimi test svolti a Jerez e il bilancio finale è positivo. Kawasaki pianifica ora altri test sul circuito andaluso e al Montmelo.

Jonathan Rea commenta con soddisfazione il lavoro svolto: “È stato un test positivo perché guardando al meteo prima che arrivassimo non eravamo sicuri di quanto tempo in pista potessimo trascorrere. Ma oggi abbiamo completato 48 giri. Mi sono sentito bene con la moto e sono andato subito veloce. Il circuito di Portimao ha fatto un grande lavoro sul nuovo asfalto. Sono riuscito a provarlo, ma la cosa più importante è che ci siamo concentrati sul setup della moto e abbiamo confermato alcune componenti con cui inizieremo la stagione. Abbiamo lavorato sul cambio e con alcuni stratagemmi di elettronica per gestire la potenza. Mi sono sentito piuttosto a mio agio e siamo riusciti a mettere a segno dei buoni tempi cronometrati”.

“L’ultima sella è arrivata, quindi ci siamo concentrati sull’aerodinamica della moto per trovare una posizione di guida confortevole. Con questa nuova componente e la galleria del vento siamo riusciti a raccogliere buone informazioni. Abbiamo fatto dei test back-to-back con la carena vecchia e con quella nuova, in aggiunta alla sella nuova. Siamo riusciti a vedere che la versione 2021 ha un po’ di velocità in più sul rettilineo e questa cosa è incoraggiante. Ora possiamo andare via felici e sani e proseguire”.

Anche Pere Riba, capo tecnico di Rea, commenta: “Nei precedenti test di Jerez è stato importante provare diverse cose dell’elettronica ed il feeling era stato positivo. Johnny si era sentito molto bene. Ovviamente le cose andavano confermate su un’altra pista ed in un altro modo. Il meteo non era buonissimo, quindi abbiamo iniziato alle 9 e con ciò che avevamo a Jerez. Abbiamo riconfermato la direzione in cui vogliamo andare nello sviluppo e Johnny è stato veloce. Molto veloce. La pista ha un nuovo asfalto e non ha la stessa forma di prima. È più liscio, con meno dossi, ma il livello di grip e il nostro feeling non è ancora lo stesso. Per esempio, abbiamo usato la gomma SC0  e alla fine abbiamo montato una SCX, non quella da qualifica, e Johnny ha fatto un 1’41”4. Nell’ultimo weekend di gara abbiamo fatto 1’41”8 con questa gomma. Questo significa che il miglioramento c’è e la cosa più importante è il feeling del pilota”.

“Abbiamo raccolto informazioni che ora analizzeremo per fare il prossimo step. Sono felice del risultato e della base per il 2021. C’era probabilità di pioggia, ma siccome abbiamo raccolto le informazioni sul motore di cui avevamo bisogno, ci siamo fermati. Con le nuove regole bisogna conservare i giorni quando ci si avvicina alla stagione e su un’altra pista. sembra però che passo dopo passo stiamo andando nella giusta direzione”.

È molto soddisfatto anche Guim Roda, team manager Kawasaki: “Il meteo ci ha graziati abbastanza e siamo riusciti a lavorare in maniera efficiente. Abbiamo completato molti giri e optato per usare una mezza giornata delle nuove regole sui test di Dorna. Abbiamo anche deciso di non provare venerdì e di concludere oggi per provare un altro giorno, quando entrambi i piloti saranno pronti. Il test è stato molto positivo e ora pianifichiamo di andare a Jerez e a Barcellona per continuare a sviluppare la ZX-10RR per renderla un’arma incredibile per lottare per il titolo nel 2021. Stiamo lavorando duramente per avere una stagione di successo. Sono sicuro che Dorna riuscirà ad organizzare 13 round e la stagione sarà competitiva, dobbiamo essere più che pronti dalla prossima gara. Sono sicuro al 100% di questo”.

condividi
commenti
Maria Herrera in Supersport con Biblion Motoxracing nel 2021
Articolo precedente

Maria Herrera in Supersport con Biblion Motoxracing nel 2021

Articolo successivo

Alex Lowes, la spalla preoccupa Kawasaki. Quando rientrerà?

Alex Lowes, la spalla preoccupa Kawasaki. Quando rientrerà?
Carica i commenti