Forés preoccupato: "Bella gara, ma mi sa che sono rimasto a piedi per il 2019!"

condividi
commenti
Forés preoccupato:
Di: Lorenzo Moro
Co-autore: Sebastian Fränzschky
30 set 2018, 07:15

Oggi finalmente siamo tornati a vedere Xavi Forés sul podio al termine di Gara 1 della SBK a Magny-Cours. Un bel risultato per il pilota spagnolo che però a quanto pare ha perso la possibilità di correre nel team Barni il prossimo anno a favore di Rinaldi.

Xavi Fores, Barni Racing Team
Xavi Fores, Barni Racing Team
Xavi Fores, Barni Racing Team, Lorenzo Savadori, Milwaukee Aprilia
Xavi Fores, Barni Racing Team
Xavi Fores, Barni Racing Team
Xavi Fores, Barni Racing Team
Xavi Fores, Barni Racing Team, Lorenzo Savadori, Milwaukee Aprilia

Con il terzo posto di oggi siamo tornati a vedere il Xavi Forés di inizio stagione, in sella ad una Ducati Panigale privata (team Barni Racing) che, laddove le Ducati ufficiali zoppicano, in mano allo spagnolo invece riesce a fare benissimo. Tuttavia è un risultato di poco conto perché, con ogni probabilità, lo spagnolo il prossimo anno verrà appiedato dal suo team a favore di Michael Ruben Rinaldi che nel 2019 non potrà più avere a disposizione la Ducati del Junior Team Aruba (che non esisterà più) e che probabilmente prenderà il posto di Forés all'interno del team Barni.

Senza nulla togliere a Rinaldi, ci sentiamo di affermare che è un po' un peccato perché Forés ha dimostrato più volte di essere veloce, combattivo e anche un po' vecchia scuola, con uno stile di guida "a gomiti larghi" e che non si tira mai indietro quando c'è da fare della bagarre. Di sicuro c'è da lavorare per migliore la costanza, ma perdere Forés potrebbe essere un vero peccato per la Superbike. 

Leggi anche:

Ad ogni modo lo spagnolo si è detto molto soddisfatto del suo risultato odierno: “Tornare sul podio era ciò di cui avevo bisogno, sicuramente”, afferma lo spagnolo. “Per me è stata una buonissima gara, specialmente in partenza quando ero dietro a Tom. Non è stato facile ma sono riuscito a seguirlo. Dopo sette o otto giri ho sentito un calo della gomma anteriore ed ero in difficoltà, così ho deciso di restare sul mio ritmo e provare a difendere la terza posizione. Quindi è un buon risultato”.

Restare sul proprio ritmo ha portato i suoi frutti e Forés aggiunge che il risultato è ancora più dolce, perché ha lavorato sodo, anche venerdì sera tardi. L’obiettivo è quello di mantenere questo ritmo anche in Gara 2, nonostante partirà dalla terza fila.

“Dopo qualche problema nelle ultime gare, tornare sul podio è come una vittoria, per me e per il team. Quindi ringrazio tutti perché abbiamo fatto molto lavoro nei box, in particolare la scorsa notte, per trovare qualcosa sulla moto che migliorasse il nostro passo. Ci siamo riusciti”, continua. “Sono fiducioso del fatto che possiamo lottare per il podio anche domani. Se farò una buona partenza, proverò a spingere al massimo”. 

Tralasciando però per un attimo le dichiarazioni ufficiali del pilota, c'è da dire che, non appena terminata la gara, Forés si aggirava per il parco chiuso parecchio adombrato e triste nel parco chiuso: la sua amareggiata dichiarazione in proposito non ha lasciato dubbi sul suo stato d'animo: "È stata una bella gara è vero sono contento; durante la stagione anche se ho avuto alti e bassi non ho mai mollato, sono contento che sia arrivato questo risultato perché adesso mi sa che sono rimasto a piedi per la prossima stagione e quindi devo trovare un po' la mia strada". 

 
Prossimo articolo WSBK
Jonathan Rea fa poker di mondiali SBK in Francia: "Sto vivendo un sogno"

Articolo precedente

Jonathan Rea fa poker di mondiali SBK in Francia: "Sto vivendo un sogno"

Articolo successivo

Magny-Cours, Warm-up: Rea insaziabile domina anche il turno della domanica mattina

Magny-Cours, Warm-up: Rea insaziabile domina anche il turno della domanica mattina
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Magny-Cours
Piloti Javier Fores
Team Barni Racing Team
Autore Lorenzo Moro
Tipo di articolo Intervista