Folger confronta le gomme MotoGP e SBK: “Meglio Pirelli”

L'ex pilota della MotoGP Jonas Folger conosce molto bene le caratteristiche dei vari pneumatici e spiega perché personalmente preferisce le gomme Pirelli.

condividi
commenti
Folger confronta le gomme MotoGP e SBK: “Meglio Pirelli”

Jonas Folger è uno dei pochi piloti che hanno avuto esperienza con pneumatici Michelin e Pirelli. Il tedesco è stato in grado di adattarsi sia alle gomme Michelin in MotoGP sia a quelle Pirelli nei Campionati Mondiali IDM e Superbike. Gli pneumatici sono fondamentalmente diversi in termini di caratteristiche costruttive e di guida. Ma quale caratteristica predilige Folger?

Il 27enne bavarese è attualmente incline alle gomme Pirelli, come spiega in un’intervista a Motorsport.com: “Penso che sia abbastanza bello. La gomma ha molto grip all’inizio. Poi si degrada di più rispetto, ad esempio, alle gomme Michelin o Dunlop. Per me personalmente, una gomma che si degrada di più è meglio da guidare alla fine, perché poi puoi assecondarla. Si ha meno unità di potenza. Puoi dividere meglio le forze”.

A causa delle diverse caratteristiche, anche le impostazioni dell'elettronica differiscono: “Le mappature fanno passi da gigante. Ci sono passi da gigante tra Mappatura 1, Mappatura 2 e Mappatura 3 rispetto, ad esempio, alla MotoGP. Bisogna essere preparati. Non è un grosso problema”.

Pirelli

Die Pirelli-Reifen funktionieren im Gegensatz zu den Michelin-Reifen auch bei niedrigen Temperaturen sehr gut

Foto: LAT

Può Folger immaginare come funzionerebbero una MotoGP con pneumatici Pirelli e una Superbike con pneumatici Michelin? “Fondamentalmente le moto sono diverse. Nessuna delle due funzionerebbe. Una MotoGP non funzionerebbe con le gomme Pirelli e una superbike non funzionerebbe con le gomme Michelin. Sono pneumatici completamente diversi”.

E in che modo gli pneumatici influenzano la strategia di gara del pilota? “Non importa in quale classe guidi. È una gara. E una gara è una lotta dal primo giro fino alla fine. Un pilota usa le gomme solo quando non è in lotta. È lo stesso in MotoGP, Moto2 o Moto3”.

“Molti pensano che ci siano piloti che risparmiano gomme nei primi giri per poter guidare di più alla fine. Secondo me non è vero. In un Mondiale non si può dare solo l'80% all'inizio. Comunque, in qualsiasi campionato del mondo, devi dare il 110 per cento dal primo all'ultimo giro. Il resto viene da ciò su cui hai lavorato nel fine settimana”.

Van der Mark completa il primo shakedown con la nuova BMW

Articolo precedente

Van der Mark completa il primo shakedown con la nuova BMW

Articolo successivo

Ducati, l’anti-Rea rimane incompiuta. Ancora una volta

Ducati, l’anti-Rea rimane incompiuta. Ancora una volta
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP , WSBK
Piloti Jonas Folger
Autore Sebastian Fränzschky