Ecco le gomme scelte da Pirelli per il primo round SBK in Australia

condividi
commenti
Ecco le gomme scelte da Pirelli per il primo round SBK in Australia
Di:
21 feb 2019, 10:44

Il Mondiale Superbike riparte da Phillip Island e Pirelli annuncia la scelta di pneumatici per affrontare il weekend su un tracciato particolare ed impegnativo come quello australiano.

Jonathan Rea, Kawasaki
Chaz Davies, Aruba.it Racing, Ducati
Diablo Superbike SCX
Pneumatici Pirelli
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Pneumatici Pirelli
Pneumatici Pirelli

Questo weekend il semaforo si spegnerà per la prima volta nel 2019 ed il circuito di Phillip Island sarà teatro del Round di apertura della nuova stagione del Mondiale Superbike. Piloti e squadre sono già scesi in pista per gli ultimi test questa settimana, anche Pirelli è pronta ad affrontare il campionato ripartendo proprio dal tracciato australiano.

Il costruttore di pneumatici aveva annunciato le novità per il 2019, che sono già state messe alla prova nei test, ma che avranno un risconto vero e proprio durante il weekend di gara. Phillip Island è infatti una pista particolare, che comporta un grande stress meccanico e termico: per via del suo layout, genera un surriscaldamento della zona sinistra della gomma, nello stesso tempo ci si trova anche sull’angolo massimo di piega. Qui vengono prodotti forti forze di deriva differenti ed un lavoro obliquo.

Le soluzioni per la Superbike a Phillip Island

Alla luce dei dati raccolti durante i test, Pirelli ha così deciso di confermare gli pneumatici usati nei due giorni di prove, a questi verranno affiancate anche delle soluzioni di sviluppo.

I piloti avranno a disposizione pneumatici intermedi e da bagnato, come in ogni round. Inoltre potranno utilizzare sei soluzioni slick, tre anteriori e tre posteriori. Per quanto riguarda le soluzioni slick all’anteriore, Pirelli presenta la SC1 Morbida 120/70, opzione di riferimento delle ultime due stagioni del Mondiale Superbike. A questa verrà affiancata la stessa mescola, ma in misura maggiorata 125/70, sviluppata nel corso della stagione 2018. Inoltre i piloti avranno a disposizione la soluzione di sviluppo con la stessa misura, ma in mescola media. Questa, rispetto alla gomma più morbida, sarebbe in grado di offrire un grip simile ma con maggiore stabilità e resistenza all’usura.

Al posteriore, verrà portata la SC1 media di sviluppo 22/65. In misura maggiorata, è la mescola media di riferimento del 2018. A questa verrà affiancato lo pneumatico con stessa mescola, ma con una struttura diversa, più rigida alla base che è stata provata a Magny-Cours lo scorso anno. Infine Pirelli porterà  la SC0, soluzione si viluppo morbida in misura maggiorata 200/65. Avendo una mescola più morbida, potrebbe essere l’opzione ideale per la Gara Sprint.

Per quanto riguarda la scelta al posteriore, novità anche per le gomme da qualifica e da bagnato: per la prima opzione Pirelli presenta una soluzione extra morbida in misura maggiorata 200/65 che garantisce prestazioni assolute e maggiori rispetto alle precedenti, ideale per la Superpole. Per il bagnato, verrà portata una nuova soluzione in misura 200/60 che presenta un battistrada intagliato ideale per la pioggia. Questo tipo di mescola è ideale in caso di temperature dell’asfalto che scendono sotto ai 15° o ad asfalti particolarmente lisci.

Articolo successivo
Superbike 2019: il punto di vista di Brembo prima dell'inizio della stagione

Articolo precedente

Superbike 2019: il punto di vista di Brembo prima dell'inizio della stagione

Articolo successivo

Superbike, Phillip Island: si ricomincia da Bautista, leader delle libere con la V4

Superbike, Phillip Island: si ricomincia da Bautista, leader delle libere con la V4
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Phillip Island
Autore Lorenza D'Adderio
Be first to get
breaking news