Ducati punta sul figlio di Troy Bayliss per la Supersport nel 2022

Oli Bayliss, figlio del più noto Troy, sarebbe pronto a debuttare nel mondiale Supersport il prossimo anno con Ducati, affiancando il confermato Nicolò Bulega. A confermare questa intenzione è Paolo Ciabatti, ripensando all’epopea Bayliss proprio di venti anni fa.

Ducati punta sul figlio di Troy Bayliss per la Supersport nel 2022

Il binomio Bayliss-Ducati riporta alla mente degli appassionati bei ricordi, battaglie, successi e gloria. La storia in qualche modo potrebbe ripetersi dal prossimo anno, quando la Casa di Borgo Panigale esordirà nel mondiale Supersport. La griglia di partenza della classe 600 si sta delineando, tra conferme, ingressi e novità. Una di queste è proprio Ducati, che porta in pista Nicolò Bulega, al debutto nelle derivate di serie.

C’è però un altro nome che circola per affiancare il giovane italiano e il cognome è sicuramente noto. Si tratta di Oli Bayliss, figlio del più noto Troy. Il giovane pilota australiano non è nuovo nel mondiale Supersport, avendo già corso come wildcard nel round di Phillip Island nel 2020. In quello stesso anno inoltre aveva portato avanti anche l’impegno della Superbike australiana in sella alla Panigale V4R, vincendo il titolo.

Leggi anche:

Tuttavia, nel 2022 avrebbe un posto da pilota titolare proprio con Ducati nella classe Supersport, a distanza di venti anni dal primo titolo di suo padre Troy con la Rossa di Borgo Panigale in Superbike. A volte ritornano, dunque. In un anno caratterizzato da tante novità, potremmo rivedere un Bayliss in sella a una Ducati, rievocando così l’epopea di Troy di ormai due decenni fa.

A confermare l’intenzione di portare Oli Bayliss nel mondiale Supersport dal prossimo anno è proprio Paolo Ciabatti, Direttore Sportivo di Ducati Corse: “Abbiamo visto alcuni piloti provenire dalla Moto2 fare molto bene e vincere gare in Supersport, come Locatelli e Odendaal. Nicolò ha bisogno di cambiare aria e avere l’opportunità di guidare una Ducati gli dà una motivazione extra. In questo momento non è ufficiale, ma stiamo provando a portare il figlio di Troy Bayliss nel campionato, ne stiamo parlando con Troy. Oli Bayliss ha compiuto 18 anni la settimana scorsa e ha vinto una gara con la Panigale V4R in Australia. Portarlo nel mondiale 20 anni dopo che suo padre ha vinto il suo primo titolo con noi sarebbe una bella storia, interessante per i Ducatisti”.

condividi
commenti
Pedercini sceglie Ribodino per il round in Argentina
Articolo precedente

Pedercini sceglie Ribodino per il round in Argentina

Articolo successivo

SBK nel caos, l’Argentina chiude le frontiere: voli cancellati e round a rischio

SBK nel caos, l’Argentina chiude le frontiere: voli cancellati e round a rischio
Carica i commenti