Donington, Libere 1: Kawasaki davanti ma Ducati non è lontana

Miglior prestazione per Rea, che però colleziona anche una caduta. Sykes subito dietro. Melandri conferma il feeling con la pista e fa meglio del compagno di squadra Davies. Savadori e l’Aprilia si rilanciano.

Donington, Libere 1: Kawasaki davanti ma Ducati non è lontana
Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Tom Sykes, Kawasaki Racing
Chaz Davies, Ducati Team
Michael van der Mark, Pata Yamaha, Alex Lowes, Pata Yamaha
Stefan Bradl, Honda World Superbike Team
Marco Melandri, Ducati Team
Lorenzo Savadori, Milwaukee Aprilia World Superbike Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Leon Camier, MV Agusta

La Kawasaki si è aggiudicata il primo round del weekend a Donington del Mondiale SBK. Una vittoria ai punti nella FP1, grazie al fatto di aver piazzato entrambi i piloti in cima alla graduatoria tempi, unici a scendere sotto il muro dell’1’28”. Ma non è tutto oro quello che luccica tra le mura dei box. Jonathan Rea ha non è stato quello schiacciasassi che ci aveva mostrato fino ad ora. Un turno complicato, iniziato con una scivolata nel giro di lancio alla curva 11 dopo neanche dieci minuti, e seguito con una lunga sosta per risistemare la moto.

Il campione del mondo ha poi rimesso a posto le cose facendo segnare la migliore prestazione in 1’27”828 ma ha mandato qualche segnale di nervosismo, con una serie di piccoli ma significativi errori che non eravamo abituati a vedere. Probabilmente la caduta ha scombussolato i piani e si sa quanto Johnny faccia della meticolosità il suo credo.

Nel pomeriggio, nella FP2, ci sarà la prova del nove se si è trattato di un episodio oppure no. Più costante nella sua performance Tom Sykes, che ha capeggiato a lungo la graduatoria tempi prima di cedere la leadership per un decimo. Sicuramente in condizioni fisiche appropriate, dopo il virus che lo ha debilitato, l’inglese sa che Donington è un po’ la sua ultima spiaggia e si sta preparando al meglio.

E la Ducati? E’ lì vicina, con Marco Melandri questa volta più incisivo di Chaz Davies. Il distacco non è poco, rispettivamente tre e cinque decimi ma non così significativo da generare allarme. Soprattutto Marco ha messo in mostra una progressione costante, confermando di aver trovato risposte soddisfacenti dal test al Mugello ma soprattutto di aver un bel feeling con la pista inglese, dove ha vinto due gare. Per Davies c’è ovviamente lavoro da fare per trovare le giuste soluzioni ma nel team c’è la sicurezza di metterlo nelle condizioni per recuperare il gap.

La pista di Donington ha avuto il merito di rendere meno evidente il divario tra Kawasaki e Ducati e il resto del gruppo. Decisamente competitivo è apparso Michael van der Mark con la Yamaha, quinto tempo, anche se ha alternato giri veloci ad errori che gli sono costati due cadute per fortuna senza conseguenze fisiche. In progresso anche Lorenzo Savadori con l’Aprilia, dopo la battuta a vuoto di Imola. Settimo tempo per il romagnolo, a meno di otto decimi da Rea, è il giusto segnale per rendere positivo il prosieguo del weekend.

Bene anche Leon Camier con la MV, ottavo crono, non ha brillato invece Alex Lowes, solo nono ad oltre 1”, che su una pista che conosce alla perfezione, ha preso paga dal giovane compagno di squadra; così come Xavi Fores, finito un po’ a sorpresa nelle retrovie.

Due le wild card presenti: Leon Haslam, con la Kawasaki del team Puccetti, ha confermato il suo ottimo stato di forma che lo vede leader del BSB, chiudendo la sessione con il sesto tempo; Jake Dixon, anche lui su una Kawasaki, ha concluso nelle retrovie: non è un protagonista nella serie nazionale difficile che lo possa fare nel mondiale.

Cla#PilotaBikeGiriTempoGapDistaccokm/h
1 1 united_kingdom Jonathan Rea  Kawasaki 15 1'27.828     164.899
2 66 united_kingdom Tom Sykes  Kawasaki 27 1'27.938 0.110 0.110 164.693
3 33 italy Marco Melandri  Ducati 24 1'28.153 0.325 0.215 164.291
4 7 united_kingdom Chaz Davies  Ducati 24 1'28.360 0.532 0.207 163.906
5 60 netherlands Michael van der Mark  Yamaha 24 1'28.404 0.576 0.044 163.825
6 91 united_kingdom Leon Haslam  Kawasaki 21 1'28.573 0.745 0.169 163.512
7 32 italy Lorenzo Savadori  Aprilia 22 1'28.621 0.793 0.048 163.424
8 2 united_kingdom Leon Camier  MV Agusta 18 1'28.681 0.853 0.060 163.313
9 22 united_kingdom Alex Lowes  Yamaha 21 1'28.876 1.048 0.195 162.955
10 50 united_kingdom Eugene Laverty  Aprilia 24 1'28.896 1.068 0.020 162.918
11 81 spain Jordi Torres  BMW 25 1'29.170 1.342 0.274 162.417
12 36 argentina Leandro Mercado  Aprilia 25 1'29.175 1.347 0.005 162.408
13 12 spain Javier Fores  Ducati 20 1'29.241 1.413 0.066 162.288
14 40 spain Roman Ramos  Kawasaki 22 1'29.534 1.706 0.293 161.757
15 6 germany Stefan Bradl  Honda 22 1'29.668 1.840 0.134 161.515
16 15 san_marino Alex de Angelis  Kawasaki 20 1'29.739 1.911 0.071 161.388
17 88 switzerland Randy Krummenacher  Kawasaki 27 1'29.754 1.926 0.015 161.361
18 84 italy Riccardo Russo  Yamaha 22 1'29.938 2.110 0.184 161.030
19 35 italy Raffaele De Rosa  BMW 23 1'29.953 2.125 0.015 161.004
20 27 united_kingdom Jake Dixon  Kawasaki 21 1'30.007 2.179 0.054 160.907
21 86 italy Ayrton Badovini  Kawasaki 19 1'30.588 2.760 0.581 159.875
22 37 czech_republic Ondřej Ježek  Kawasaki 23 1'30.795 2.967 0.207 159.510
condividi
commenti
Oggi Nicky Hayden sarà rimpatriato negli Stati Uniti

Articolo precedente

Oggi Nicky Hayden sarà rimpatriato negli Stati Uniti

Articolo successivo

Donington, Libere 2: Rea ancora in vetta, le Ducati inseguono

Donington, Libere 2: Rea ancora in vetta, le Ducati inseguono
Carica i commenti