WSBK
27 set
-
29 set
Evento concluso
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso

Domenicali risponde a Bautista: “Ha lasciato Ducati per soldi”

condividi
commenti
Domenicali risponde a Bautista: “Ha lasciato Ducati per soldi”
Di:
27 set 2019, 08:29

Aria tesa in Ducati, dove ormai lo spagnolo e la squadra vivono da separati in casa. Bautista parla già da uomo Honda e smentisce di essere andato via per i soldi, ma Domenicali incalza e afferma che Borgo Panigale gli aveva fatto un’offerta che ha rifiutato perché voleva più soldi.

A pochissimo tempo dall’inizio dell’ultimo round europeo del Mondiale Superbike, l’atmosfera in casa Ducati si fa sempre più incandescente e la squadra ed Alvaro Bautista sono ormai ai ferri corti. Lo spagnolo ha reso noto l’imminente addio al team di Borgo Panigale e l’approdo in Honda a partire dal 2020, giustificandolo come un nuovo stimolo ed un progetto particolarmente interessante che dà motivazione.

Ma da parte di Ducati l’opinione è ben diversa e, per quanto l’ex leader del mondiale abbia smentito più volte il fatto di aver lasciato il team Aruba.it per i soldi, Claudio Domenicali insiste sull’idea che il fattore economico sia stato determinante. Inoltre le parole di Bautista che hanno fatto seguito all’annuncio dell’arrivo in Honda non hanno lasciato contenti i vertici di Borgo Panigale.

Leggi anche:

"Sono felice, perché credo molto in questo progetto con HRC – ha dichiarato Bautista ai microfoni di Dorna parlando dell’accordo con Honda – Vogliono tornare in Superbike come team ufficiale e questo mi dà molta motivazione. Unirmi al team HRC è importante, perché è una struttura solida che vuole vincere nelle derivate di serie. La sfida per il prossimo anno sarà complicata, ma proverò ad usare la mia esperienza in SBK acquisita quest'anno per sviluppare la moto e spero di lottare per la vittoria".

Le dichiarazioni dello spagnolo hanno infastidito i vertici, in particolare Claudio Domenicali, che ha risposto attraverso un post su Twitter con allegata una foto dell’ormai ex pilota celebrato per la prima vittoria della stagione: “Questa foto è stata l’inizio di una fantastica serie di vittorie. Ora Bau Bau afferma di aver lasciato Ducati per Honda quando noi abbiamo optato per Scott e non si è trattato di soli. Ma noi gli abbiamo fatto un’offerta a 6 zeri in due anni, l’ha rifiutata perché ne voleva di più, nient’altro. La vita è fatta di scelte”.

L’aria si fa sempre più tesa nel box #19, che deve affrontare gli ultimi tre round della stagione e lo farà in un ambiente tutt’altro che disteso, consapevole anche del fatto che il titolo mondiale è sempre più lontano e che Jonathan Rea, rivale diretto, può vincere già a Magny-Cours avendo ben 93 punti di vantaggio su Bautista.

 
Articolo successivo
BMW pronta a migliorare ancora a Magny-Cours

Articolo precedente

BMW pronta a migliorare ancora a Magny-Cours

Articolo successivo

SBK, Magny-Cours, Libere 1: Van der Mark vola sull’acqua

SBK, Magny-Cours, Libere 1: Van der Mark vola sull’acqua
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Magny-Cours
Location Circuit de Nevers Magny-Cours
Autore Lorenza D'Adderio