Cavalieri e Pedercini si separano: da Donington ci sarà Mossey

Samuele Cavalieri lascia il team Pedercini dopo soli tre round. A Donington, in programma fra una settimana, la squadra di Lucio Pedercini si presenterà con Luke Mossey, che torna nel mondiale dopo l'esperienza con questo team nel 2018.

Cavalieri e Pedercini si separano: da Donington ci sarà Mossey

Finisce dopo soli tre round l’avventura di Samuele Cavalieri e del team Pedercini insieme. Il pilota e la squadra si separano dopo l’appuntamento di Misano e, a partire dal prossimo round a Donington, la squadra di Lucio Pedercini porterà in pista Luke Mossey.

Il britannico esordirà con il Team Pedercini Racing proprio nella sua gara di casa, di fronte ad un discreto pubblico che siederà sulle tribune del tracciato di Donington. Ma per Mossey non sarà un vero e proprio debutto, perché già nel 2018 aveva disputato il round di Gran Bretagna con la squadra di Pedercini in qualità di sostituto dell’allora pilota titolare Yonny Hernandez.

All’epoca aveva chiuso le due gare in 17esima e 14esima posizione, mostrandosi competitivo già negli anni precedenti nelle altre classi: in Supersport nel 2012 aveva conquistato dei punti e nella classe STK600 aveva anche vinto come wildcard nel 2010.

Termina invece la stagione per Samuele Cavalieri, che quest’anno debuttava come pilota titolare proprio con il team di Pedercini. Vecchia conoscenza del mondiale, l’italiano era al suo primo incarico stagionale, ma il suo campionato è finito con largo anticipo. Molto in difficoltà in questo avvio di stagione, Cavalieri ha ottenuto solo un 17esimo posto come miglior risultato, proprio a Misano nella Superpole Race.

Lucio Pedercini, team manager, commenta l’arrivo di Mossey: “Siamo felici di dare il bentornato alla famiglia TPR e siamo impazienti di vederlo di nuovo su una delle nostre moto sulla pista dove ha avuto inizio la Superbike. non ha pressioni per il weekend, ma siamo fiduciosi del fatto che farà un grande lavoro. Siamo anche felici di sapere che ci sarà un discreto numero di appassionati in pista e potranno dare il loro supporto di persona al loro pilota di casa”.

Mossey è entusiasta dell’occasione che gli si presenta e dichiara: “Lucio mi ha mandato un messaggio la settimana scorsa e ho colto subito questa occasione. Non vedo l’ora, davvero. È un piccolo déja-vu, perché avevo già corso con loro nel 2018 a Donington Park e non potevo dire di no ad un ritorno con Kawasaki in Gran Bretagna. È una grande opportunità e penso che possiamo fare davvero un buon lavoro”.

condividi
commenti
Lowes, che botto! L’alfiere Kawasaki racconta la caduta nei test

Articolo precedente

Lowes, che botto! L’alfiere Kawasaki racconta la caduta nei test

Articolo successivo

Rea scopre Navarra: “È una pista più da pilota che da moto”

Rea scopre Navarra: “È una pista più da pilota che da moto”
Carica i commenti