Carrasco toglie le placche alla schiena, può tornare in moto

Ana Carrasco è stata operata ieri per togliere le placche alla schiena, installate lo scorso settembre per ridurre la frattura alle vertebre rimediata durante la caduta nei test all’Estoril. Il recupero prosegue bene e fra poche settimane potrà tornare in moto.

Carrasco toglie le placche alla schiena, può tornare in moto

Continua senza sosta il percorso di recupero di Ana Carrasco, che lo scorso settembre si è infortunata a seguito di una caduta durante una sessione di test sulla pista di Estoril. La pilota spagnola era caduta fratturandosi le vertebre D4 e D6, lesione che ha costretto a ricorrere ad un intervento chirurgico. La stagione si è conclusa in anticipo per la portacolori del team Provec Kawasaki, ma non ha mai smesso di lavorare sul recupero per poter rientrare nel 2021.

Nella giornata di ieri infatti si è sottoposta ad una nuova operazione per rimuovere le placche installate a settembre per ridurre la frattura. L’intervento è stato programmato dai Dottori Ubierna e Caceres dopo aver visto l’ottimo processo di guarigione di Ana Carrasco, ma le buone notizie non finiscono qui. La pilota di Murcia potrà tornare a svolgere una normale attività fisiche fra poche settimane e tra meno di un mese avrà anche l’ok per tornare in moto.

Leggi anche:

Ana Carrasco non nasconde la propria felicità e, al termine dell’operazione, afferma: “Sono molto contenta, l’operazione è andata bene secondo tutti i medici, voglio ringraziare tutti per il loro sostegno in questi ultimi mesi e, in particolare, Albert, il nostro coordinatore medico, Santi il mio preparatore fisico e Joan Tao, il mio osteopata, per le molte ore che hanno dedicato alla mia salute che sta dando i suoi frutti. Naturalmente il mio ringraziamento va anche al buon lavoro del dottor Ubierna e del dottor Cáceres. Ho un disperato bisogno di tornare sulla mia Ninja 400; saremo pronti al 100%, mentalmente e fisicamente, quando la stagione inizierà”.

Anche i medici (Dr. Cáceres e Dr. Ubierna) si ritengono soddisfatti del recupero: “Ieri, martedì 12 gennaio, abbiamo eseguito un’operazione per rimuovere l'impianto in titanio inserito il 15 settembre. Abbiamo deciso di effettuare l'intervento perché grazie alla TAC abbiamo potuto osservare che le lesioni erano consolidate, quindi abbiamo deciso di inserire l'osso liofilizzato nei fori delle viti per accelerare la rigenerazione ossea. L'intervento è andato bene e secondo i piani; la prossima settimana eseguiremo una TAC per riconfermare i progressi. Se tutto va bene, tra due settimane Ana potrà fare un po' di esercizio una volta che la ferita chirurgica sarà guarita e tra due settimane potrà tornare in moto”.

C’è soddisfazione anche da parte del team, che non vede l’ora di accoglierla di nuovo nel box, come afferma Carla Grau, Team Manager Kawasaki Provec WorldSPP300: “Arrivano fantastiche notizie dall'ospedale e dal team ICATME, Ana dovrebbe essere ‘pronta a spaccare’ in poche settimane. Da Kawasaki Provec vogliamo sottolineare la professionalità di Ana, che ha lavorato sulla sua condizione fisica per accelerare il più possibile il suo recupero. Dal punto di vista del progetto non ci siamo fermati. Abbiamo tutto pronto per la stagione 2021, tutti i nostri sponsor hanno riconfermato il loro sostegno al progetto di Ana, anche nell’attuale situazione di incertezza economica e di infortunio di Ana. Infatti, anche diverse nuove aziende sono entrate a far parte dell'avventura del 2021, quindi mille grazie a tutti, saremo più che pronti per la prima gara della stagione a fine aprile”.

condividi
commenti
Riba: “Rea tra i cinque piloti migliori al mondo, MotoGP inclusa”

Articolo precedente

Riba: “Rea tra i cinque piloti migliori al mondo, MotoGP inclusa”

Articolo successivo

Honda, il rientro ufficiale di HRC ha progetti ambiziosi

Honda, il rientro ufficiale di HRC ha progetti ambiziosi
Carica i commenti