WRC: ufficiale la cancellazione del Rally del Giappone

Le restrizioni sui viaggi e i problemi pandemici non potranno far svolgere la gara nipponica come ultimo round della serie 2021, che quindi potrebbe terminare nuovamente a Monza come l'anno scorso.

WRC: ufficiale la cancellazione del Rally del Giappone

Dopo l'anticipazione data da Motorport.com già a metà agosto, oggi è arrivata la conferma: il FIA World Rally Championship non potrà correre il Rally del Giappone a novembre a causa della situazione pandemica ancora in corso.

Ormai tutte le serie internazionali hanno dovuto rinunciare a viaggiare in Estremo Oriente viste le attuali restrizioni ancora in vigore e relative difficoltà negli spostamenti

E così, per il secondo anno di fila, il Covid-19 fa saltare l'appuntamento in Giappone della massima serie rallistica, che ora dovrà trovare una alternativa come conclusione del Mondiale 2021.

"Considerando le caratteristiche della gara WRC, che si svolge su strade pubbliche con la cooperazione di tutti nella comunità locale, e il fatto che in Giappone i casi di emergenza Covid-19 continuano ad aumentare ogni giorno e l'alleviamento della situazione rimane imprevedibile, l'unica scelta da assumere assieme, purtroppo, era quella di annullare il Rally del Giappone 2021," si legge nel comunicato ufficiale.

"Cogliamo l'occasione per esprimere il nostro più profondo apprezzamento per l'indispensabile sostegno e la comprensione di tutti, e vorremmo indirizzare la nostra sincera gratitudine a tutti i fan e le parti interessate che hanno atteso con ansia questo primo evento del WRC in Giappone dopo 11 anni. Ci scusiamo sinceramente per tutti gli inconvenienti che ciò può aver causato, e siamo profondamente grati per la vostra comprensione".

Il presidente del comitato esecutivo, Satoshi Suzuki, ha aggiunto: "Colgo l'occasione per esprimere anche la mia sentita gratitudine a tutti coloro che hanno lavorato instancabilmente per rendere possibile questo evento. Siamo determinati a fare del nostro meglio per superare questa pandemia di Covid-19 e riuscire a tenere il WRC in Giappone nel 2022. Prego per la sicurezza di tutti".

A questo punto, come vi avevamo anticipato il 19 agosto scorso, si profila all'orizzonte sempre più l'ipotesi di avere ancora una volta l'ACI Rally Monza come tappa conclusiva del WRC, come accaduto nel 2020. Per il momento il promoter del campionato ha solamente dichiarato che verrà trovata una soluzione alternativa, al più presto comunicata quando sarà possibile.

condividi
commenti
WRC, Pirelli: all'Acropoli fondamentale il controllo dell'usura

Articolo precedente

WRC, Pirelli: all'Acropoli fondamentale il controllo dell'usura

Articolo successivo

WRC, tegola Toyota: Katsuta deve saltare il Rally dell'Acropoli

WRC, tegola Toyota: Katsuta deve saltare il Rally dell'Acropoli
Carica i commenti