Ogier e la Volkswagen dominano il Rally di Montecarlo

Ogier e la Volkswagen dominano il Rally di Montecarlo

Tripletta delle Polo con Latvala secondo e Mikkelsen terzo. Il rientrante Loeb vince 5 PS, ma sbatte ed è ottavo

Non è bastato neppure il ritorno di Sebastien Loeb al volante della Citroen per fermare il dominio di Sebastien Ogier e della Volkswagen. Il due volte campione del mondo ha infatti iniziato il 2015 con l'ennesimo trionfo, il 25esimo della sua carriera nel Mondiale Rally, maturato sulle strade del Rally di Montecarlo, grazie ad una gara accorta che lo ha visto rimanere sempre lontano dai guai.

Il francese, infatti, si è accontentato di vincere solamente due delle 15 prove speciali in programma, ma per il resto ha amministrato la corsa davvero alla grande: nelle prime sei speciali ha lasciato che fosse proprio uno scatenato Loeb a dettare il ritmo, pur rimanendogli sempre a distanza di sicurezza.

Non a caso, quando il 9 volte iridato ha commesso un piccolo errore, finendo in testacoda tradito dal fondo ghiacciato, ne ha subito approfittato per scavalcarlo e portare la sua Polo R WRC al comando nella PS7, anche se per appena 8". A rendergli tutto più semplice ci ha pensato poi Loeb, che nella prova successiva ha urtato un muretto, danneggiando la sospesione posteriore sinistra della sua DS3 WRC.

Il francese è riuscito ad arrivare alla fine della prova, ma non a riportare la sua vettura al parco assistenza e quindi alla fine della seconda giornata di gara si è ritrovato a pagare oltre 10' su Ogier, che invece poteva gestire un margine di ben 1'45" sul diretto inseguitore, che era il compagno di squadra Jari-Matti Latvala.

Nelle ultime due giornate di gara, dunque, si è potuto concedere il lusso di cedere quasi un minuto nei confronti del finlandese, che è riuscito a rosicchiargli un punticino con il terzo posto ottenuto nella Power Stage conclusiva, che è stata dominata dalle Citroen con un bell'1-2. Il dominio Volkswagen però non finisce qui perché, grazie ad una gara priva di sbavature, Andreas Mikkelsen è riuscito a conquistare il gradino più basso del podio con la terza Polo R WRC.

Ai piedi del podio c'è la Citroen DS3 WRC di Mads Ostberg, che curiosamente è quella ancora in versione 2014. La scelta della Casa francese di dare le due vetture aggiornate in versione 2015 a Loeb e Kris Meeke, infatti, non ha dato i frutti sperati, perché il britannico venerdì ha sbattuto esattamente nello stesso punto del francese nella PS8. Alla fine per loro, ci sono stati quindi l'ottavo ed il decimo posto finale, con la parziale consolazione di aver portato a casa ben otto delle 15 speciali disputate (5 con Loeb e 3 con Meeke, che ha fatto sua la Power Stage).

La top five si completa poi con la Hyundai i20 WRC di Thierry Neuville, che proprio nella prova speciale conclusiva è riuscito ad avere la meglio sulla vettura gemella di Dani Sordo, tra le altre cose per appena 0"8. Nonostante un'uscita di strada nelle prime fasi, lo spagnolo era infatti rimasto a lungo davanti al talentuoso pilota belga.

Solo settima, dunque, la prima delle Ford Fiesta RS WRC, che è quella di Elfyn Evans. Senza una toccata con cui ieri ha danneggiato una sospensione, il britannico avrebbe potuto puntare alla quinta posizione, ma la sua comunque non è stata una prova particolarmente brillante. Meglio di lui avevano fatto sicuramente Robert Kubica ed Ott Tanak, che però hanno pagato a caro prezzo i loro errori.

Il polacco dell'A-Style Team ha vinto addirittura quattro speciali a cavallo tra venerdì e sabato, facendo segnare sempre dei tempi molto interessanti. Peccato che la sua gara si fosse compromessa già giovedì: nella PS2, infatti, si è girato in testacoda per un problema elettrico, che gli ha provocato anche lo spegnimento dei fari in trasferimento, con tanto di stop da parte della polizia stradale che lo ha fatto precipitare ad oltre dieci minuti per una penalità. Purtroppo poi la sua gara è finita una volta per tutte quando è finito a muro subito dopo aver completato la PS14 a causa di un problema con i freni.

Tanak invece è stato la grande rivelazione delle prime due giornate di gara: addirittura secondo nella PS2, l'estone era quarto alla fine sella tappa di venerdì, ma poi nella PS10, la più lunga dell'intera corsa, si è reso protagonista di un'uscita di strada che gli è costata tantissimi minuti, relegandolo nelle retrovie.

Detto poi dell'ottavo posto di Loeb e del decimo di Meeke, l'ultimo ad artigliare due punticini è stato Martin Prokop, nono con la sua Ford Fiesta RS WRC. Sfortunata la prova di Lorenzo Bertelli, finito rovinosamente fuori strada nella PS12 proprio quando sembrava che la zona punti potesse essere alla sua portata L'italiano ha comunque visto il traguardo, ma con un ritardo di quasi un'ora e 20. Tra le altre cose, nello stesso punto era finito fuori strada anche Sebastien Chardonnet, a sua volta molto attardato.

Infine, per quanto riguarda la classe WRC2, il successo finale è andato alla Citroen DS3 R5 di Stephane Lefebvre, 12esimo assoluto con un margine di oltre due minuti nei confronti della Peugeot 208 T16 di Craig Breen.

WRC, Rally di Montecarlo, 25/01/2015
Classifica finale (primi dieci)
1. Sebastien Ogier - Volkswagen Polo R WRC - 3.36'40"2
2. Jari-Matti Latvala - Volkswagen Polo R WRC - +58"0
3. Andreas Mikkelsen - Volkswagen Polo R WRC - +2'12"3
4. Mads Ostberg - Citroen DS3 WRC - +2'43"6
5. Thierry Neuville - Hyundai i20 WRC - +3'12"1
6. Dani Sordo - Hyundai i20 WRC - +3'12"9
7. Elfyn Evans - Ford Fiesta RS WRC - +5'23"7
8. Sebastien Loeb - Citroen DS3 WRC - +8'34"7
9. Martin Prokop - Ford Fiesta RS WRC - +9'54"8
10. Kris Meeke - Citroen DS3 WRC - +10'55"6

La classifica del Mondiale: 1. Ogier 25; 2. Latvala 19; 3. Mikkelsen 15; 4. Ostberg 12; 5. Neuville 10; 6. Sordo 8; 7. Evans e Loeb 6; 9. Meeke 4; 10. Prokop 2.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WRC
Evento Rally di Monte Carlo
Piloti Jari-Matti Latvala , Andreas Mikkelsen , Sébastien Ogier
Articolo di tipo Ultime notizie