WRC, Rallye Monte-Carlo: le prime novità dal Parco Assistenza

Latvala boss Toyota, il ritorno del numero 1 sulla carena della vettura del campione del mondo, ma anche il nuovo copilota di Neuville, il suo nuovo casco e come riconoscere le Ford Fiesta M-Sport di Suninen e Greensmith. Tante le novità in questo avvio del WRC 2021.

WRC, Rallye Monte-Carlo: le prime novità dal Parco Assistenza

A poche ore dall'inizio del Rallye Monte-Carlo 2021, il Parco Assistenza che anche quest'anno ha sede a Gap - città natale del 7 volte campione del mondo Sébastien Ogier - presenta diverse novità, tutte molto interessanti e curiose.

Inevitabile sorprendersi nell'attraversare il Parco Assistenza e accorgersi di non trovare più Tommi Makinen. Ricordiamo che l'ormai ex team principal e responsabile del progetto Toyota Gazoo Racing ha accettato il ruolo di advisor della Casa giapponese dopo che quest'ultima ha assorbito interamente il team qualche mese fa.

Al suo posto, come potete vedere dalla foto, troviamo Jari-Matti Lavala. Akio Toyoda, presidente di Toyota Gazoo Racing, ha scelto l'ex pilota con cui Toyota è tornata nel WRC a partire dall'inizio del 2017 e che l'ha riportata al successo (Rally di Svezia, sempre nel 2017).

Jari-Matti Latvala, Toyota Racing

Jari-Matti Latvala, Toyota Racing

Photo by: Toyota

Nella stessa foto, come potete vedere proprio qui sopra, c'è anche un'altra novità non trascurabile. O meglio, un gradito ritorno. Dopo un anno senza, torna a essere al centro dell'attenzione il numero 1, riservato all'equipaggio campione del mondo.

Sébastien Ogier e Julien Ingrassia, i quali hanno vinto il loro settimo iride della carriera, sono tornati a usarlo sulla loro Yaris WRC. Nel 2020 il numero 1 è stato inutilizzato perché l'allora campione del mondo Ott Tanak preferì continuare a usare il suo solito numero di gara: l'8.

Nuova livrea delle Yaris e delle tute

Toyota Yaris WRC
Toyota Yaris WRC
1/11

Foto di: Toyota Racing

Toyota Yaris WRC
Toyota Yaris WRC
2/11

Foto di: Toyota Racing

Toyota Yaris WRC
Toyota Yaris WRC
3/11

Foto di: Toyota Racing

Toyota Yaris WRC
Toyota Yaris WRC
4/11

Foto di: Toyota Racing

Toyota Yaris WRC
Toyota Yaris WRC
5/11

Foto di: Toyota Racing

Toyota Yaris WRC
Toyota Yaris WRC
6/11

Foto di: Toyota Racing

Toyota Yaris WRC
Toyota Yaris WRC
7/11

Foto di: Toyota Racing

Toyota Yaris WRC
Toyota Yaris WRC
8/11

Foto di: Toyota Racing

Sébastien Ogier, Julien Ingrassia, Toyota Gazoo Racing
Sébastien Ogier, Julien Ingrassia, Toyota Gazoo Racing
9/11

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing
10/11

Foto di: Toyota Racing

Kalle Rovanperä, Jonne Halttunen, Toyota Gazoo Racing
Kalle Rovanperä, Jonne Halttunen, Toyota Gazoo Racing
11/11

Foto di: Toyota Racing

Sempre in casa Toyota ecco la nuova livrea che vestirà le tre Yaris WRC Plus a partire dal Rallye Monte-Carlo. Dopo 4 stagioni in cui le vetture giapponesi si sono sempre mostrate con il solito disegno e il solito schema di colori, è arrivata una ventata d'aria fresca anche dal punto di vista cromatico.

Sulle carene delle tre Yaris le lettere GR di colore rosso e nero compongono la nuova livrea. Ma la novità non è solo legata ai colori delle vetture, bensì anche alle tute che indosseranno i piloti del team Toyota Gazoo Racing, ora uniformate a quelle dei piloti che correranno nella nuova stagione del World Endurance Championship con la Hypercar GR010 Hybrid appena presentata.

Le novità Hyundai Motorsport

Car of Thierry Neuville and Martijn Wydaeghe, Hyundai i20 Coupe WRC
Car of Thierry Neuville and Martijn Wydaeghe, Hyundai i20 Coupe WRC
1/3

Foto di: Thierry Neuville

Car of Thierry Neuville and Martijn Wydaeghe, Hyundai i20 Coupe WRC
Car of Thierry Neuville and Martijn Wydaeghe, Hyundai i20 Coupe WRC
2/3

Foto di: Thierry Neuville

Car of Thierry Neuville and Martijn Wydaeghe, Hyundai i20 Coupe WRC
Car of Thierry Neuville and Martijn Wydaeghe, Hyundai i20 Coupe WRC
3/3

Foto di: Thierry Neuville

Passiamo dunque in casa Hyundai Motorsport. La prima, grande novità si può scorgere all'interno della Hospitality del team Coreano. O meglio, sui finestrini posteriori della i20 Coupé WRC Plus.

Accanto al nome di Thierry Neuville, vincitore dell'edizione 2020 del Rallye Monte-Carlo, non c'è più quello di Nicolas Gilsoul. Dopo 10 anni di sodalizio, i due si sono separati a causa di un mancato accordo economico che ha portato Neuville a scegliere un altro navigatore.

Si tratta di Martijn Wydaeghe, belga classe 1992 che in passato ha già corso assieme a Craig Breen. Una novità non da poco per il pilota che nel 2020 vinse in maniera meritata la gara più importante del calendario del Mondiale Rally.

Casco nuovo per Neuville

Thierry Neuville, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Hyundai Motorsport
1/4

Foto di: Thierry Neuville

Thierry Neuville, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Hyundai Motorsport
2/4

Foto di: Thierry Neuville

Thierry Neuville, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Hyundai Motorsport
3/4

Foto di: Thierry Neuville

Thierry Neuville, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Hyundai Motorsport
4/4

Foto di: Thierry Neuville

La seconda novità presente a questo Rallye Monte-Carlo numero 110 è il nuovo casco di Thierry Neuville, svelato sui social proprio in queste ore. Il pilota belga ha mostrato il nuovo disegno del suo elmetto che farà esordire domani, prima giornata di gara del rallye che si terrà in gran parte nel sud della Francia.

Continua a essere presente il logo Red Bull ai lati del casco e nel braccetto dell'interfono. Nello sfondo blu che da fa base, spicca il logo e il numero di Neuville, visibile in rosso e azzurro. Infine, freccia belga sulla calotta, per ricordare la sua nazione di provenienza sebbene il 32enne viva da anni nel Principato.

Come riconoscere i piloti M-Sport in gara

Teemu Suninen, Mikko Markkula, M-Sport Ford WRT Ford Fiesta WRC
Teemu Suninen, Mikko Markkula, M-Sport Ford WRT Ford Fiesta WRC
1/2

Foto di: M - Sport

Gus Greensmith, Elliot Edmondson, M-Sport Ford WRT Ford Fiesta WRC
Gus Greensmith, Elliot Edmondson, M-Sport Ford WRT Ford Fiesta WRC
2/2

Foto di: M - Sport

M-Sport schiererà quest'anno solo 2 Ford Fiesta WRC Plus e 2 equipaggi, quelli formati da Teemu Suninen e Mikko Markkula e da Gus Greensmith e Elliott Edmondson. Ma come riconoscere le due vetture, al di là dei numeri e dei nomi apposti sulle vetture ma visibili solo lateralmente?

Il team ha deciso di differenziare alcune zone delle due Fiesta con due colorazioni differenti. Come potete notare nelle due foto che abbiamo pubblicato qui sopra. Sulle ali posteriori ecco due bande rivelatrici. Su quella di Suninen sarà color verde acido, mentre su quella di Gus Greensmith sarà viola.

condividi
commenti
WRC: Esteban Ocon al Rallye Monte-Carlo con un'Alpine A110S
Articolo precedente

WRC: Esteban Ocon al Rallye Monte-Carlo con un'Alpine A110S

Articolo successivo

WRC, Tanak: "L'incidente del 2020 è alle spalle. Punto al titolo"

WRC, Tanak: "L'incidente del 2020 è alle spalle. Punto al titolo"
Carica i commenti