WRC, Rally Portogallo, PS16: super avvio di Evans

Il gallese della Toyota firma un tempo super e vince con merito la PS16, raddoppiando il suo vantaggio nei confronti di Sordo. Ogier stacca Katsuta e mette al sicuro il terzo posto.

WRC, Rally Portogallo, PS16: super avvio di Evans

Nella Prova Speciale 16 del Rally del Portogallo, la Felgueiras 1 di 9,18 chilometri, era lecito attendersi qualche risposta più chiara riguardo i duelli che si sono profilati nel giro pomeridiano di ieri. Elfyn Evans, invece, ha voluto mettere le cose in chiaro.

Il gallese della Toyota ha stravinto il stage grazie a una guida aggressiva e a un buon feeling trovato con la sua Yaris. Il tempo, 6'05"1, gli ha permesso di raddoppiare il suo vantaggio nei confronti del primo degli inseguitori, Dani Sordo, ora staccato dal leader della gara di 20"3.

Sébastien Ogier ha adottato la stessa tattica nei confronti di Takamoto Katsuta e ora è meritatamente al terzo posto dopo una buona prova. In realtà, guardando i tempi, Ogier non ha siglato un tempo irresistibile: ha sì cercato di fare meglio del giapponese, ma anche di non sforzare troppo le gomme in vista della Power Stage.

Katsuta, invece, non è andato oltre un ottavo tempo molto deludente, se comparato con i tempi ottenuti nella giornata di ieri. E' probabile che in Toyota si siano effettuati discorsi a livello tattico per permettere a Ogier di cogliere il terzo posto in ottica Mondiale Piloti.

Un altro indizio a sostegno della nostra tesi è il tempo ottenuto da Esapekka Lappi. Il finnico, al volante di una Volkswagen Polo GTI R5, ha fatto meglio di Katsuta. Un indizio che sa di prova tangibile.

Continua anche la lotta fratricida tra i piloti del team M-Sport. Adrien Fourmaux ha fatto meglio di mezzo secondo nei confronti di Gus Greensmith, riuscendo a mantenere la quinta posizione. Ora il 25enne transalpino può gestire un piccolo vantaggio di 6"9 sul britannico, ieri frenato da un guasto all'acceleratore della sua Ford Fiesta numero 44.

Sono tornati in gara sia Thierry Neuville che Ott Tanak. Entrambi hanno deciso di salvare le gomme Soft, affrontando in maniera sin troppo cauta la prova per arrivare alla Power Stage con la possibilità di vincerla o, comunque, di fare un tempo che possa consentire loro di portare a casa qualche punto dopo gli incidenti dei giorni passati.

Se Neuville ha scelto 5 gomme Soft - 4 titolari e una di scorta - la particolarità arriva dalla scelta fatta da Ott Tanak: l'estone ha affrontato questa prova e le prossime 4 con appena 4 gomme Soft. Non ne ha prese di scorta, per cui dovrà essere molto cauto sino all'ultima prova della giornata.

Rally Portogallo - Classifica dopo la PS16

Pos. Pilota/navigatore Vettura Tempo/distacco
1 Evans/Martin Toyota Yaris WRC 3.13'14”2
2 Sordo/Rozada Hyundai i20 Coupé WRC +20"3
3 Ogier/Ingrassia Toyota Yaris WRC +1'15"6
4 Katsuta/Barritt Toyota Yaris WRC +1'27"0
5 Fourmaux/Jamoul Ford Fiesta WRC +4'30"7
6 Greensmith/Patterson Ford Fiesta WRC +4'37"6
7 Lappi/Ferm Volkswagen Polo GTI R5 +8'41"0
8 Suninen/Markkula Ford Fiesta R5 MKII +9'52"8
9 Ostberg/Eriksen Citroen C3 R5 +11'03"3
10 Gryazin/Aleksandrov Volkswagen Polo GTI R5 +11'13"8
condividi
commenti
WRC, Testoni: "Contenti delle gomme e dei rapporto con i team"
Articolo precedente

WRC, Testoni: "Contenti delle gomme e dei rapporto con i team"

Articolo successivo

WRC, Rally Portogallo, PS17: Greensmith vede la Top 5

WRC, Rally Portogallo, PS17: Greensmith vede la Top 5
Carica i commenti