Meeke-Ostberg: grande doppietta Citroen in Argentina!

Meeke-Ostberg: grande doppietta Citroen in Argentina!

Kris vince la sua prima gara nel WRC, a dodici anni dall'ultimo successo britannico firmato da Colin McRae

Per spiegare quanto accaduto nell'edizione 2015 del Rally d'Argentina questa volta bisogna partira dalla fine, ovvero dalle lacrime che hanno rotto la voce di Kris Meeke durante le interviste di rito al termine della Power Stage. Il pilota britannico ha infatti vinto il suo primo Rally mondiale (la 92esima affermazione per Citroen nel WRC), passato in testa alla classifica sin dalla prima speciale e controllato con grande autorità. Meeke ha riportato un britannico sul gradino più alto del podio dopo 12 lunghi anni. L'ultima vittoria di un pilota portante bandiera della Union Jack fu infatti firmata nel 2002 dal leggendario Colin McRae.

La festa di Meeke si estende anche alla sua squadra, la Citroen-DS, che grazie al secondo posto di un positivo e mai domo Mads Ostberg ha portato a casa una favolosa doppietta. Per la casa transalpina si tratta di un successo che pone fine a un digiuno lungo tre anni. L'ultima doppietta risaliva al Rally di Finlandia della stagione 2012 firmata dal nove volte campione del mondo Sébastien Loeb e dal secondo posto di Mikko Hirvonen.  

Per Meeke questa vittoria è una vera e propria liberazione. Inutile nasconderlo: in questo inizio di 2015 il trentaseienne non ha offerto il rendimento richiesto dai vertici della casa francese, non tanto in termini di velocità - quella sempre presente - ma per mancanza continuità di risultati. Incassata la fiducia di Yves Matton proprio all'inizio di questa settimana, Kris ha decisamente cambiato marcia, portando a casa il Rally d'Argentina con pieno merito perché è risultato il pilota più veloce, ma anche quello che ha compiuto meno errori. 

Da sottolineare la grande prova di Mads Ostberg. Il norvegese è stato poco bene per tutto l'arco della quattro giorni di gara, finendo sfinito al termine della Power Stage (in cui ha chiuso terzo) ma conscio di aver mostrato ancora una volta la sua abilità sui fondi scivolosi come quello sudamericano. Citroen, dal canto suo, ha portato innovazioni interessanti in Argentina, come alcuni elementi delle sospensioni anteriori che hanno certamente aiutato i due piloti ufficiali. 

Terzo posto per un sorprendente Elfyn Evans, che ha così conquistato il primo podio WRC in carriera e riportato tra i primi tre di un appuntamento mondiale una Ford preparata dal team M-Sport. Il giovane pilota gallese si è trovato sul podio grazie a un problema al propulsore della Volkswagen di Jari-Matti Latvala nella PS11, il quale era intento a inseguire le due DS3 ufficiali. Con il ritiro del finlandese, per Evans si è materializzato un risultato molto importante, che potrebbe valere la riconferma per i prossimi anni. 

Martin Prokop ha centrato il miglior risultato stagionale finendo ai piedi del podio con la sua Ford Fiesta RS WRC privata, anche lui aiutato dai numerosi ritiri proprio nelle ultime due speciali che lo hanno fatto risalire a ridosso dei primi. Dietro di lui Daniel Sordo con la prima Hyundai al traguardo e autore di una buona rimonta negli ultimi chilometri di gara e prendendo i due punti garantiti dal secondo posto della Power Stage. 

Gara da dimenticare per la Volkswagen. Come detto, Latvala è stato costretto al ritiro alla penultima speciale, ma anche Sébastien Ogier e Andreas Mikkelsen sono stati colpiti da problemi tecnici alle rispettive Polo R WRC. Ogier è stato messo fuori gioco già alla seconda speciale, mentre il norvegese ha dovuto alzare bandiera bianca poco dopo. Il campione del mondo in carica è incredibilmente riuscito ad allungare sui principali rivali grazie alla vittoria nella Power Stage, in cui ha preso i tre punti conferiti dal miglior tempo della PS12. 

Pessimo pomeriggio per Thierry Neuville. Il belga, dopo aver forato nei primi chilometri di giovedì, era risalito sino al quarto posto, ormai sicuro di poter strappare punti preziosi a Ogier e avvicinarsi a lui in classifica piloti. Un errore compiuto dopo poche centinaia di metri dal via della PS12 lo ha messo fuori gioco, con una sospensione divelta - la posteriore sinistra - dopo un contatto con un muretto appena fuori la sede stradale e una ruota volata via nel tentativo di rimettersi in strada. Il belga ha tentato di chiudere la speciale su tre ruote, ma il tentativo è risultato inutile e ha dovuto parcheggiare a bordo strada la sua Hyundai i20 WRC numero 7. Thierry non potrà fare altro che mangiarsi le mani per l'occasione d'oro gettata al vento. 

WRC, Rally d'Argentina, 26/04/2015
Classifica finale (primi dieci)
1. Kris Meeke - Citroen DS3 WRC - 3.41'44"9
2. Mads Ostberg - Citroen DS3 WRC - +18"1
3. Elfyn Evans - Ford Fiesta RS WRC - +2'27"4
4. Martin Prokop - Ford Fiesta RS WRC - +6'26"1
5. Dani Sordo - Hyundai i20 WRC - +10'46"7
6. Khalid Al Qassimi - Citroen DS3 WRC - +11'19"9
7. Abdulaziz Al-Kuwari - Ford Fiesta RRC - +16'02"6
8. Diego Dominguez - Ford Fiesta R5 - +18'48"2
9. Gustavo Saba - Skoda Fabia S2000 - +21'20"6
10. Federico Villagra - Ford Fiesta - +25'19"6

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WRC
Evento Rally dell'Argentina
Piloti Kris Meeke , Mads Østberg , Elfyn Evans
Articolo di tipo Ultime notizie