WRC, Pirelli: all'Acropoli fondamentale il controllo dell'usura

Pirelli è pronta al Rally dell'Acropoli, uno degli appuntamenti più duri del WRC 2021. A disposizione dei piloti le Scorpion KX Hard (le favorite) e Soft. Le insidie sono rappresentate dal tipo di fondo e le temperature della Grecia.

WRC, Pirelli: all'Acropoli fondamentale il controllo dell'usura

Il WRC torna a quasi un mese di distanza dal Rally Ypres e lo fa con uno degli appuntamenti più duri dell'intero calendario 2021: il Rally dell'Acropoli, in Grecia. Si tratta di un appuntamento che metterà alla prova vetture, gomme ed equipaggi, nono appuntamento di un Mondiale che, dopo quanto accaduto in Belgio nel mese di agosto, sembra essere riaperto, almeno parzialmente.

Dunque, l'Acropoli potrebbe rappresentare lo snodo cruciale del 2021, sebbene poi dopo la gara greca mancheranno altri tre appuntamenti prima del termine della stagione.

All'Acropoli la Pirelli porterà esclusivamente le Scorpion KX, in 2 mescole differenti: le Hard e le Soft. Il Rally sarà un evento completamente sterrato, ecco perché saranno disponibili solo le Scorpion in 2 mescole diverse.

15 le prove speciali complessive per un totale di 292.19 chilometri cronometrati. Le temperature non saranno altissime - si parla di un'oscillazione tra i 23 e i 27 gradi durante il giorno - ma la superfice sarà insidiosa in ogni suo punto delle 15 prove.

"Dopo il Rally Safari siamo molto felici di veder rientrare nel calendario WRC un altro evento così famoso come il Rally Acropoli. Pirelli ha vinto diverse volte questa gara con piloti del calibro di Ari Vatanen, Carlos Sainz, Colin McRae, Richard Burns e Petter Solberg. Lo abbiamo fatto anche di recente, con l'evento che faceva parte del calendario dell'European Rally Championship".

"La nostra recente esperienza all'Acropoli fatta nell'ERC è estremamente utile per noi, così potremo preparare al meglio questo evento. La combinazione di superfici ruvide e con alta presenza di pietre, ma anche alte temperature, renderà questo rally estremamente duro per le gomme, ma con la nostra esperienza sappiamo come affrontare l'evento".

"Siamo fiduciosi, pensiamo che le nostre Scorpion KX possano essere all'altezza della sfida considerevole che ci attende. Il controllo dell'usura sarà la chiave per la gestione delle gomme in Grecia, Dov'è importante avere una gomma forte per difendersi da tutte le pietre appuntite e un battistrada resistente".

Pirelli porterà in Grecia 2150 gomme. 550 dedicate alla classe regina del WRC. Ogni pilota potrà usare un massino di 32 gomme durante i 4 giorni di gara. Ricordiamo però che le gomme per lo Shakedown non faranno parte del conteggio, avranno dunque un'allocazione a parte.

Ogni pilota avrà a disposizione 32 Scorpion KX Hard, perché considerate le mescole perfette per le superfici ruvide dell'Acropoli, mentre saranno 8 le Scorpion KX Soft.

Come detto, le Hard saranno le gomme "da gara" sia per le caratteristiche della superfice delle prove che per le temperature che potrebbero rendere il compito delle gomme ancora più arduo. Sarà molto importante la scelta di quali e, soprattutto, quante gomme di scorta sceglieranno di portare con sé gli equipaggi.

condividi
commenti
WRC: Lappi torna con Toyota in Finlandia e... nel 2022?
Articolo precedente

WRC: Lappi torna con Toyota in Finlandia e... nel 2022?

Articolo successivo

WRC: ufficiale la cancellazione del Rally del Giappone

WRC: ufficiale la cancellazione del Rally del Giappone
Carica i commenti