WRC, Ogier fa chiarezza: "Nel 2022 non corro a tempo pieno"

Ogier non correrà più tutto il Mondiale WRC a partire dal 2022. Lo ha confermato lo stesso pilota transalpino, che guarda non solo a fare qualche rally spot con una Yaris Rally1, ma anche alla 24 Ore di Le Mans e alle gare su pista.

WRC, Ogier fa chiarezza: "Nel 2022 non corro a tempo pieno"

Le speranze di continuare a vedere Sébastien Ogier pilota a tempo pieno nel WRC nei prossimi anni sono durate meno di un battito di ciglia. Il 7 volte iridato della Toyota ha ribadito di non avere alcuna intenzione di correre tutto il Mondiale a partire dal prossimo anno.

Il suo obiettivo è quello di correre ancora, ma facendo molti meno eventi dei 13 in programma quest'anno e, presumibilmente, nel 2022. Jari-Matti Latvala, team principal di Toyota Gazoo Racing WRC, aveva fatto sapere qualche giorno fa di nutrire ancora speranze legate al fatto di avere Ogier a tempo pieno con l'avvento delle vetture Rally1, ma il campione di Gap ha riposto una pietra sopra a queste speranze, rivelatesi vane.

Lo stesso Ogier è tornato sull'argomento, sottolineando ancora di non avere più intenzione di dedicare così tanto tempo al motorsport.

"E' stato un ottimo avvio di stagione vincendo 4 dei 6 rally disputati sino a ora. E' un bel risultato, anche perché la competizione in questo Mondiale è piuttosto alta. E' buono e me lo sto godendo, ma per il futuro ho piani differenti e priorità diverse".

"Nessun risultato sportivo di questa stagione potrà farmi cambiare idea. Darò il massimo, il mio meglio per vincere l'ottavo titolo della mia carriera e per ora è stata un'ottima prima parte di stagione, ma ci sono ancora tanti punti in palio e dobbiamo continuare così".

"Per il futuro farà certamente qualche rally. Magari sarà solo uno, oppure alcuni. Chiaramente avere un calendario potrebbe aiutare per fare i miei piani per la prossima stagione. L'unica cosa di cui sono sicuro al 100% è che l'anno prossimo vorrò essere molto più libero di quanto lo sia ora".

"Vedremo cosa potrà andare bene nel mio calendario. Certo, vorrò ancora un certo tipo di adrenalina e non essere annoiato. Perché, come tutti, anche io ho bisogno di un po' di adrenalina".

"Quando hai avuto una vita come la mia penso che non si possa passare da tutto a niente in poco tempo, perché sarebbe molto difficile. Devo trovare il giusto bilanciamento per essere felice, per avere adrenalina e tempo libero".

La parte legata all'adrenalina del futuro del 7 volte iridato WRC non dovrebbe riguardare solo qualche apparizione nel Mondiale Rally al volante della Toyota Yaris Rally1, ma anche altro. Si parla ormai da tempo del sogno di Ogier, ovvero prendere parte alla 24 Ore di Le Mans e di un possibile test al volante della Hypercar Toyota.

"Non è un segreto che si stia discutendo di quello. Il mio sogno è quello di correre a Le Mans, correre in pista. Ma se devo essere onesto questo è un punto che deve ancora essere chiarito. Bisogna capire la reale fattibilità di questo sogno e anche quanto andrà a influenzare il mio programma se dovessi fare qualche rally spot nel WRC".

"Le discussioni sono state fatte, ma non sono proseguite. E' qualcosa di cui dobbiamo tornare a discutere per cercare di ottenere almeno alcune risposte. Capisco anche Toyota, perché non è così facile pianificare con tanto anticipo. Per il momento, non so altro", ha concluso il transalpino.

condividi
commenti
McRae: il ricordo dell'ultimo, grande, successo al Safari
Articolo precedente

McRae: il ricordo dell'ultimo, grande, successo al Safari

Articolo successivo

Moya rivela: "Copilota Sainz? Merito degli studi a 13 anni"

Moya rivela: "Copilota Sainz? Merito degli studi a 13 anni"
Carica i commenti