WRC: Neuville e Wydaeghe assieme anche al Rally Arctic Lapland

Dopo il bel podio colto all'esordio assoluto nel WRC al Rallye Monte-Carlo, Martijn Wydaeghe continuerà a navigare Thierry Neuville anche al Rally Arctic Lapland, secondo appuntamento del Mondiale Rally 2021.

WRC: Neuville e Wydaeghe assieme anche al Rally Arctic Lapland

Thierry Neuville era arrivato al Rallye Monte-Carlo 2021 da vincitore uscente grazie al superbo successo ottenuto l'anno prima nel Principato, ma anche con mille incognite dovute all'imprevisto cambio di navigatore. Dopo 10 anni insieme la sua strada e quella di Nicolas Gilsoul si sono separate a un soffio dal via del prologo del nuovo Mondiale, e questo ha rimescolato le carte non solo in casa Hyundai, ma anche del campionato stesso.

Il belga, con l'aiuto del suo team, ha scelto Martijn Wydaeghe per prendere parte al Rallye Monte-Carlo. Un navigatore di 29 anni che mai aveva corso con Thierry, mai aveva corso nel WRC e mai aveva corso nell'abitacolo di una WRC Plus. Un azzardo, ma anche una soluzione per permettere a Neuville di correre a Monte-Carlo.

Dopo un avvio incerto - Neuville e Wydaeghe non hanno mai fatto nemmeno un test assieme - i due hanno iniziato a trovare un buon feeling dalla giornata di sabato. Da quel momento hanno colto 2 vittorie di speciale, recuperato 2 posizioni nella classifica generale e chiuso al terzo posto, dunque sul podio, l'89esima edizione del Rallye Monte-Carlo.

"Poco più di una settimana fa mi sono trovato in una situazione strana, senza navigatore", ha raccontato Neuville dopo la fine del Rallye Monte-Carlo. "A un certo punto abbiamo dovuto prendere una decisione e, con il team, siamo stati in gradi di decidere ci correre con Martijn al Rallye Monte-Carlo. Non avevamo aspettative venendo qui, considerando che ci siamo arrivati senza aver fatto alcun test assieme con la vettura. Non sapevamo proprio cosa aspettarci da questa gara. Nel corso degli ultimi anni siamo sempre stati forti a Monte-Carlo, in grado di cogliere dei podi e di vincere".

"La mia personale aspettativa era dunque quella di essere sul podio ancora una volta. Ma ho dovuto essere realista e sapere che questa volta sarebbe stato tutto più difficile. Martijn ha fatto un ottimo lavoro, ha scoperto le mie note solo la settimana scorsa e in questo weekend non è stato facile. Ci sono state stage difficili, così come prove speciali buone. Dobbiamo migliorare la velocità ancora un po', ma la cosa più importante era lavorare sulla confidenza e in questo fine settimana lo abbiamo fatto".

"Chiaramente Martijn fa il navigatore da tempo, ma mai in una World Rally Car, che è molto veloce se comparata alle altre vetture. Pensate anche al fatto di lavorare con le gravel crew e tutti i cambiamenti che avvengono a Monte-Carlo... Abbiamo avuto black ice, poi siamo passati alla neve e parti di asfalto molto scivolose. C'è stata tanta pioggia e acqua che si è fermata sull'asfalto creando acquaplaning. E' stata una grande sfida. E' difficile trovare il ritmo, ci sono tante cose sconosciute sulla strada prova dopo prova, ma siamo migliorati. Abbiamo anche fatto fatica con la sua voce, che è completamente differente da quella di Nicolas Gilsoul. Ho faticato a sentirlo nella prima giornata di gara, ma poi abbiamo lavorato su come migliorare e alla fine è stato sufficiente per andare sul podio. Mi sarebbe piaciuto vincere, ma altri piloti sono stati più forti di noi".

Wydaeghe è stato scelto da Neuville come navigatore provvisorio per Monte-Carlo, ma il suo lavoro lo ha convinto a confermarlo anche per l'Arctic Rally Lapland WRC che si terrà dal 26 al 28 febbraio. A loro favore non è solo il tempo - avranno più di un mese per affinare la loro intesa - ma anche la possibilità di fare test assieme e correre in una gara che dovrebbe richiedere meno note. Per cui un appuntamento più favorevole, stando alla condizione in cui si trovano attualmente.

"Sì, continueremo a correre assieme almeno per la prossima gara. Martijn sarà in macchina con me e se riuscirà a fare le cose che chiedo, sono certo che sarà con me per tanti altri rally in questa stagione. Mi ha impressionato. Ha sempre la situazione sotto controllo, anche prima della prima prova speciale. Non era nervoso. Prima della prima stage forse ero più nervoso io di lui! Congratulazioni e grazie a lui per quello che ha fatto".

condividi
commenti
WRC: esclusione di un rally (sospesa) comminata a Ott Tanak
Articolo precedente

WRC: esclusione di un rally (sospesa) comminata a Ott Tanak

Articolo successivo

WRC, Testoni: "Ogier impressionato dalle Pirelli chiodate!"

WRC, Testoni: "Ogier impressionato dalle Pirelli chiodate!"
Carica i commenti