WRC
22 gen
-
26 gen
Evento concluso
12 feb
-
16 feb
Evento concluso
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
21 giorni
G
Rally del Chile
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
56 giorni
G
Rally d'Argentina
23 apr
-
26 apr
Prossimo evento tra
63 giorni
G
Rally del Portogallo
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
91 giorni
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
105 giorni
G
Rally del Kenya
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
147 giorni
G
Rally di Finlandia
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
168 giorni
G
Rally di Nuova Zelanda
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
196 giorni
G
Rally di Turchia
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
217 giorni
G
Rally di Germania
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
238 giorni
G
Rally di Gran Bretagna
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
252 giorni
G
Rally del Giappone
19 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
273 giorni

WRC, Monte-Carlo, Shakedown: Ogier subito al top con Toyota

condividi
commenti
Di:
22 gen 2020, 17:53

Neuville porta la Hyundai a 1 decimo dalla Toyota di Ogier, mentre Evans firma il terzo tempo davanti al campione del mondo Tanak. Quinta e sesta le Ford Fiesta M-Sport.

Il duello Hyundai-Toyota riparte nello stesso modo in cui era terminato l'anno scorso, ossia con le due Case molto vicine. E' accaduto anche oggi nello Shakedown del Rallye Monte-Carlo, svolto in un tratto di strada nei pressi di Gap - dov'è situato il Parco Assistenza - in cui ha preso il via il WRC 2020.

Nella stage di prova subito sugli scudi Sébastien Ogier, il quale ha firmato il miglior tempo della prova in 1'57"1 nella sua prima uscita ufficiale al volante della Toyota Yaris WRC. Il pilota francese è parso subito in grande confidenza con la vettura giapponese, tanto da piazzarla subito davanti a tutti nel primo dei 3 passaggi effettuati.

Seconda posizione, ma di un soffio, per Thierry Neuville. Il pilota belga ha portato la prima Hyundai i20 Coupé WRC nella posizione d'onore, staccata di appena 1 decimo di secondo dal crono di riferimento colto da Ogier. Delle prime 4 posizioni della classifica di questo Shakedown, lui è l'unico pilota a non aver cambiato team in questo 2020.

Dietro di Neuville, infatti, c'è Elfyn Evans, altro pilota che nel corso dell'inverno ha cambiato casacca passando da M-Sport a Toyota. Il gallese è stato più lento di mezzo secondo nei confronti di Neuville, firmando il suo miglior passaggio nel secondo dei 4 tentativi effettuati. Inizia con un quarto tempo l'avventura del campione del mondo in carica Ott Tanak con Hyundai.

Il pilota estone è risultato più lento di 6 decimi di secondo rispetto a Evans, ma è riuscito a precedere le due Ford Fiesta WRC del team M-Sport. Teemu Suninen ha completato la Top 5 davanti al nuovo compagno di squadra Esapekka Lappi. Tra i due il distacco è di appena 3 decimi, con Kalle Rovanpera settimo, accreditato di un tempo di 2 minuti netti.

E' bene non attendersi troppo dal giovane finlandese, il quale sembra aver bisogno di fare esperienza al volante di vetture estremamente differenti dalle R5 per potenza e aerodinamica, senza contare la necessità di un diverso stile di guida. Kalle ha preceduto di 2 decimi la terza Ford Fiesta, quella di Gus Greensmith. Il britannico è stato bravo a precedere Sébastien Loeb, oggi sornione e non salito alla ribalta per i crono. Ma la gara vera inizierà domani e sarà certamente tra i protagonisti.

Nel WRC2 Mads Ostberg ha firmato il miglior tempo al volante della Citroen C3 R5 ufficiale davanti ad Adrien Fourmaux, pilota M-Sport, e a Ole Christian Veiby, alfiere ufficiale di Hyundai Motorsport. Da segnalare la 19esima prestazione assoluta - la quinta in WRC3 - di Umberto Scandola. Il veronese, al volante di una Hyundai i20 New Generation R5 Evo del team Hyundai Italia Rally Team, è il primo degli italiani in classifica.

Articolo successivo
WRC: nel 2020 Neuville già campione di... beneficenza

Articolo precedente

WRC: nel 2020 Neuville già campione di... beneficenza

Articolo successivo

WRC Hyundai a Monte-Carlo con un posteriore "ibrido" delle i20

WRC Hyundai a Monte-Carlo con un posteriore "ibrido" delle i20
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WRC
Evento Rally di Monte Carlo
Autore Giacomo Rauli