Loeb: "Siamo andati forte, ma è ancora lunga!"

Il pilota transalpino corre il Rally di Montecarlo solo per divertimento. Punterà al titolo 2015 del WTCC

Loeb:

Non correva un Rally mondiale da un anno, ma Sébastien Loeb ha dato prova ancora una volta - semmai ve ne fosse stato bisogno - della sua classe. Dopo aver messo tutti in fila allo Shakedown nella giornata di mercoledì, il pilota alsaziano ha conquistato la prima stage del Rally di Montecarlo, tappa inaugurale del Mondiale Rally 2015, rimanendo poi in testa anche al termine della seconda con tredici secondi di vantaggio sul connazionale Sébastien Ogier.

Loeb, che arriva da un 2014 totalmente dedicato al suo impegno in WTCC, ha impressionato tutti sin dai primi chilometri di competizione, mostrando come la sua classe sia rimasta intatta, senza alcun segno di scalfitura dovuto a un anno lontano dalle vetture a quattro ruote motrici. 

"In questo Rally l'obiettivo mio e di Daniel Elena è quello di divertirci - ha affermato il francese ai nostri microfoni - e goderci il primo Rally della stagione 2015, anche perché, per quanto mi riguarda, sarà l'unico che farò in questa stagione. Quando Citroen mi ha chiesto di partecipare non ho saputo dire di no, anche perché non ho potuto correre lo scorso anno a causa di impegni concomitanti con il WTCC, ma quest'anno sono riuscito a trovare tempo per rimettermi al volante della DS3".

A quanto pare non hai perso il feeling con queste vetture, il tuo primo posto provvisorio e la grande performance nella prima speciale di ieri ne sono la prova...
"Ho ripreso confidenza con la vettura nei test con cui ho preparato questo appuntamento e ho ripreso alcuni automatismi che avevo perso nel 2014 correndo nel WTCC, categoria profondamente differente dal WRC. Ci ho messo poco a ritrovare la velocità di un tempo. Qui a Montecarlo mi sto divertendo e mi sto godendo la manifestazione. Siamo stati veloci, ma questo Rally è lungo e pieno di insidie".

Cosa ti preoccupa maggiormente di questo appuntamento, che ormai conosci molto bene?
"Devo dire che mi preoccupano le nuove stage messe nel tracciato, perché non le conosco e le condizioni atmosferiche possono variare il grado di difficoltà che troveremo nell'affrontare questi tratti. Nei giorni scorsi è nevicato poco, ma ghiaccio e l'asfalto scivoloso potrebbero essere molto pericolosi nel corso della gara, specialmente nelle prime ore della mattina, quando è ancora molto umido". 

Sébastien, sembra quasi che possa essere più complesso provare a vincere questo Rally rispetto al titolo WTCC...
"Senza dubbio è molto più complesso vincere il titolo WTCC rispetto a un singolo evento Rally, nonostante nel 2015 corra solo a Montecarlo. Non mi pongo però limiti od obiettivi per questa gara. Penso a fare del mio meglio e a divertirmi. Questa è la vera parola d'ordine di questo fine settimana, nonostante sia un impegno ufficiale". 

Che effetto fa ritrovarsi a lottare con Sébastien Ogier, dopo anni di lotte all'interno del medesimo team?
"E' una bella cosa, una bella sensazione, anche se poi vedremo se riuscirò a combattere con lui. Ha un mezzo incredibile, lui è certamente allenato e forte, non è detto che riesca a duellare con lui. Questo è un appuntamento lungo e complicato. Può davvero accadere di tutto".

Per concludere, un giorno potremmo vederti al via di altri Rally, ad esempio la Dakar?
"La Dakar? Per ora direi di no. Però, vedremo...". 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WRC
Evento Rally di Monte Carlo
Piloti Sébastien Loeb
Articolo di tipo Ultime notizie