WRC: Il Rally di Ypres al posto del Giappone nel calendario 2020

I promotori del WRC sono stati costretti a cancellare il Rally del Giappone a causa delle restrizioni sui viaggi dovute alla pandemia COVID-19. Il Mondiale 2020 si chiuderà sugli asfalti del Belgio, al Rally di Ypres.

WRC: Il Rally di Ypres al posto del Giappone nel calendario 2020

Grande novità in seno al calendario WRC 2020. Questa mattina i promotori del Mondiale Rally hanno annunciato la cancellazione di uno dei 5 eventi che andranno a concludere la stagione attualmente in attesa della ripartenza e la sostituzione con una nuova gara.

Sin dall'annuncio del nuovo calendario, arrivato qualche settimana fa, i dubbi sulla presenza del Rally del Giappone erano tanti e giustificati. Tutte le manifestazioni FIA nel paese del Sol Levante sono state cancellate a causa della pandemia da COVID-19 e anche quella del WRC non è stata da meno.

Oggi i promotori del WRC sono stati costretti a ufficializzare la cancellazione del Rally del Giappone a causa delle restrizioni sui viaggi dovute alla pandemia da COVID-19, ma nessuno si è fatto trovare impreparato.

Nel medesimo comunicato, il WRC ha fatto sapere di avere già sostituito il Rally del Giappone e di averlo fatto con una garra europea, il Rally di Ypres. In questo modo tutte le gare restanti del Mondiale 2020 si terranno nel Vecchio Continente.

Il Rally di Ypres prende la collocazione del Rally del Giappone, dunque concluderà la stagione attuale. La gara si svolgerà sull'asfalto del Belgio nel fine settimana che andrà dal 19 al 22 novembre.

Grazie a questa introduzione, il Belgio diventa la 34esima nazione ad avere una gara WRC sin da quando la serie Mondiale è partita nel 1973. La gara avrà 300 chilometri cronometrati, dunque di speciali, e si diramerà in 3 giornate di gara. Da sottolineare come la giornata di domenica si tenga sul tracciato di Spa-Francorchamps, con la Power Stage che sarà svolta all'Eau Rouge-Raidillon, segmento della pista che ha regalato momenti memorabili in categorie quali Formula 1 e WEC.

"Per tanto anni il Rally di Ypres è stata pietra angolare dell'ERC. Ora diventare parte del calendario WRC farà aumentare le sfide per quanto riguarda l'organizzazione della gara. Si tratterà inoltre della gara finale del Mondiale, dunque un evento estremamente importante", ha dichiarato Simon Larkin, promotore del WRC.

"Il tracciato comprenderà sezioni molto complicate su asfalto, con grandi fossi accanto alla strada, ma anche alcune stage notturne e, potenzialmente, con un meteo variabile".

Yves Matton, direttore della sezione Rally della FIA, ha commentato: "Innanzitutto sono molto dispiaciuto per il Rally del Giappone, che non sarà svolto a causa della pandemia da COVID-19. Voglio però ringraziare tutte le autorità giapponesi per aver lavorato così sodo alla preparazione dell'evento".

"Il Belgio ha grande tradizione e passione per i Rally, evidenziata anche dal numero di connazionali che lavorano nel WRC".

condividi
commenti
WRC: Pirelli torna in Sardegna per il secondo test 2021

Articolo precedente

WRC: Pirelli torna in Sardegna per il secondo test 2021

Articolo successivo

WRC: cancellata la Germania. Il Rally d'Italia evita Imola

WRC: cancellata la Germania. Il Rally d'Italia evita Imola
Carica i commenti