WRC
22 gen
-
26 gen
Evento concluso
13 feb
-
16 feb
Prossimo evento tra
14 giorni
G
Rally del Messico
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
42 giorni
G
Rally del Chile
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
77 giorni
G
Rally d'Argentina
23 apr
-
26 apr
Prossimo evento tra
84 giorni
G
Rally del Portogallo
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
112 giorni
G
Rally d'Italia
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
126 giorni
G
Rally del Kenya
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
168 giorni
G
Rally di Finlandia
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
189 giorni
G
Rally di Nuova Zelanda
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
217 giorni
G
Rally di Turchia
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
238 giorni
G
Rally di Germania
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
259 giorni
G
Rally di Gran Bretagna
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
273 giorni
G
Rally del Giappone
19 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
294 giorni

WRC: arriva il boost ibrido da 100 kW nel 2022

condividi
commenti
WRC: arriva il boost ibrido da 100 kW nel 2022
Di:
23 dic 2019, 17:14

Iniziano a trapelare le prime indiscrezioni sul futuro del WRC a partire dal 2022. Secondo quanto emerso sino ad ora, le nuove vetture top class potranno sfruttare un boost di 100 kW prodotti dal motore elettrico, che andranno a sommarsi ai 380 CV già erogati dal motore termico

Si continua a far un gran parlare attorno alle regole che andranno a definire il Campionato del Mondo WRC a partire dalla stagione 2022. Quanto sappiamo fino ad ora è che le nuove vetture saranno molto simili alle WRC Plus attuali nelle forme, nelle dimensioni e nei carichi aerodinamici, oltre alla configurazione del motore che dovrebbe restare il 1.6 quattro cilindri turbo.

Leggi anche:

A ciò si andrà però ad aggiungere una componente elettrica che sarà in grado di fornire un surplus di potenza di 100 kW, che si andranno a sommare ai circa 380 attualmente sprigionati.

Secondo gli ultimi rumors appresi da Motorsport.com, infatti, il boost elettrico non solo sarà utilizzabile nei pressi del parco assistenza o dei centri abitati, ma anche in tutte le prove speciali.

Ciò è da leggersi come un'ovvia indicazione di una maggior svolta verso la sicurezza che una componente così delicata necessita, quando si parla di competizioni a motore di livello estremo.

La svolta “sostenibile” del WRC dovrà tuttavia esser chiarita in tempi ragionevolmente brevi – si parla di aprile – in modo tale da garantire ai costruttori interessati il giusto margine di manovra per continuare – o, magari, rientrare – nel Mondiale Rally.

Articolo successivo
Rovanperä: "Voglio spingere, ma prima bisogna capire la Toyota"

Articolo precedente

Rovanperä: "Voglio spingere, ma prima bisogna capire la Toyota"

Articolo successivo

Arriva la neve, Toyota al lavoro con la Yaris WRC in Svezia

Arriva la neve, Toyota al lavoro con la Yaris WRC in Svezia
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WRC
Autore Marco Congiu