WRC, altra cancellazione: salta anche la Nuova Zelanda

Troppe incertezze e problematiche hanno spinto gli organizzatori della gara di Auckland a rinunciare al rientro nel Mondiale per il 2020. Dopo la Finlandia ieri, nel giro di poche ore salta un altro evento.

WRC, altra cancellazione: salta anche la Nuova Zelanda

Il Rally della Nuova Zelanda non si svolgerà nel 2020 e nel giro di nemmeno 24 ore il FIA World Rally Championship perde ufficialmente due gare, ancora una volta a causa della pandemia di Coronavirus.

E' notizia di ieri, infatti, che non avrà luogo nemmeno il Rally di Finlandia, ma se la gara di Jyväskylä è risultata una sorpresa in quello che è il suo annullamento, per quanto riguarda l'appuntamento di Auckland è purtroppo la conferma delle ormai insistenti voci che circolavano da tempo, come Motorsport.com aveva già rivelato.

Il round si sarebbe dovuto svolgere il weekend del 3-6 settembre e avrebbe segnato il ritorno dopo sette stagioni della Nuova Zelanda nel calendario della massima serie rallistica, ma gli organizzatori non hanno ritenuto che ci fossero certezze su viaggi e sicurezza per consentirne la disputa, arrivando alla difficile - quanto inevitabile - decisione di rinunciarvi.

“E' chiaro che siamo al centro di una necessità di viaggi internazionali e logistica che richiedono migliaia di ingressi nel nostro paese per accogliere tutti i membri del FIA World Rally Championship, per cui correre a settembre non era possibile - ha dichiarato l'AD del rally, Michael Goldstein - Negli ultimi 12 mesi il nostro team ha fatto un gran lavoro per essere pronti ad avere il Mondiale e siamo molto dispiaciuti che questo non possa succedere nel 2020. Sfortunatamente la situazione globale ci ha messo davanti a questo fatto".

Yves Matton, direttore rally FIA, ha aggiunto: "Eravamo entusiasti che la Nuova Zelanda rientrasse nel calendario del FIA World Rally Championship per il 2020 dopo sette anni di assenza e siamo molto rattristati che ciò non possa accadere in questa stagione".

D'accordo anche l'AD del WRC, Oliver Ciesla: "La sicurezza delle persone viene prima di tutto. Il ritorno del Rally della Nuova Zelanda sarebbe stato uno dei grandi momenti dell'anno e speriamo di poter tornare ad Auckland in futuro. Ringrazio gli organizzatori e il Dipartimento per il Turismo e lo Sviluppo Economico di Auckland (ATEED) per il duro lavoro e l'entusiasmo che avevano portato l'evento al ritorno nel WRC. FIA, il promoter del WRC e tutti gli organizzatori stanno ancora lavorando sul resto del calendario, quando tutte le opzioni saranno state valutate e studiate comunicheremo le restanti tappe dell'anno".

condividi
commenti
WRC: cancellato a sorpresa il Rally di Finlandia!

Articolo precedente

WRC: cancellato a sorpresa il Rally di Finlandia!

Articolo successivo

WRC: il Mondiale 2021 potrebbe avere 2 gare in meno

WRC: il Mondiale 2021 potrebbe avere 2 gare in meno
Carica i commenti