WRC: ali posteriori irregolari? Obbligo di conformità dalla Turchia

condividi
commenti
WRC: ali posteriori irregolari? Obbligo di conformità dalla Turchia
Di:
22 ago 2019, 10:16

La FIA ha inviato un chiarimento ai team sulle ali posteriori. Questi dovranno sistemarle entro il Rally di Turchia. Dubbi su quella delle Toyota.

A poche ore dal via del Rally di Germania e con lo Shakedown in pieno svolgimento sono tornate sotto la lente d'ingrandimento della FIA le ali posteriori delle attuali regine dei rally, le WRC Plus.

I 4 modelli che corrono nel Mondiale ormai quasi 3 anni sono stati ritenuti sino a poche settimane fa idonei e omologati dalla FIA, ma la Federazione stessa ha diramato una lettera di chiarimento riguardo le ali posteriori, finite recentemente al centro di polemiche per le dimensioni di alcune versioni.

Leggi anche:

In particolare, il cuore del dibattito è legato all'alettone della Toyota Yaris WRC. Già pochi mesi dopo il via del Mondiale 2017 la vettura giapponese venne ritenuta fuori dal regolamento proprio a causa delle dimensioni e degli attacchi della grande appendice aerodinamica posteriore, ma non se ne fece nulla.

L'ala della Yaris è rimasta sempre la stessa dal giorno della presentazione, ma da quando è diventata la vettura da battere tutti gli avversari abbiano iniziato a guardarla con molto più interesse.

La FIA, tramite il direttore del reparto rally Yves Matton, ha fatto sapere ufficialmente che il chiarimento sulle ali posteriori non sia un provvedimento legato alla Toyota, ma tra i team c'è chi invece ha svelato le carte (Pierre Budar, team principal di Citroen Racing) e ha puntato il dito contro le Yaris.

Intanto i team avranno ancora qualche settimana per sistemare le eventuali falle delle proprie ali posteriori: entro il Rally di Turchia - previsto per la metà del mese di settembre - tutte le vetture dovranno essere conformi al regolamento e al chiarimento inviato dalla FIA.

A tal proposito, la FIA è stata costretta a inviare il chiarimento sulle ali posteriori ai team per una falla avvenuta nel processo d'omologazione delle vetture all'inizio della loro vita, dunque nel 2017. Così ha cercato di porvi rimedio e di lasciare 2 gare ai team per sistemare una parte così importante delle rispettive vetture.

Sarà interessante capire come e quanto queste modifiche andranno a inficiare sulle prestazioni delle vetture e se riusciranno a modificare i valori del Mondiale o se, invece, queste saranno così minime da non avere forte rilevanza su prosieguo del campionato.

Scorrimento
Lista

Ott Tanak, Martin Järveoja, Toyota Yaris WRC, Toyota Gazoo Racing

Ott Tanak, Martin Järveoja, Toyota Yaris WRC, Toyota Gazoo Racing
1/8

Foto di: McKlein / Motorsport Images

Ott Tanak, Martin Järveoja, Toyota Yaris WRC, Toyota Gazoo Racing

Ott Tanak, Martin Järveoja, Toyota Yaris WRC, Toyota Gazoo Racing
2/8

Foto di: Toyota Racing

Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai Motorsport Hyundai i20 Coupe WRC

Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai Motorsport Hyundai i20 Coupe WRC
3/8

Foto di: Helena El Mokni / Hyundai Motorsport

Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai Motorsport Hyundai i20 Coupe WRC

Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai Motorsport Hyundai i20 Coupe WRC
4/8

Foto di: McKlein / Motorsport Images

Elfyn Evans, Scott Martin, M-Sport Ford WRT Ford Fiesta WRC

Elfyn Evans, Scott Martin, M-Sport Ford WRT Ford Fiesta WRC
5/8

Foto di: M - Sport

Elfyn Evans, Scott Martin, M-Sport Ford WRT Ford Fiesta WRC

Elfyn Evans, Scott Martin, M-Sport Ford WRT Ford Fiesta WRC
6/8

Foto di: M - Sport

Esapekka Lappi, Janne Ferm, Citroën World Rally Team Citroen C3 WRC

Esapekka Lappi, Janne Ferm, Citroën World Rally Team Citroen C3 WRC
7/8

Foto di: Citroën Communication

Esapekka Lappi, Janne Ferm, Citroën World Rally Team Citroen C3 WRC

Esapekka Lappi, Janne Ferm, Citroën World Rally Team Citroen C3 WRC
8/8

Foto di: Citroen Racing

Articolo successivo
WRC, Toyota vuole avvicinarsi a Hyundai nel Mondiale Costruttori

Articolo precedente

WRC, Toyota vuole avvicinarsi a Hyundai nel Mondiale Costruttori

Articolo successivo

WRC, Rally Germania, Shakedown: Ogier davanti a Tanak e Neuville

WRC, Rally Germania, Shakedown: Ogier davanti a Tanak e Neuville
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WRC
Evento Rally di Germania
Autore Giacomo Rauli