WRC 2022: tender FIA per trovare il fornitore di energia ibrida

La FIA ha aperto un tender con 3 lotti distinti per trovare i fornitori di energia ibrida (elettrica e carburanti eco-sostenibili) in vista dell'arrivo della nuova era del WRC che scatterà con le vetture Rally1 nel 2022.

WRC 2022: tender FIA per trovare il fornitore di energia ibrida

Come ormai è noto da tempo, a partire dal 2022 la classe regina del WRC - che sarà riconosciuta come Rally1 - sarà ibrida. Le vetture di nuova generazione che andranno a sostituire le WRC Plus attuali avranno non solo un motore termico 1.6 turbo derivato dall'attuale, ma saranno dotate anche da un motore elettrico da utilizzare in determinate situazioni di gara e in trasferimento.

Nel corso delle ultime ore la FIA ha lanciato un tender per la fornitura di energia sostenibile legata alla nuova era ibrida delle World Rally Car. Ma entriamo più nello specifico di questo tender.

Per la prima volta i candidati saranno invitati a partecipare a un tender per 3 lotti specifici in relazione alla fornitura di energia sostenibile per il WRC 2022-2024. La FIA ha individuato tre macro-aree in cui vuole intervenire per rendere il WRC più "verde" e mostrare quanto il settore dell'automotive legato al motorsport possa fornire un'ampia gamma di opzioni.

Il tender lanciato dalla FIA riguarderà, come detto, 3 aree distinte:

1. Carburante sostenibile. Le vetture Rally1 ibride saranno ancora mosse da propulsori 1.6 turbo, ecco perché la FIA ha deciso di puntare forte su carburanti dall'impatto ecologico molto minore rispetto a quelli in uso attualmente. Si tratta di uno o una serie di carburanti che potranno essere utilizzati da tutti i concorrenti nelle diverse classi del campionato.

2. Apporre il proprio brand nelle colonnine di ricarica plug-in ibride.

3. Produzione e fornitura di energia sostenibile per coprire il fabbisogno degli elementi di ricarica plug-in delle vetture Rally1 e il fabbisogno generale di energia nel Parco Assistenza.

Le parti interessate potranno richiedere la fornitura di uno o più lotti del tender FIA. I potenziali offerenti interessati a partecipare per le gare d'appalto dei tre lotti avranno l'opportunità di essere nominati "official energy partner" del WRC, riuscendo così a entrare nel Mondiale Rally per poter evidenziare le proprie soluzioni in fase di sviluppo per ridurre le emissioni globali.

condividi
commenti
Evans: "Titolo vicino, ma a Monza vado per vincere la gara"

Articolo precedente

Evans: "Titolo vicino, ma a Monza vado per vincere la gara"

Articolo successivo

Michele Mouton: “Perché le donne pilota vinceranno presto, come ho fatto io”

Michele Mouton: “Perché le donne pilota vinceranno presto, come ho fatto io”
Carica i commenti