Neuville si riscatta e regala a Hyundai la vittoria al Rally di Svezia!

condividi
commenti
Neuville si riscatta e regala a Hyundai la vittoria al Rally di Svezia!
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
18 feb 2018, 13:27

Il belga della Hyundai ha preceduto Craig Breen, autore della miglior gara della carriera e il compagno di squadra Andreas Mikkelsen. Fuori dalla Top 10 Sébastien Ogier.

A un anno di distanza dal tremendo errore che gli costò la vittoria e anche la possibilità di contendere il titolo mondiale sino all'ultimo a Sébastien Ogier, Therry Neuville si è preso la rivincita firmando una gara d'autore, praticamente perfetta, con cui è riuscito a vincere il Rally di Svezia, secondo appuntamento del WRC 2018.

Il pilota della Hyundai ha iniziato a fare la differenza nelle prime speciali di venerdì, poi non ha più lasciato la prima posizione. Passato lo scoglio Karlstad - speciale in cui nel 2017 fece l'errore fatale - per Neuville è stata una discesa rapida, ma non ripida. Anzi, un declivio dolce sino allo champagne aperto sul tettuccio della sua i20 Coupé WRC, confermatasi molto competitiva anche sulla neve.

Ora Neuville, grazie a questa vittoria (la settima della carriera e la prima stagionale), più guardare al futuro e a questa stagione con grande serenità, ma dovrà proseguire senza fare errori macroscopici. Per ora, però, ha indirizzato la sua stagione nel sentiero giusto.

Per Hyundai la grande soddisfazione di aver centrato il successo con il belga, ma può festeggiare anche il primo podio di Andreas Mikkelsen, il quale ha chiuso in terza posizione una gara complessa ma in cui ha meritato la posizione finale. Per lui solo un grande spavento arrivato nella giornata di sabato quando nella PS10 ha commesso un errore finendo contro un banco di neve, perdendo inoltre sia la seconda che la terza posizione. Questa è stata poi recuperata in appena una stage e l'ha mantenuta sino alla fine.

Tra le due Hyundai ufficiali ecco la grande sorpresa del fine settimana: Craig Breen. Il nord-irlandese ha regalato alla Citroen un risultato ben al di sopra delle aspettative, firmando la gara più bella, veloce e consistente della sua ancor giovane carriera. Da favola la rimonta messa in piedi nella giornata di ieri, in cui è riuscito a superare prima Paddon e poi Mikkelsen, tentando di insidiare Neuville.

Per qualche prova è riuscito addirittura ad avvicinare il belga, ma poi ha preferito portare a casa l'importante piazzamento per sé e per il team. Questa prestazione potrebbe definitivamente lanciarlo e farlo entrare di diritto tra i migliori piloti del WRC. Prestazioni del genere non si fanno certo per caso senza talento. Ora vedremo se avrà anche la continuità necessaria per confermarsi ad alto livello.

Esapekka Lappi ha salvato il fine settimana della Toyota grazie al quarto posto finale nella classifica generale ottenuto proprio al termine della Power Stage dopo aver sfruttato un errore di Hayden Paddon, sino a quel momento molto più convincente rispetto a Dani Sordo che aveva corso a Monte-Carlo. Toyota era partita per vincere e replicare il grande risultato del 2017 e sembrava poterci riuscire dopo un avvio eccellente di Ott Tanak. L'estone è stato poi costretto a cedere il passo dalla PS3 in poi, chiudendo addirittura nono.

Lappi è stato il più continuo e veloce dei piloti Toyota, anche se l'errore compiuto venerdì mattina lo ha privato di un podio che sarebbe stato quasi certo. Il 27enne sembrava essere l'unico in grado di contrastare Neuville, ma un lungo in un banco di neve lo ha fatto precipitare nei piani bassi della Top 10 costringendolo a una bella rimonta.

Buon rientro nel WRC per Mads Ostberg, sesto assoluto al debutto con Citroen Racing. Il 30enne sembrava addirittura poter competere per il podio, ma interventi sbagliati sull'assetto della sua C3 hanno peggiorato le sue prestazioni sino a subire il sorpasso di Lappi e Paddon. Settimo posto per Jari-Matti Latvala, che per due giorni ha lottato con un problema al differenziale anteriore della sua Yaris, scoperto e aggiustato solo al termine della seconda tappa.

Fine settimana nero per i campioni del mondo in carica 2017. Il miglior pilota del team M-Sport Ford è stato centrato dal 23enne Teemu Suninen, ottavo assoluto, mentre Sébastien Ogier ha completato la gara all'11esimo posto. Per prendere più punti ha volontariamente ritardato all'ultimo controllo orario per partire ultimo e così ha potuto prendere 4 punti in virtù del secondo tempo nella Power Stage. La Top 10 è stata completata da Elfyn Evans.

Per ciò che riguarda il WRC2 vittoria a sorpresa per Takamoto Katsuta, pilota dell'academy di Tommi Makinen. Il giapponese, al volante di una Ford Fiesta R5 EVO2 ha preceduto le Skoda Fabia R5 ufficiali del campione del mondo in carica della categoria Pontus Tidemand e di Ole Christian Veiby. Peccato per Umberto Scandola, costretto al ritiro ieri mattina a causa di un chiodo perso da una vettura che lo precedeva, con questo che ha bucato il radiatore della sua Fabia e lo ha costretto a fermarsi nel corso del trasferimento tra la PS9 e la PS10. 

Rally di Svezia - Classifica finale

       PosizionePilota/navigatoreVetturaTempo
1 Neuville/Gilsoul Hyundai i20 Coupé WRC 2.52'13”1
2 Breen/Martin Citroen C3 WRC +19"8
3 Mikkelsen/Jaeger Hyundai i20 Coupé WRC +28"3
4 Lappi/Ferm Toyota Yaris WRC +45"8
5 Paddon/Marshall Hyundai i20 Coupé WRC +54"4
6 Ostberg/Eriksen Citroen C3 WRC +1'15"3
7 Latvala/Anttila Toyota Yaris WRC +2'04"9
8 Suninen/Markkula Ford Fiesta WRC +2'52"2
9 Tanak/Jarveoja Toyota Yaris WRC +3'44"4
10 Evans/Barritt Ford Fiesta WRC +5'27"4
Prossimo articolo WRC

Su questo articolo

Serie WRC
Evento Rally di Svezia
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Gara