Neuville e Hyundai dominano la seconda tappa del Rally di Svezia

condividi
commenti
Neuville e Hyundai dominano la seconda tappa del Rally di Svezia
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
17 feb 2018, 18:55

Il belga precede la Citroen C3 di un eccellente Craig Breen e la Hyundai gemella di Andreas Mikkelsen. Ritiro per Meeke, mentre Ogier è riuscito a entrare nella Top 10.

Thierry Neuville e la Hyundai chiudono in vetta alla classifica generale anche la seconda tappa del Rally di Svezia dopo essere stati protagonisti di una giornata praticamente perfetta. L'unico vero, grande rischio della giornata del belga è arrivato nella PS14, al salto Colin's Crest, preso in maniera troppo arrembante e concluso in maniera fortunosa, ovvero sulle quattro ruote dopo l'atterraggio su quelle di destra e un quasi capottamento che avrebbe messo fine (ancora una volta) ai sogni di vittoria del 29enne nella gara scandinava. Per suggellare una giornata ottima, Neuville ha anche vinto l'ultima speciale di giornata, svolta in notturna.

Molto bello il duello che lo ha visto protagonista con uno scatenato Craig Breen. Il pilota del team Citroen Racing ha rimontato nelle prime fasi della giornata passando prima Hayden Paddon e poi Andreas Mikkelsen, salendo dal quarto sino al secondo posto. Iniziato il giro pomeridiano Craig ha provato ad avvicinarsi a Neuville, arrivando a 4"2, ma poi il belga ha innestato una marcia superiore e lo ha distanziato di oltre 22".

E' lotta interna per quanto riguarda il terzo gradino del podio. Andreas Mikkelsen e Hayden Paddon hanno dato vita a un duello fratricida molto bello, con il norvegese che è stato chiamato a recuperare terreno dopo aver ceduto la seconda e la terza posizione nella PS10 a causa di un testacoda che ha messo in difficoltà anche Neuville (c'erano detriti della i20 di Andreas nel punto del testacoda).

Mikkelsen ha impiegato poco tempo a riprendersi il podio, appena una speciale, ma Paddon è rimasto e rimane a contatto. Tutto si deciderà nelle tre speciali previste per la tappa di domani, l'ultima, che deciderà il podio e la Top 10 del Rally di Svezia. Interessante anche la sfida per il quinto posto, che vede interessati i soli Mads Ostberg ed Esapekka Lappi. Per ora ad avere la meglio è stato il norvegese della Citroen, ottimo al rientro nel WRC sulle nevi vicino alla sua terra.

Lappi è invece di gran lunga il miglior pilota Toyota, che nel corso del pomeriggio di ieri e di questa mattina ha visto infrangersi tutte le possibilità di replicare la grande vittoria ottenuta l'anno passato. Il 27enne, dopo aver commesso un errore nel pomeriggio di ieri che lo ha estromesso dalla lotta al podio, è in piena rimonta.

Dietro di lui un Jari-Matti Latvala scuro in volto. L'esperto finnico vincitore dell'edizione passata del Rally di Svezia ha faticato tutta la giornata con un possibile problema alla trasmissione della sua Yaris. Inoltre, a tratti, il motore della sua vettura è finito in stallo e anche l'assetto è parso tutt'altro che perfetto rispetto alle vetture dei compagni.

A tenere alto l'onore di M-Sport Ford è stato Teemu Suninen, miglior pilota del team di Cockermouth. Il 23enne è al debutto sulla neve al volante di una WRC e nel corso delle due giornate ha fatto segnare tempi interessanti, anche se manca continuità di prestazione nell'arco della giornata. E' riuscito a entrare nella Top 10 il 5 volte iridato Sébastien Ogier, che continua a essere irritato dalla situazione che lo vede costretto a partire davanti a tutti e a "pulire" le traiettorie per chi parte dopo di lui (quasi tutti).

Ora Ogier è decimo, entrato in zona punti grazie al ritiro di Kris Meeke. Il nord-irlandese ha commesso un errore nella PS13 finendo per sbattere contro un muro di neve. Evidentemente dell'acqua rimasta nel motore dopo l'impatto è andata a danneggiare il turbo del motore della C3 numero 9 e ha costretto Kris al ritiro.

Rimane però da raccontare il contatto che ha visto protagonista proprio Meeke e Tanak. Kris, dopo l'impatto con il banco di neve, è riuscito a proseguire ma aveva evidenti problemi al motore. Per questo motivo l'estone della Toyota - che partiva 2 minuti dietro di lui - lo ha raggiunto e ha tentato il sorpasso per evitare di perdere troppo tempo.

Quando Tanak ha tentato la manovra di sorpasso, Meeke era sul ciglio di un fosso e tra i due c'è stato un contatto che ha spedito il nord-irlandese fuori strada, danneggiando ulteriormente la sua C3. Al termine della prova i due si sono dati reciprocamente la colpa dell'accaduto. E' probabile che si chiariranno al riordino. Questo contatto ha però fatto perdere posizioni e minuti preziosi a Tanak, che ora è nono. Meeke è invece scivolato fuori dalla Top 10.

Rally di Svezia - Classifica generale dopo la PS16

       PosizionePilota/navigatoreVetturaTempo
1 Neuville/Gilsoul Hyundai i20 Coupé WRC 2.23'23”8
2 Breen/Martin Citroen C3 WRC +22"7
3 Mikkelsen/Jaeger Hyundai i20 Coupé WRC +32"0'
4 Paddon/Marshall Hyundai i20 Coupé WRC +48"6
5 Ostberg/Eriksen Citroen C3 WRC +56"8
6 Lappi/Ferm Toyota Yaris WRC +1'05"8
7 Latvala/Anttila Toyota Yaris WRC +2'03"3
8 Suninen/Markkula Ford Fiesta WRC +2'20"5
9 Tanak/Jarveoja Toyota Yaris WRC +3'41"3
10 Ogier/Ingrassia Ford Fiesta WRC +4'24"9
Prossimo articolo WRC

Su questo articolo

Serie WRC
Evento Rally di Svezia
Sotto-evento Giorno 2
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Tappa