Nel 2022 potranno correre anche le WRC attuali depotenziate

L'attuale generazione di World Rally Cars sarà autorizzata a competere nel Mondiale del prossimo anno con una potenza ridotta.

Nel 2022 potranno correre anche le WRC attuali depotenziate

Il WRC passerà al nuovo regolamento ibrido Rally1 il prossimo anno, con Toyota, Hyundai e M-Sport Ford che stanno sviluppando le loro nuovissime auto che incorporano un sistema ibrido da 100kW.

Il passaggio alla Classe Rally1 ha scatenato la fine della tanto amata era World Rally Car, ma la FIA ha poi confermato a Motorsport.com che la generazione di veicoli introdotta nel 2017 otrà ancora competere nel 2022, ma con circa 30CV in meno rispetto alle specifiche attuali, che avverranno tramite una modifica al limitatore del turbo.

Questo assicurerà alle macchine di vecchia data di non poter battere le nuove auto Rally1 e vincere eventi, con un piano incentrato sui concorrenti privati e gentleman driver che attualmente possiedono veicoli WRC.

"Le auto saranno ammissibili per competere negli eventi del prossimo anno, anche se da parte delle Case non c'è molto interesse", ha spiegato il responsabile del dipartimento rally FIA a Motorsport.com.

"La priorità è quella di sostenere i privati e i gentleman driver che hanno già le auto e vogliono continuare a competere negli eventi WRC. L'unico cambiamento sarà la modifica al restrittore, passando da 36mm a 33,7mm, con una riduzione di potenza stimata sui 30CV".

Delle tre squadre costruttrici WRC, M-Sport ha programmi per i clienti da tempo, e pur essendo contenta che le vetture attuali saranno ancora ammissibili, il team principal Richard Millener ha detto che l'obiettivo della sua squadra sarà focalizzato sui clienti delle Rally1 il prossimo anno.

Nel mese di settembre, la squadra britannica ha rivelato di aver ricevuto parecchi interessamenti da parte dei clienti per la nuova Ford Puma Rally1.

"La nostra intenzione è quella di far correre le auto dei clienti nella nuova categoria Rally1 - ha detto Millener - Questo è il motivo per cui i regolamenti tecnici sono stati costruiti, ossia per rendere le auto più semplici e più accessibili in diverse aree".

"Questo dovrebbe permetterci di avere più auto Rally1, cosa che tutti sappiamo è mancata negli ultimi anni. Le vecchie macchine saranno ancora in giro, ma come in ogni cosa, a volte bisogna andare avanti. Devi guardare al futuro e non al passato".

"Le auto ci sono e possono essere utilizzate, il che è fantastico, ma il futuro è quello delle ibride e del nuovo set di regolamenti, ed è su questo che ci concentreremo".

condividi
commenti
WRC, Greensmith: l'addio di Patterson svela il suo futuro?
Articolo precedente

WRC, Greensmith: l'addio di Patterson svela il suo futuro?

Articolo successivo

WRC | Loeb ha provato la Ford Puma Rally1 di M-Sport

WRC | Loeb ha provato la Ford Puma Rally1 di M-Sport
Carica i commenti