WRC
26 feb
Evento concluso
22 feb
Prossimo evento tra
50 giorni
G
Rally del Belgio
13 ago
Prossimo evento tra
163 giorni

Motorsport in lutto: è morto Lele Pinto, grande rallysta

Raffaele Pinto, uno dei primi piloti professionisti, grande rallysta anni 60-70 e co-autore dei successi Lancia nei rally, si è spento nella notte all'età di 75 anni dopo un periodo estremamente difficile.

Motorsport in lutto: è morto Lele Pinto, grande rallysta

Oggi il motorsport, in particolare il mondo dei rally, è in lutto. Raffaele, meglio conosciuto come "Lele", Pinto è morto oggi all'età di 75 anni.

Pinto se n'è andato nella notte tra l'8 e i l9 dicembre dopo aver passato mesi difficili, tra cui uno in coma farmacologico.

Lele, così com'era conosciuto dai più, è stato uno dei maggiori esponenti tra i piloti rally a cavallo tra gli anni 60 e 70.

Nella sua carriera da pilota, la vittoria più importante e prestigiosa l'ha ottenuta nel 1974, vincendo il Rally del Portogallo, una gara valida per il Mondiale Rally di quell'anno al volante di una Fiat Abarth 124 Sport.

Il Rally del Portogallo fu per Pinto palcoscenico di un'altra grande gara, quella che nel 1976 lo vide arrivare terzo sempre nel Mondiale Rally, senza contare lo splendido secondo posto al Tour de Corse colto l'anno successivo.

Pinto ha anche avuto un ruolo molto importante nella doppietta iridata che Lancia riuscì a centrare nel 1988-1989, tanto che Miki Biasion gli ha dedicato un breve ma sentito pensiero poche ore dopo la sua scomparsa.

"Addio Lele, grande campione e grande uomo. Grazie per aver contribuito in modo determinante ai successi miei e della Lancia, sarai sempre nel mio cuore", ha scritto Biasion.

condividi
commenti
Report WRC: Evans regala il titolo a Ogier (che è ancora il migliore)

Articolo precedente

Report WRC: Evans regala il titolo a Ogier (che è ancora il migliore)

Articolo successivo

WRC, niente sosta per Hyundai: fa test in Francia con le Pirelli

WRC, niente sosta per Hyundai: fa test in Francia con le Pirelli
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WRC
Autore Giacomo Rauli