Il Rally del Giappone potrebbe entrare nel calendario WRC 2020 come il Rally Safari

condividi
commenti
Il Rally del Giappone potrebbe entrare nel calendario WRC 2020 come il Rally Safari
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
15 ott 2018, 14:07

Dopo essere stato scartato per il 2019, la gara asiatica rimane in piena corsa per tornare nel WRC dal 2020 assieme al Rally Safari. I due eventi potrebbero prendere il posto di gare a rischio taglio.

Il Rally del Giappone sembrava ormai in procinto di tornare nel calendario WRC a partire dal 2019, ma il rinnovo del contratto tra i promotori del Mondiale Rally e quelli del Tour de Corse hanno bloccato un rientro che sino agli ultimi giorni sembrava poter essere una formalità.

A frenare il Rally del Giappone è stato il veto delle Case ufficiali che corrono nel WRC. 15 gare all'anno sono state considerate troppe dal punto di vista economico e logistico - avrebbero fatto aumentare i costi di ogni team di circa 1 milione di euro - dunque la conferma del Tour de Corse ha permesso alla Consiglio Mondiale del Motorsport di ratificare un calendario composto da 14 eventi con la sola introduzione del Rally del Cile che ha preso l'ultimo slot vacante, il 14esimo, lasciato libero la stagione scorsa dal Rally di Cina.

Il Rally del Giappone, però, rimane molto più di una semplice ipotesi, perché dal prossimo anno potrà essere riproposta per essere introdotta nel 2020, così come il Rally Safari, sempre più vicino a fare il proprio ritorno nel WRC dopo aver passato la rigida ispezione FIA fatta nei mesi scorsi.

Entrambe le gare avranno considerevoli possibilità di entrare nel calendario 2020, ma la strada per fare ciò - almeno a oggi - sembra una sola: prendere il posto di eventi che sino al termine del 2019 faranno parte del calendario e sostituirli.

Il numero 14, quello delle gare stagionali per il WRC, sembra così essere il numero limite che mai potrà essere valicato, delle "Colonne d'Ercole" moderne che, in controtendenza con gli altri campionati FIA, rimarranno tali ancora a lungo.

Articolo successivo
Pronta per il 2019 la prima agenda “Memorally” di Marco Cariati e Guido Rancati

Articolo precedente

Pronta per il 2019 la prima agenda “Memorally” di Marco Cariati e Guido Rancati

Articolo successivo

Il Galles potrebbe perdere il Rally di Gran Bretagna WRC a partire dal 2020

Il Galles potrebbe perdere il Rally di Gran Bretagna WRC a partire dal 2020
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WRC
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Ultime notizie