WRC
12 feb
-
16 feb
Evento concluso
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
47 giorni
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
61 giorni
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
103 giorni
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
124 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
152 giorni
G
Rally di Turchia
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
173 giorni
G
Rally di Germania
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
194 giorni
G
Rally di Gran Bretagna
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
208 giorni
G
Rally del Giappone
19 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
229 giorni

Carrier: il progettista ex Subaru e Ford è il padre della Yaris WRC 2017

condividi
commenti
Carrier: il progettista ex Subaru e Ford è il padre della Yaris WRC 2017
Di:
16 dic 2016, 17:26

Simon Carrier, capo progetto Yaris WRC Plus 2017, racconta a Motorsport.com la preparazione della vettura nipponica. L'ingegnere viene da esperienze vincenti in Subaru e Ford.

Kaj Lindström; Miikka Anttila; Jari-Matti Latvala; Juho Hänninen; Esapekka Lappi; Tommi Mäkkinen; To
Toyota Racing, Toyota Yaris WRC 2017
Toyota Racing, Toyota Yaris WRC 2017
Toyota Racing, Toyota Yaris WRC 2017
Toyota Racing, Toyota Yaris WRC 2017
Toyota Yaris WRC 2017
Toyota Yaris WRC 2017
Toyota Yaris WRC 2017
Toyota Yaris WRC 2017

Toyota ha svelato questa settimana il proprio team ufficiale WRC con cui rientrerà nel Mondiale Rally a partire dal 2017. Il team nipponico, oltre a presentare i tre equipaggi titolari, ha svelato forme e colori della Yaris WRC Plus, vettura che sarà affidata a Jari-Matti Latvala, Juho Hanninen ed Esapekka Lappi.

Simon Carrier, capo progetto Toyota Yaris WRC Plus ed ex progettista della Subaru Impreza (Prodrive) dal 1997 al 2001 e della Ford Focus portata nel Mondiale anni fa dal team M-Sport dal 2002 al 2007, si è concesso ai microfoni di Motorsport.com per spiegare com'è nata la Yaris che competerà nel 2017 e come si è evoluta nel corso degli ultimi 18 mesi in cui sono stati svolti test intensivi.

Ingegner Carrier, ci racconti come avete lavorato nel corso di questi due anni per arrivare pronti al debutto nel WRC.
"Abbiamo iniziato a lavorare a questo progetto 18 mesi fa. Quando arrivai in Toyota non trovai praticamente nulla. Il progetto per tornare nel WRC doveva ancora partire nel vero senso della parola. Siamo proprio partiti da zero, dal classico foglio bianco, per poi iniziare la nostra avventura con il primo prototipo della Yaris. Abbiamo approntato tre telai differenti, uno per l'asfalto, uno per gli sterrati e uno per la neve. Avevamo tre team in giro per l'Europa a provare simultaneamente per raccogliere dati e, una volta importati, preparare la vettura definitiva e trovare il giusto equilibrio per farla essere competitiva in tutte le situazioni".

Della prima vettura, il primo prototipo, cosa rimane nella Yaris che avete presentato?
"Praticamente nulla. E' una vettura completamente diversa dal primo prototipo che facemmo esordire più di un anno e mezzo fa".

Dove viene costruita la vettura?
"Il telaio della Yaris è costruito negli stabilimenti di Puuppola, in Finlandia, e viene fatto lì nche tutto lo sviluppo e le modifiche necessarie. Il motore, invece, è preparato alla TMG, a Colonia".

Con quante vetture inizierete la stagione?
"Inizialmente con 2, poi arriverà la terza verso metà stagione e dovrebbe correre Lappi. Stiamo ancora procedendo con la realizzazione dei telai per la stagione 2017".

La Yaris sembra più piccola delle sue avversarie...
"Credo proprio sia un'impressione. E' più compatta, ma è simile alla Hyundai, alla Fiesta e alla C3. Nel corso della preparazione abbiamo cercato di non concentrarci su una singola area della vettura, ma di ottimizzare ogni aspetto per poter avere il miglior comportamento dalla vettura".

L'aerodinamica quanto conterà nel 2017 rispetto agli anni passati?
"L'aerodinamica avrà un ruolo molto importante nella preparazione delle vetture e nelle performance che queste avranno nel corso della prossima stagione. Ci siamo però concentrati molto anche sulle dinamiche del telaio per essere preparati anche in altri settori della vettura, così come sulle prestazioni del motore e della trasmissione".

Arriveranno evoluzioni significative per la Yaris nel corso della prossima stagione?
"Abbiamo scelto di non portare veri e propri pacchetti evolutivi per la vettura, ma di fare aggiornamenti costanti sin dal primo test svolto lo scorso aprile e continueremo con questa filosofia anche nel corso della stagione. Lo sviluppo non si fermerà sino all'omologazione, ma poi continueremo a fare lo stesso da Monte-Carlo in poi".

Articolo successivo
Tempestini correrà dal 2017 nel WRC2 con una DS3 R5 aggiornata

Articolo precedente

Tempestini correrà dal 2017 nel WRC2 con una DS3 R5 aggiornata

Articolo successivo

Andrea Crugnola correrà 5 gare nel WRC2 2017 con una DS3 R5

Andrea Crugnola correrà 5 gare nel WRC2 2017 con una DS3 R5
Carica i commenti