Tagliate le prestazioni delle LMP1 endotermiche per la 6 Ore di Spa

Il nuovo EoT ha ridotto sia la capacità, diminuita di 7kg-litro a stint, sia soprattutto l'energia disponibile, scesa a 106,4mj con una diminuzione di circa il 14 per cento. Probabili nuove modifiche per la 24 ore di Le Mans

Tagliate le prestazioni delle LMP1 endotermiche per la 6 Ore di Spa

Come ampiamente previsto e invocato dagli uomini della Toyota, il Comitato Endurance della FIA ha modificato l’EoT, ovvero l’equivalenza tecnologica tra le LMP1, per la 6 Ore di Spa-Francorhamps della settimana prossima.

Le vetture giapponesi manterranno la stessa capacità di 35,1 kg per stint mentre c’è stata una pesante riduzione, da 54,0 kg a 47,1kg per quelle che usano i propulsori endotermici. Brusca anche la riduzione dei mj a giro: 106,4 per gli endotermici-erano 210,9mj a giro per il prologo- mentre le Toyota da 124,9mj scenderanno a 71,3mj. L’energia dall’ERS sarà di 6,37mj contro gli 8. I restrittori saranno di 22,30mm per le vetture tradizionali e di 20,40mm per quelle nipponiche.

In termini pratici BR-Dallara, Oreca-Rebellion, Ginetta e CLM perderanno attorno al 14 per cento di energia disponibile, il che non è poco e anche i quasi 7 chili-litri in meno di capacità consentiranno a Toyota di partire con un vantaggio potenziale maggiore di quanto non indicassero i valori dell’EoT nel prologo francese. Come è noto la versione rinnovata della 050 aveva ottenuto il miglior crono al Paul Ricard, girando però al di fuori delle normative.

Ufficialmente per provare un nuovo sistema di raffreddamento che aveva costretto la squadra a spremere al massimo le prestazioni della vettura per comprenderne il punto critico di rottura. In realtà era stato un segnale politico all’ACO e FIA. Nella simulazione di durata, con EoT regolare, le Toyota erano andate più piano della BR-Dallara, anche se quest’ultima non aveva girato con la regolarità e per tante ore come le favorite della Superstagione.

L'EoT è valido per la sola corsa di Spa di sabato 5 maggio. Per la 24 Ore di Le Mans dovrebbero essere apportate ulteriori modifiche sia per la specificità della classica francese sia in base alle prestazioni monitorate in terra belga.

condividi
commenti
Giorgio Roda al via di una super stagione con Proton Competition

Articolo precedente

Giorgio Roda al via di una super stagione con Proton Competition

Articolo successivo

Jenson Button debutta nel WEC con la LMP1 della SMP Racing

Jenson Button debutta nel WEC con la LMP1 della SMP Racing
Carica i commenti