Spa, Libere 2: le Porsche sotto il diluvio

Spa, Libere 2: le Porsche sotto il diluvio

Hulkenberg il più veloce con 919 Hybrid. Pochi giri per tutti e nessuna indicazione in vista della corsa di sabato

Questa volta ha piovuto per davvero e anche in modo copioso: per lunghi tratti, soprattutto a poco più di mezzora dalla conclusione del turno di prove libere, nessuno è sceso in pista per la seconda sessione in vista della 6 Ore di Spa di sabato pomeriggio, seconda prova del mondiale Endurance.

Senza la Toyota di punta, in fase di ricostruzione ai box dopo l'incidente di Nakajima, e la seconda Audi, le prove libere hanno visto ancora una volta primeggiare le Porsche 919, in specie quella di Hulkenberg-Bamber-Tandy davanti di quattro decimi alla consorella di Webber-Bernhard-Hartley con il tempo di 2'25''495. Ma sono risultati da prendere con le molle. Nessuno infatti ha voluto rischiare a causa delle condizioni del circuito belga, apparse critiche in molti punti e soprattutto nell'attraversamento dell'Eau Rouge, con un rivolo d'acqua in ingresso e un altro che impediva l'accelerazione a centro curva.

Per questa ragione la giornata di oggi non è riuscita, al contrario di quanto accaduto a Silverstone nella prima corsa del WEC, a fornire alcun tipo di valutazione valido in vista della gara di sabato e ha scombinato i piani di chi voleva verificare l'efficienza delle soluzioni aerodinamiche più scariche in vista della 24 Ore di Le Mans.

Di fronte a questa situazione i più assidui sul circuito sono stati i piloti delle GT con la Porsche ufficiale di Makowiecki e Lietz di pochissimo davanti tra i PRO al plotone delle Aston Martin e alla Ferrari di Giammaria Bruni e Toni Vilander, in ogni caso soddisfatti delle prestazioni fornite dalla 458 Gt della AF Corse per la quale sembrano avere trovato la migliore configurazione anche per il bagnato. Soddisfatti anche Ruberti e Roda che assieme a Poulsen hanno piazzato la Corvette del Larbre Competition al secondo posto tra le GT AM, dove non ha girato Andrea Bertolini, che sta preferendo istruire i suoi copiloti russi in vista di una corsa che si annuncia difficile.

Da segnalare anche i buoni tempi fatti registrare dalla Dome del team Strakka Racing di Leventis-Watts-Kane che hanno primeggiato tra le LMP2, dove la lotta, alla pari di ciò che accade tra le GTPRO, è particolarmente interessante. Il comune parere, comunque, è che la giornata di oggi si sarebbe potuta evitare, organizzando il week end su due giorni, come era accaduto l'anno passato. Anche perché per venerdi è prevista ancora pioggia nel corso delle qualifiche serali mentre la gara sarà sotto il sole ma con parecchio freddo. 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WEC
Piloti Nico Hulkenberg , Earl Bamber , Nick Tandy
Articolo di tipo Ultime notizie