Silverstone, 1° Ora: la Porsche va in fuga

condividi
commenti
Silverstone, 1° Ora: la Porsche va in fuga
Di: guido_schittone
12 apr 2015, 14:24

Le 919 Hybrid comandano la gara ma Toyota e Audi sono vicine

Inizio scoppiettante per il WEC. La prima, delle sei ore sulle quali si articola la gara di Silverstone, si è appena conclusa con la conferma del potenziale velocistico delle Porsche 919 Hybrid che al momento confermano le posizioni conquistate nelle prove. L'esemplare numero 17 di Mark Webber è scatto dalla pole position seguito a distanza da quello di Romain Dumas, mentre alle loro spalle si è scatenata una furiosa battaglia tra Audi e Toyota per la terza posizione.

Il primo a rimetterci è stato Benoit Treluyer che è arrivato lungo alla prima curva ed è rimasto attardato, dando poi vita a una spettacolare rimonta che gli ha fatto infrangere il record della pista già al secondo passaggio. Il francese è stato poi protagonista di un bellissimo duello con la Toyota di  Sebastien Buemi per il terzo posto. I due si sono scambiati la posizione parecchie volte, con la Toyota che sul ritmo gara sembra essere superiore a quanto fatto registrare nelle prove ma non al livello di competitività mostrato l'anno passato. 

A venti minuti dalla conclusione della prima ora sono iniziati i pit stop, favoriti da una neutralizzazione dovuta all'uscita di strada alla Copse dell'Alpine LMP2 del francese Paul Loup Chatin, che ha sbattuto violentemente di lato senza conseguenze fisiche costringendo la direzione di gara ad esporre le bandiere gialle fisse e al rallentamento obbligatorio di tutti quanti. Buemi è stato il primo tra i piloti della LMP1 a rifornire seguito un giro dopo dalle due Porsche e dalle due Audi. Marc Lieb è salito sulla 919 Hybrid numero 18 ed è stato l'unico cambio pilota nella classe maggiore verificatosi.

Nelle altri classi è altrettanto bella la battaglia tra la Ligier di Derani e quella di Sam Bird che si sono scambiati di continuo le posizioni mentre la AF Corse ha deciso di approfittare della neutralizzazione per richiamare Calado ai box, sostiuirlo con Rigon per tentare poi di approfittare delle soste di Aston Martin e Porsche che nella prima ora sono state costantemente davanti alle vetture italiane, con l'esemplare campione del mondo di Jimmy Bruni attardato nel primo giro e poi in forte recupero sui rivali.

Buona fino ad ora anche la prestazione della Corvette di Ruberti che è seconda tra le GTE AM mentre si è ritirato subito Liuzzi con la sua recalcitrante e poco competitiva ByKolles. L'impressione è che la corsa sarà tiratissima. I doppiaggi sono iniziati dopo pochi minuti e hanno creato non pochi problemi ai piloti più veloci. Ciò non ha impedito ai migliori di viaggiare costantemente sul minuto e quarantadue netti, con il giro più veloce appannaggio dell'Audi di Treluyer in 1'40"836, quasi quattro secondi sotto il tempo di Lotterer dell'anno passato.

WEC - Silverstone, Gara dopo 1 ora

Prossimo articolo WEC
Silverstone, 2° Ora: gran duello tra Jani e Faessler

Previous article

Silverstone, 2° Ora: gran duello tra Jani e Faessler

Next article

Bruni: "La Ferrari scaccia i problemi della 458"

Bruni: "La Ferrari scaccia i problemi della 458"

Su questo articolo

Serie WEC
Evento Silverstone
Location Silverstone
Piloti Mark Webber
Autore guido_schittone
Tipo di articolo Ultime notizie