WEC: Neveu spiega cosa c’è dietro al format "più semplice"

condividi
commenti
WEC: Neveu spiega cosa c’è dietro al format "più semplice"
Di:
Tradotto da: Lorenza D'Adderio
12 apr 2020, 16:15

Il FIA World Endurance Championship ha spiegato il suo pensiero sul ritorno ad un format di calendario per il 2021, che sarà condizionato dalla scia della pandemia del Coronavirus.

La stagione 2019/20 del WEC, che avrebbe dovuto concludersi a giugno a Le Mans, ora dovrebbe terminare a novembre in Bahrain a causa della situazione COVID-19. L'inizio della prossima stagione dunque è stato posticipato a marzo 2021. Il cambiamento significa che il WEC tornerà a correre tutti gli eventi in un unico anno solare per la prima volta dal 2017, l'anno in cui Porsche è uscita dalla categoria LMP1 e ha spinto la serie a correre una "superseason" nel 2018/19 prima di passare al calendario invernale formato a partire dal 2019/20.

Il capo del WEC Gerard Neveu ha sottolineato che ritardare l'inizio della stagione dalla sua data originale a settembre aiuterà il recupero finanziario delle squadre coinvolte nel campionato: “Per la prossima stagione, il primo fattore che abbiamo preso in considerazione è stato quello della crisi economica che possiamo avere appena alle spalle. In ogni caso, all'uscita di questa crisi, dovremo affrontare un grande impatto economico”.

“Sicuramente dovremo stare attenti perché sarà una soluzione molto complicata e la cosa che dobbiamo fornire in questo caso è il tempo. Devi prenderti un po’ di tempo per assicurarti di sapere esattamente dove ti trovi, come puoi impostare. Lo stesso vale per le squadre private. I team privati ​​devono fare accordi con driver gentleman, ad esempio, o sponsor. E se gli chiedi ora, 'ti preghiamo di essere pronto a fare la tua quota di iscrizione per la prossima stagione', nessuno sarà in grado di rispondere in questo momento”.

“Riteniamo che la decisione di posticipare l'inizio della prossima stagione nel marzo del 2021 ci fornirà dai sei ai sette mesi in più rispetto a quanto previsto all'inizio. Ci fornisce anche più tempo perché è necessario consegnare non solo l'inizio della stagione, ma il calendario completo per il prossimo anno”.

Neveu rimane irremovibile sui vantaggi di far funzionare il WEC nel formato invernale, ma ha aggiunto che è nel migliore interesse di tutti tornare a un normale calendario: “Dovremo essere pronti a cambiare molte cose e una delle prime cose che dovremo fare è cercare di essere meno sofisticati e rendere la vita più semplice per i partner e le persone. Quindi, se decidiamo di fare questo normale calendario annuale il prossimo anno, a partire da marzo e terminando entro novembre, l'idea è di duplicare lo stesso per i prossimi anni perché non puoi giocare e dire 'ok ragazzi, non ci piace, ma sto cambiando e sto finendo troppo presto”.

"Penso che l'idea di avere il calendario inverso sia stata ottima perché funziona molto bene, ma ora, e non è una nostra scelta, l'attuale situazione ci ha costretti a cambiare il piano e ad adattarci nuovamente con la soluzione più semplice per squadre, per i partner, per tutti. Così inizierà a marzo, terminando entro la fine di novembre e ovviamente Le Mans nel 2021 tornerà a giugno, perché Le Mans è di solito a giugno”.

Articolo successivo
Più Prove Libere nel programma provvisorio della 24h di Le Mans

Articolo precedente

Più Prove Libere nel programma provvisorio della 24h di Le Mans

Articolo successivo

Sausset ritira il team disabile SRT41 dalla 24h di Le Mans

Sausset ritira il team disabile SRT41 dalla 24h di Le Mans
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Le Mans , WEC
Autore Rachit Thukral