Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Svizzera
Intervista

WEC | Lamborghini: affidabilità ok, prestazioni ancora indietro

La SC63 anche ad Imola si dimostra LMDh solida e consistente in una gara molto impegnativa, cosa che ha soddisfatto Bortolotti/Kvyat/Mortara, ma ora bisognerà anche riuscire a raggiungere i rivali che sono molto più veloci, con la consapevolezza che i passi avanti si fanno uno per volta.

#63 Lamborghini Iron Lynx Lamborghini SC63: Mirko Bortolotti, Edoardo Mortara, Daniil Kvyat

Foto di: Paolo Belletti

La Lamborghini porta a termine la 6h di Imola al 12° posto, facendo altri piccoli passi avanti in questo secondo appuntamento affrontato dalla SC63 nel FIA World Endurance Championship.

E' chiaro che per la LMDh del Toro gestita dal team Iron Lynx la strada è decisamente in salita e le prestazioni ancora non possano rendere soddisfatti a pieno sia gli alfieri di Sant'Agata Bolognese che i tifosi, ma sull’Autodromo Enzo e Dino Ferrari il prototipo emiliano ha comunque evitato guai e corso senza accusare problemi una gara a tratti ostica con un meteo pazzo che ha rimescolato le carte.

L'unica noia avuta dalla #63 condotta da Mirko Bortolotti, Edoardo Mortara e Daniil Kvyat è stata al servosterzo, poi sistemata dai meccanici prontamente, oltre ad un principio d’incendio per il surriscaldamento dei freni, causato da un sensore danneggiato, che ha richiesto un intervento di pulizia dopo che i commissari erano intervenuti con gli estintori.

#63 Lamborghini Iron Lynx Lamborghini SC63: Mirko Bortolotti, Edoardo Mortara, Daniil Kvyat

#63 Lamborghini Iron Lynx Lamborghini SC63: Mirko Bortolotti, Edoardo Mortara, Daniil Kvyat

Foto di: Emanuele Clivati | AG Photo

In Qualifica stavolta è toccato a Bortolotti cercare il tempo migliore possibile e il suo 1’31”862 è risultato il 16°, con eliminazione dalla lotta per la Hyperpole.

"In Qualifica ci siamo fermati a 0"7 dalla Top10 e sicuramente abbiamo fatto passi avanti rispetto al Qatar, in generale. Dobbiamo pensare a crescere facendo un passo per volta, è chiaro che non ci rende felici la posizione di partenza, ma sono contento di ciò che siamo riusciti a fare considerando il quadro generale", ha raccontato il trentino parlando a fine sessione coi giornalisti presenti, tra cui Motorsport.com.

In gara la Lamborghini ha faticato a reggere il passo delle rivali, ancora con diverse cose da sistemare per trovare il ritmo giusto per essere davanti, ma Bortolotti ha recuperato terreno nelle prime fasi per poi cedere il volante a Mortara e Kvyat, che tra bagnato e umido/asciutto finale hanno portato la SC63 alla bandiera a scacchi 12a.

"Sono molto contento della nostra gara, Alla partenza sono scattato bene dal 16° posto e siamo saliti all’11° in poche tornate. Ho avuto un ottimo doppio stint e possiamo essere felici di avere, ancora una volta, portato a casa la vettura dimostrando una grande affidabilità", prosegue Bortolotti.

"Sappiamo che c’è da lavorare, ma abbiamo disputato una corsa consistente e tutto il team ha svolto un lavoro fantastico, dal quale possiamo ripartire e costruire il futuro".

"Vedo progressi e sono convinto che ne faremo anche in futuro, l'obiettivo era finire la gara senza accusare problemi, consapevoli che non c'è ancora il passo per giocarsela con quelli davanti. Nelle Libere qualche grattacapo c'è stato, ma l'abbiamo risolto e quindi dovevamo solamente fare una corsa pulita senza errori e adottando una buona strategia".

"Abbiamo due anni di svantaggio rispetto agli altri ed è la prima volta che Lamborghini costruisce un prototipo, senza aver mai corso a Le Mans e sulla maggior parte delle piste di quest'anno. Combattiamo contro dei grandi, quindi è chiaro che dobbiamo recuperare con calma e lavorando su tutte le aree. Queste sono le sfide che ci piacciono".

“È sempre bello e speciale correre a Imola, è la pista di casa per Lamborghini e per me. Prima di tutto, è fantastico tutti questi appassionati e vivere questa atmosfera".

#63 Lamborghini Iron Lynx Lamborghini SC63: Mirko Bortolotti, Edoardo Mortara, Daniil Kvyat

#63 Lamborghini Iron Lynx Lamborghini SC63: Mirko Bortolotti, Edoardo Mortara, Daniil Kvyat

Foto di: Emanuele Clivati | AG Photo

Mortara aggiunge: “Alla fine è stata una giornata positiva, è la seconda volta che finiamo una gara del WEC senza problemi, un risultato importante tenendo conto che questa vettura è completamente nuova e che stiamo inoltre migliorando le prestazioni ad ogni weekend fin dal debutto in Qatar. Speriamo che la prossima gara possa andare meglio, anche se questo fine settimana è stato per noi un successo e siamo vogliosi di ottenere di più in futuro".

Kvyat gli fa eco: “La squadra ha fatto un bel lavoro, nonostante le condizioni di meteo variabili. Sappiamo che c’è molto lavoro da fare, ma sicuramente abbiamo preso la strada giusta. Ora dobbiamo scambiarci più informazioni possibili per migliorare l'auto sotto ogni punto di vista".

"Dobbiamo comunque essere contenti del risultati di oggi perché il 12° posto è stato il nostro miglior risultato ottenuto ad ora. In queste condizioni è stato difficile guidare, ho avuto parecchio da fare e vissuto alcuni momenti da brivido, ma mi sono divertito".

Emmanuel Esnault, Responsabile corse di Iron Lynx, commenta: "La gara era piena di promesse e siamo soddisfatti in generale di come si è svolto il weekend. Abbiamo continuato a lavorare e a migliorare, risolvendo rapidamente i problemi iniziali che abbiamo riscontrato, e a lavorare senza problemi il giorno della gara, nonostante le situazioni ambientali difficili, il logorio e le condizioni meteorologiche che hanno creato ulteriori problemi".

"Siamo determinati a continuare questi progressi a Spa-Francorchamps e sulla strada per Le Mans. Le prossime settimane saranno importanti e impegnative per tutti noi, con il lavoro di preparazione per la 24h e alcuni test, ma daremo il massimo e continueremo a lavorare il più possibile".

Rouven Mohr, Chief Technical Officer e Responsabile del Motorsport di Lamborghini Squadra Corse, chiosa: “È stata una corsa molto emozionante, specialmente perché ci sono stati tanti appassionati nella nostra gara di casa. Imola è sempre molto speciale e le prestazioni sono migliorate andando nella giusta direzione. Questo significa che stiamo stiamo imparando molto gara dopo gara e ne sono molto felice".

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente WEC | Rossi già sul podio in LMGT3: "Una bella festa per tutti!"
Articolo successivo WEC | Toyota, gioia a metà: "Ferrari più forte in tutto. Quasi.."

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Svizzera