WEC | Il Richard Mille Racing chiude i battenti a fine 2022

Il Richard Mille Racing LMP2 ha chiuso i battenti dopo la conclusione della stagione 2022 del FIA WEC in Bahrain.

WEC | Il Richard Mille Racing chiude i battenti a fine 2022

In una dichiarazione rilasciata mercoledì, Richard Mille ha affermato che il marchio "si evolverà rimanendo fedele ai suoi obiettivi iniziali", senza rivelare se intende continuare a rimanere impegnato nel motorsport in qualche modo nel 2023.

Il team è stato fondato nel 2020 dal magnate dell'orologeria e presidente della Commissione Endurance della FIA, Richard Mille, con l'obiettivo di promuovere il talento femminile nel motorsport internazionale.

Il team ha iniziato a partecipare all'European Le Mans Series con un equipaggio tutto al femminile composto da Tatiana Calderon, Sophia Floersch e Beitske Visser, prima di passare alla classe LMP2 del WEC nel 2021 con la stessa formazione.

Quest'anno è passato ad un equipaggio misto, con Charles Milesi, la leggenda del WRC Sebastien Loeb e successivamente Paul-Loup Chatin, che si sono uniti a Lilou Wadoux nell'unica Oreca 07-Gibson #1 del team gestita da Signatech.

"Il nostro obiettivo iniziale nel creare il Richard Mille Racing Team era quello di avere un forte impatto e sottolineare la mancanza di opportunità per le donne", ha dichiarato Amanda Mille, responsabile del progetto Richard Mille Racing Team.

"Con una formazione tutta al femminile, l'obiettivo era di portarle ai massimi livelli dell'automobilismo. Il nostro approccio e le nostre prestazioni, per nulla inferiori a quelle delle nostre controparti maschili, hanno sfidato i pregiudizi. Gradualmente, abbiamo sviluppato il progetto ascoltando i nostri piloti".

"Tutti ci hanno detto che sarebbero riuscite ad avanzare in questo mondo il giorno in cui gli uomini avessero chiesto di fare squadra con loro. Quest'anno ci siamo riusciti con piloti eccellenti ed entusiasti del nostro progetto: Lilou Wadoux, a cui si sono aggiunti in seguito Charles Milesi, Sebastien Ogier e Paul-Loup Chatin".

Richard Mille

Richard Mille

Photo by: Marc Fleury

Durante i tre anni di permanenza nelle gare prototipi, la Richard Mille ha raggiunto diverse pietre miliari, tra cui la prima partecipazione di una formazione tutta al femminile alla 24 Ore di Le Mans dal 1991, quando Lyn St. James, Desire Wilson e Cathy Muller condivisero una Spice SE90C.

Le prestazioni della Wadoux nella sua stagione da esordiente le hanno permesso di essere nominata dall'organizzazione del WEC per diventare la prima pilota donna a guidare una hypercar (LMH), e all'inizio del mese si è unita alla Toyota per il test post-stagionale al Bahrain International Circuit.

La Richard Mille si è classificata al nono posto in entrambe le sue stagioni nel WEC, con un sesto posto di classe a Le Mans nel 2022 che è stato il punto più alto della sua partecipazione al campionato.

Richard Mille non ha rivelato come intende proseguire il progetto nel 2023. "Oggi il Richard Mille Racing Team chiude la porta del garage", ha dichiarato Mille. "Si chiude un capitolo, ma inizia una nuova avventura, in linea con la genesi del progetto".

Dopo l'addio di Richard Mille, la Signatech, che si occupava della parte operativa del team, dovrebbe schierare due vetture LMP2 per Alpine il prossimo anno, prima che le due parti uniscano nuovamente le forze nel 2024 con una nuova vettura LMDh costruita dal costruttore francese.

condividi
commenti
IMSA | Cadillac ha omologato la V-LMDh per la 24h di Daytona
Articolo precedente

IMSA | Cadillac ha omologato la V-LMDh per la 24h di Daytona

Articolo successivo

WEC | La Toyota conferma tutti i suoi piloti per il 2023

WEC | La Toyota conferma tutti i suoi piloti per il 2023